Maurizio Costanzo, mazzata sul Grande fratello: “Trasmettere ancora quel programma è un crimine!”

Di Edicola - 7 maggio 2014 14:05:04

Nuovo

Durante un incontro organizzato all’Università IULM di Milano, il conduttore Maurizio Costanzo ha dichiarato che “mandare in onda il Grande fratello è un crimine”. Così, quando gli si chiede di spiegare perché, secondo lui viene ancora mandato in onda, risponde: “Talvolta i format, stanchi dopo tante edizioni, vengono mandati in onda quasi a dispetto del telespettatore, che si trova a sorbirsi una trasmissione che non suscita più alcuna curiosità. Io credo che la mancanza di novità sia il problema del Grande fratello“. Quando gli si chiede invece se non crede che anche i talent show siano stati troppo sfruttati e non diano più buone occasioni, risponde: “Dipende da quali. Se sono fatti bene, permettono al concorrente di affrontare la professione, altrimenti non succede nulla. Per ora Amici e a seguire X Factor, ci riescono. Guardate Alessandra Amoroso, Emma Marrone e Marco Mengoni“. Parlando della crisi dei comici, invece, ricorda: “Io ne ho lanciati tanti grazie al talk show, per di più realizzato in teatro, permettendo loro di creare memoria dei loro interventi”. Poi, dopo aver parlato di un programma sugli animali domestici mai andato in onda e del suo programma notturno S’è fatta notte, quando gli si chiede se ne farà mai uno con sua moglie Maria De Filippi, risponde: “Non credo. Sono passati alcuni anni e rimaniamo fedeli all’idea che essendoci stati Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, è inutile l’idea di fare coppia in tv. Ora che ho 75 anni, alcune volte mi piace stare in famiglia, altre non perdo il vizio di andare a lavorare, in tv o alla radio”.

Fonte: Nuovo