Le “notti boccaccesche” a casa di Silvio Berlusconi / Francesca Cipriani: “Io ero gelosa e lui mi ha picchiata”

Di Edicola - 4 maggio 2014 16:05:55

Nuovo

Il giudice del Tribunale di Bari Ambrogio Marrone ha distrutto la tesi difensiva dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, nel processo per favoreggiamento della prostituzione: “Macché cene eleganti. Era una fiorente attività di esercizio della prostituzione, indotta, favorita e sfruttata” dall’imputato Giampaolo Tarantini e i suoi complici. Gli avvocati, invece, sostengono che lui e Patrizia D’Addario ignoravano che fossero prostitute. Nei 26 episodi raccolti, avvenuti tra il 2008 e il 2009, sono citate 21 ragazze, che erano “semplici oggetti, suscettibili di commercio a scopo sessuale”. Tra queste l’attrice Manuela Arcuri e l’ex naufraga Sara Tommasi. 
Forse ancora più triste è la storia di Francesca Cipriani. L’ex gieffina e poi vincitrice de La Pupa e il secchione sostiene di esser finita in ospedale dopo esser stata picchiata dal fidanzato, Marco Pavanello, ex corteggiatore a Uomini e donne. “Ho scoperto sms compromettenti sul suo telefonino e quando ho chiesto spiegazioni, lui mi ha riempito di botte”, ha detto lei mostrando i lividi. I due erano già stati protagonisti di un episodio simile a settembre.

Fonte: Nuovo