Annalisa Scarrone: ‘Non mi sento sconfitta, ho coronato il mio sogno’

Di Rassegna.stampa - 11 marzo 2011 16:03:00

Ad Amici è arrivata seconda, dietro a Virginio Simonelli, ma Annalisa Scarrone si sente realizzata: il 4 marzo è uscito il suo album Nali prodotto dalla Warner, la coronazione di un sogno tanto a lungo inseguito. Annalisa, che questo sabato sarà ospite di Verissimo e la prossima settimana vedremo anche al Chiambretti Night, ha rilasciato una lunga intervista a Tvblog. Dopo il salto potete leggerla per intero.

Come ci si sente ad essere la vincitrice annunciata sin dall’inizio?

“Ci si sente sotto pressione perchè indubbiamente fa piacere quando arrivi lì e prendi tutti voti alti però tutte le settimane mantenerli è dura. La prima volta che ho cantato l’ho fatto in modo molto naturale perchè era la prima settimana che ero lì e ho eseguito tra l’altro il mio pezzo. Quando parti con un 9 nel momento in cui passi ad un 7 hai già fatto una figuraccia. E’ stata dura.”

Ti spiace non aver vinto?

“Sono molto soddisfatta per come sono andate le cose, anche perchè sono partita ad ottobre e sono arrivata fino alla fine. E sono sorpresa anche di come è andato il televoto, specie nella finale. Ho preso il Premio della Critica che ha un peso particolare e sostanzioso e sono anche molto contenta di come sta andando su Itunes il cd, cosa di cui non mi ero resa conto quando ero ancora nella casetta”.

E’ stato meglio perdere di pochissimo con Virginio o preferivi risultare sconfitta con qualcun altro?

“No, assolutamente. Pensavo di arrivare all’ultima puntata e non avere nessuna chance. Sono stata contenta che ci sia stato una sorta di ballottaggio e ci siano stati pochi voti di scarto. Poi Virginio è sempre stato quello che stimavo di più e siamo anche amici”.

Credi che le accuse che ti venivano fatte durante il programma secondo cui non riuscivi ad arrivare come avresti dovuto siano state la causa al fotofinish della vittoria di Virginio ?

“Non lo so, onestamente. Può essere, ma non facciamone un dramma. Va bene così”.

Uno degli inediti, Solo, è l’unico presente nel cd scritto da te. Non avevi altro di pronto?

“Diciamo che forse non era pronto neppure quello perchè quando l’ho portato ai provini l’ho fatto con una base fatta da me in casa. Lo hanno ripreso, sistemato e adattato. Il lavoro è stato fatto con una cura pazzesca guardando a me in primis, abbiamo scelto le canzoni insieme, lavorando fianco a fianco con Maria che si è preoccupata di scegliere le canzoni più giuste per me. E’ stato fatto un lavoro molto accurato anche se realizzato in pochi giorni”.

Solo è il brano che ti rappresenta di più?

“Sì, senza dubbio visto che l’ho scritto io. Però tra gli altri, il brano che mi piace di più degli altri è Diamante lei e luce lui, il mio preferito in assoluto”.

Quello che però secondo te rispecchia più te stessa è Giorno per giorno.

“Sì, perchè è stata scritta ispirandosi a me. Rappresenta tanto i miei momenti ad Amici davanti alla commissione, il percorso che ho fatto attraverso il programma, quello che si è visto di me dentro lo schermo”.

Sei laureata in fisica. Come nasce questo connubio musica-fisica?

“Ho fatto l’Universita per la Fisica per darmi una sorta di sicurezza anche se ho sempre voluto fare la cantante. Essendo molto razionale e realistica mi sono sempre resa conto che sarebbe stato difficile, quindi per prima cosa mi sono laureata e poi mi sono data un tot di tempo per focalizzarmi solo sulla musica, partecipando poi ad Amici”.

Nali come nasce? Chi l’ha inventato?

“Una mia amica dell’Università a Torino, Linda, che mi ha aiutato molto. Forse senza di lei non avrei portato a termine il percorso universitario. E’ un piccolo genio, ci vediamo ogni tanto anche se abita qualche chilometro da casa mia ed è venuta a Roma una volta durante il pomeridiano”.

Come ti sei trovata a lavorare con Maria De Filippi?

“Con Maria è stato strano perchè io le prime volte che la vedevo mi faceva paura, da ammiratrice quale le sono sempre stata. E’ stato bello rendersi conto che una persona così importante si preoccupi di tutto. Eravamo super monitorati, tutte le volte che qualcuno aveva un’insicurezza in sala relax, lei arrivava, ci parlava e si preoccupava che tutti fossero tranquilli coccolandoci. Ci sentiamo spesso anche dopo Amici, è al corrente di ogni cosa che faccio”.

Che cosa pensavi prima di entrare ad Amici e dei talent show in generale, facendo parte della categoria che spesso li ha disprezzati a scatola chiusa salvo poi andarci come ospite dopo qualche tempo?

“Non ho mai fatto parte della categoria che disprezzava Amici, l’ho sempre guardato anche se da distante perchè mi faceva paura la parte scuola e quella del reality. Poi avevo provato ad andare ad Xfactor, alla prima edizione e non sapevo neppure come sarebbe stata, e anche lì ero dubbiosa se ci fosse una componente reality. Sono andata ad Amici poi perchè il mio scopo non era quello di essere popolare ma di fare della musica la mia vita, vivere di quello, e mi sento di dire a chi magari ha pensato le stesse cose che ho pensato io, che non bisogna aver paura. Se ci sono ci sono riuscita io che come personalità ero proprio l’anti-talent per eccellenza, ci possono provare davvero tutti.”

Cosa pensi degli altri fuoriusciti dei talent show, da Emma a Valerio, Marco Carta, Mengoni o la Amoroso?

“Mi piacciono molti. Quelli che preferisco sono Alessandra e Mengoni. E poi ho un affetto particolare per Valerio perchè quando siamo stati ai provini di XFactor c’era anche lui e siamo stati scartati entrambi!” (ride, ndr)

Parliamo un secondo di te, sei fidanzata?

“Non ho ancora avuto tempo per gestire questa cosa…”

In televisione cosa vedi?

“Io sono pazza dei telefilm. Amo soprattutto quelli di fantascienza tipo Battlestar Galactica, Fringe, Heroes. Seguo anche i CSI, se mi capita li guardo. Sono parzialmente fan dei medical ma non mi stravolgono. Mi piace anche la sitcom The Big Bang Theory. Guardo anche i cartoni, le anime tipo Naruto” (ride ndr).

Come vedi il tuo futuro o meglio la tua strada? Negli ultimi anni i vincitori o i secondi classificati sono andati a Sanremo. Ti piacerebbe?

“Io non vedo ora la mia strada, mi auguro che ci sia… Sicuramente sarebbe stupendo, sarebbe il palco più ambito quindi non potrei dire di no”.

Fonte: Tvblog