‘Amici di Maria De Filippi’: l’opinione di Federica sul quinto serale

Amici di Maria De Filippi

(Post a cura della nostra blogghina Federica)

Il quinto serale di Amici si apre con un colpo di genio: l’ospite speciale sarà italiano dunque la sigla viene annunciata in inglese. Meglio: la conta eseguita in inglese, ma “sigla” resta in italiano. Magari era già stato fatto la volta scorsa, ma nel caso me lo sono dimenticata.

Gabry Ponte dopo la registrazione andrà ad un rave, ha scelto infatti d’indossare delle scarpe fluorescenti adatte a quel  tipo di festa, ma un po’ meno all’ambiente amiciano.

Giovani Allevi è l’ospite politico di questa serata, e vi dico solo che non è uno scherzo. Allevi è decisamente provato da quest’esperienza mistica chiamata “essere ospite ad Amici”, è quasi commovente vederlo così.

Emma Marrone e Miguel Bosè dopo il consueto bimbumbampescefrittoebaccalà si presentano a vicenda imitando la voce narrante che accoglie i giurati ad inizio puntata, io proporrei alla De Filippi di sponsorizzare una nuova sitcom con i due direttori artistici come protagonisti… Si potrebbe chiamare “L’amore ai tempi della De Filippi”.

Si comincia davvero, e pure in grande stile con la comparata Nicolò NotoLorella Boccia. Mi spaventa avere sempre la stessa opinione della Ferilli (ossia: amo Nicolò sopra ogni cosa) quando si tratta di loro, però così è. Lorella sarà pur migliorata, e nelle coreografie televisive  ha un suo perché, ma Nicolò è Nicolò… E Nicolò balla benissimo, molto meglio di Lorella.

Emma punta su Pasquale di Nuzzo (e aggiungerei PURTROPPO). Pasquale ha due espressioni che crede essere molto cool, quando balla. Una la chiamerei: “Mamma mia ho tanta Paura”, e l’altra: “Ops, cos’ho combinato?”, entrambe altamente irritanti per i più ( ma fra  i più non rientrano i giurati). Per fortuna Bosé passa al canto, e alla corale blu.  I cantanti blu sono sempre più hippie (e sta volte le ragazze sono scalze), ma anche un po’ “voca- people”. “Cantano” cioè “vocalizzano”….  In soldoni fanno dei versi e dei mugugni e non pronunciano mai parole di senso compiuto, sulle note di  “ la canzone della pubblicità dei Tic Tac con Michelle Hunzicker”, ed io li trovo strepitosi. Una delle mie esibizioni preferite da quando è cominciato il serale di Amici. Voglio la formazione dei Voca Blue People Group.

Siamo già alla terza prova ed entra Carlo Verdone, che sicuramente (artisticamente) è meglio di Gabriel Garko ma in fin dei conti a me continua a mancare Al Pacino. Sono convinta che ¾ del pubblico non avesse idea di chi fosse comparso davanti a loro. Ma sono solo sensazioni. Per la terza prova (che come Maria ribadirà in seguito, è importantissima) vengono scelti i duetti con ospite: Greta Manuzi – I suoi respiri nel microfono – Patty Pravo – Il botulino che le impedisce la sillabazione VS Verdiana Zangaro– I suoi gorgheggi – Venditti – I suoi occhiali da sole.

Gabry Ponte finge che i duetti uomo-donna siano stati inventati sta sera (no, quella sera.. Quella in cui han registrato) e dice che Verdiana merita un plauso in più per aver cantato con un uomo che probabilmente ha una tonalità diversa dalla sua.

Ad un certo punto si rinsavisce, e si torna alle cose importanti alle quali quest’edizione di Amici gira attorno: la promozione discografica di Moreno Donadoni. C’è un inedito nuovo, e anche questa volta vengono citati vecchi tormentoni all’italiana, ma la frase che più colpisce (e che regge l’intera canzone) è “Che confusione, intorno a me, un po’ come, dopo una BOMBA”. Ma perché l’ha scritto? Come se uno dopo l’esplosione di una bomba, ammesso che per un caso rarissimo possa essere ancora vivo,  abbia il tempo di pensare: “Ah che confusione tremenda ha creato questa bomba”… Però dopo Moreno c’è Edwyn Roberts a risollevarmi il morale, lui con il suo pianoforte se la cava sempre bene, e stasera è pure intonato. Un’esibizione davvero gradevole la sua, assai più dell’inedito di Moreno (anche se aspetto di sentirlo per intero).  Argentero, fra le righe, dice che Edwyn è migliorato molto senza Marta Marino ( critica palesemente rubata a Platinette). È un po’ paradossale la situazione in cui Edwyn è un altro Edwyn ed è migliorato molto (quasi un miracolo, tutto in una settimana, dal minuto dopo in cui è uscita Marta) ma poi tanto sta sera verrà comunque eliminato.

Tocca ad Ylenia Morganti con Candle in the Wind, canzone che si addice alla sua famosa, e contagiosa, allegria. Mi ripeterò, ma voglio farlo: Ylenia non può cantare da sola, non può. Ha dei buoni bassi, ma troppa aria e da sola è tutto così evidente e brutto a sentirsi. In gruppo viene mascherato questo difetto e lei risulta al posto giusto.  La giuria non la pensa come me e fa tanti complimenti ad Ylenia, dunque Emma decide di rispondere con la corale di canto bianca: Imagine, lei e Greta e le loro urla più il rap di Moreno del quale mi colpisce la frase seguente: “la colpa è sempre di tizio e caio”. Ma in generale avrei evitato questo storpiamento di un capolavoro musicale come Imagine. Scusali Jon, perché non sanno quello che cantano.

Maria si vergogna del tifo da stadio e fa a notare a Verdone quanto sia fanatica la gente in studio. Poi annuncia il cambiamento del regolamento: da sta sera l’eliminato della prima manche sarà un eliminato soltanto provvisorio, tornerà alla fine per sfidarsi con l’eliminato provvisorio della seconda manche.

L’eliminato provvisorio (va beh, anche quello reale) di sta sera è Edwyn. Perché dopo la beffa, anche il danno.

La seconda manche si apre con un freestyle politico di Moreno, e l’esultazione del pubblico all’udire la parole “cu*o”. Bosé definisce tutti un “bel branco di pecore” . La risposta blu è Verdiana in Caruso, una noia mortale.

Bosé vorrebbe concordare con quanto appena detto da Emma ma viene comunque fischiato, e poi chiede (trovando la solidarietà di Mavì e più in là anche quella di Emma) se la vogliono smettere.

Balla Lorella, e per lei son tornati gli “strusciao” tanto amati dal buon vecchio Garofalo. Per i blu viene nuovamente (e ovviamente) scelto Nicolò che in questa coreografia è pure elegantissimo. Anche se secondo Argentero non è stato esplosivo, però lo vota comunque perché la seconda manche devono proprio vincerla i blu.

Scopriamo che gli occhi di Miguel sono come quelli dei camaleoni – che sarebbero i camaleonti- ed arriviamo alla terza prova. Maria insiste, e spiega per l’ennesima volta l’estrema importanza della terza prova, fa notare a Miguel che prima ha perso per via della terza prova. Poi fa notare ad Emma che prima ha vinto per via della terza prova. Dunque ne si evince che la terza prova dal voto occultato sia davvero importante. Ma proprio tanto!

Le punte di diamante volute in questa prova dall’importanza vitale sono: Moreno (in so-so-so-sotto questo sole) e Nicolò che legge il giornale, sale su una scala e regala dei fiori.  Miguel annuncia l’esibizione del suo ballerino dicendo che quest’esibizione a lui piaceva molto, ma ora è un po’ dimezzata… Insomma.. La chiamavano corale di ballo blu, ma invece era rimasto soltanto Nicolò. Maria chiede a Luca di esprimere la sua preferenza “di dire ma senza dire” cosa gli sia piaciuto di entrambe le esibizioni. Luca copia un po’ il parere del compare Gabry Ponte, farcendolo con qualche cosa nuova. Verdone rischia di rompere il computer con cui ha appena votato, ma non fa niente perché tanto non servirà più.

Emma è un grandissimo cuore camminante, lo dice Miguel, ed è il complimento più bello che le sia mai stato fatto nella vita. Ma d’altronde stava con Stefano, che non è certo un grande oratore per cui non c’è da stupirsene (forse un po’ da dispiacersene).

Ma torniamo ai ragazzi ed a Greta… Anzi no, voglio dimenticare Greta in Mia Martini il più presto possibile per cui non dirò nulla.. Ma a pensarci bene altrettanto noiosa e terribile ho trovato Ylenia e Verdiana in “Io canto” per cui facciamo semplicemente finta che durante queste prove, io fossi velocemente andata al bagno.

Ylenia con gli stadio mi piace solo nel secondo pezzo, ma scopriamo alla fine che il primo era destinato ad Edwyn non a lei,  tra l’altro ogni volta che sento cantare “un senso” al momento del “sai che cosa penso” vorrei sempre cantare che” il povero Renzo domani arriverà, le nozze chiederà lo stesso”, ma forse non tutti sono fan degli Oblivion.

Emma “si trasforma in ospite della serata e canta lei stessa”, perché oltre a Moreno anche lei deve promuovere il suo cd, e sta sera ha già fatto tardi. Di questa nuova canzone di Emma mi sono rimaste impresse le parole “Voglio soltanto bestemmiarti”. Magari qualcuno mi spiegherà questa metafora, un giorno. Oggi passo.

Maria se la ride nel richiamare Ylenia accanto a sé. In effetti è divertente ed entusiasmante: Coach contro alunna, chissà chi vincerà?

La seconda manche finisce nuovamente in patta, e la terza prova (come aveva previsto Maria) è di fondamentale importanza.  Ovviamente sono i blu a vincere la terza prova e  dunque la seconda manche, e l’eliminato provvisorio bianco è Lorella. E si assiste alla sfida fra i due eliminati provvisori.

Miguel, fuori gara, canta con quella che lui ritiene una star però è soltanto sua nipote. Rigorosamente in playback.

Edwyn ci lascia nella sua serata migliore, e con la sua esibizione migliore “Mattia” (scritta da lui, perché anche se han cercato di farcelo dimenticare noi lo sappiamo: Edwyn sarebbe un cantautore)  con tanto di lacrime sul “ti amo”, Verdone lo incoraggia e gli dice che ce la può fare.. Anche lui è stato scartato nei suoi primi provini, ma se si crede in sé stessi tutto è possibile. Probabilmente non sarà vero, anche se io ad Edwyn un po’ auguro che lo sia, ma penso che faccia sempre piacere sentirselo dire per cui apprezzo  le parole d’incoraggiamento rivolte all’eliminato della serata.

P.S SPOILER: La finale sarà noiosissima, me lo sento

E voi che ne pensate? Siete d’accordo con l’eliminazioni di Edwyn?