Up&Down, spazio alla moda: Jennifer Lawrence

Eccoci all’appuntamento settimanale con la rubrica Up&Down curata dalla nostra blogghina Cristiana che esaminerà il look di un personaggio dello spettacolo, indicando una mise Up ed un outfit assolutamente ed inesorabilmente Down! A lei la parola:

Up&Down - Jennifer Lawrence

Jennifer Lawrence è la seconda attrice più pagata di Hollywood (dietro solo a Sandra Bullock, quindi non una qualsiasi), ha vinto un Oscar come miglior attrice protagonista, è testimonial Dior, e riesce nel difficile compito di mettere d’accordo adulti e critici, che la considerano la nuova Meryl Streep, e il giovane pubblico di massa che l’ha conosciuta e apprezzata come eroina della saga Hunger Games. Tutto questo a soli 24 anni appena compiuti. In più, come se tutti questi trionfi non fossero abbastanza, è notizia recente quella che la indica come la nuova fiamma di uno degli uomini più sexy e neo-single più ricercati del pianeta: Chris Martin, leader dei Coldplay, ex marito di Gwyneth Paltrow. Una ragazza che avrebbe tutte le carte in regola per essere tanto invidiata, al punto da arrivare quasi ad odiarla, se non fosse per il suo reale e puro talento, e per la caduta sulla scalinata del Kodak Theatre al momento di andare a ritirare la statuetta come miglior attrice che la rendono, invece, una delle preferite della nuova generazione americana.

DOWN: A differenza di quanto successo con il Gallella (e chiedo scusa per il paragone, lo so da me che siamo su due pianeti differenti) mi sono dovuta impegnare per trovare un look in cui Jennifer non fosse al limite della perfezione. Almeno fino a quando ho trovato queste foto della sua recente partecipazione ai Teen Choice Awards. L’abito di Viktor & Rolf voleva ricordare l’oceano. Le onde blu elettrico, dovevano dare l’idea di quelle del mare in tempesta, e fin qui ci siamo pure. Quello che rovina il tutto è l’utilizzo della rete, che in generale dà sempre l’idea del fetish, ed in questo abito specifico da anche quella di una rete lasciata li da qualche peschereccio con la speranza di ritrovarci quale sardina attaccata al momento di ritirarla. Anche le scarpe sono troppo aperte sul davanti, al punto che il piede potrebbe avanzare pericolosamente, creando l’effetto “ciabatta della nonna” e il plateau troppo alto. Voto: 5, perché se l’effetto non è totalmente disastroso si deve solo ringraziare il fisico e la naturale eleganza della Lawrence.

UP: Quando mi è stata affidata questa rubrica, il primo personaggio a cui ho pensato e di cui non vedevo l’ora di analizzare il look è stato Jennifer Lawrence. E questo perché non ho mai avuto dubbi su quale fosse il look perfetto da mettere vicino ad un pollice verde. Ero impaziente di lanciarmi nell’elogio all’abito Dior indossato dall’attrice la sera della sua vittoria agli Oscar. Addirittura, a mio parere, il più bel look della storia dei premi Academy. Forse solo il Valentino con cui Julia Roberts ha ritirato la sua, di statuetta, potrebbe competere. Questo abito è perfetto nel tessuto, nella forma, nel colore, nelle proporzioni. Tutto. Perfetto il corpetto aderente, che scende avvolgente fino ai fianchi, per poi aprirsi nella straordinaria, ampia gonna. Magnifico il tessuto che sembra dare un effetto damascato. Impeccabili gli accessori: collana-filo di brillanti, che scende lunga sulla schiena scoperta, orecchini pendant, pochette minimal argentata. Capelli raccolti in un semplice e sempre elegantissimo chignon. Con un abito del genere giusto scegliere l’accessorio più basic possibile per non rischiare di appesantire e quindi rovinare l’outfit. Voto: 10, se mai dovessi sposarmi saprei da quale abito partire come fonte d’ispirazione.