Fanatismo in rete: che ne pensate?

Di Isa - 26 giugno 2011 14:06:07

Fanatismo

Ciao ragazze! Leggo sempre il vostro blog e mi piacerebbe condividere con voi e gli altri utenti una mia riflessione che spero non risulti essere pedante. Chiedo anticipatamente scusa se con le parole sottostanti, che esprimono un mio parere e pensiero, offendo qualcuno involontariamente ma spesso, leggendo appunto il blog, noto che attorno a tanti personaggi televisivi c’è un esasperato e preoccupante fanatismo. Dall’etimologia appare evidente che caratteristica del fanatismo è una vena di follia, accompagnata o addirittura causata da una credenza autentica e sincera, da uno zelo eccessivo ed acritico, particolarmente per una causa religiosa, amorosa oppure politica o con un entusiasmo ossessivo per un passatempo, hobby oppure una persona (da wikipedia). Proprio “questo entusiasmo ossessivo per una persona”, sia questa un cantante/gruppo, un/una attore/attrice, un/una calciatore/squadra di calcio, un “gieffino” oppure, e quest’ultimo caso è quello che qui dentro più riscontro, un/una tronista o un/una corteggiatore/corteggiatrice uscito/a da Uomini e donne. Non c’è nulla di male ad appassionarmi ad uno o più di questi personaggi finché prevale il giusto distacco. Il problema sorge quando la gente ne diventa assiduamente “pazza”. Io leggo nei vari forum e/o blog forme di esaltazione e di mania verso questi personaggi che mi fanno davvero “paura”; persone che arrivano ad annullare completamente la loro serenità e obiettività di giudizio e che sviluppano un’intolleranza più assoluta delle opinioni altrui se queste si dissociano dalle loro o vanno contro i loro beniamini. Persone che vivono praticamente in funzione di questi personaggi, delle loro foto e/o interviste. Io trovo tutto ciò abbastanza preoccupante. Per evitare di diventare troppo prolissa vorrei chiudere con questa apposita citazione di Amos Oz sul fanatismo: «Il fanatico è un punto esclamativo che cammina. Non ha una vita privata. Appare come un altruista, visto che si interessa soprattutto agli altri. Ma non lo fa per capire l’altro, lo fa solo per costringere l’altro a essere ciò che lui pensa sia giusto essere. Per costoro, nessuna forma di mediazione è possibile.Qualsiasi fanatico pensa sempre di possedere la verità assoluta da imporre agli altri per il loro bene?»

E voi che ne pensate? Siete d’accordo con  la citazione di Amos Oz?

Spero di leggere tanti commenti interessanti! Alessandra