Giuseppe dixit, Rina respondit

Di Chia - 9 aprile 2015 14:04:00

Trono over

Maria De Filippi: ‘Rina, so che tu hai avuto dei problemi, sbaglio?’

Rina: ‘No, problemi no, perché la gente bisogna prenderla per quello che è. Non ho nessun problema. Il problema è questo Maria: che diceva una persona… poche parole, intenditori buoni! […] Diceva questa persona che le donne devono essere trattare con un fiore, ma nun penso che s’è cambiato il mondo che ar fiore se dice le parolacce, che ar fiore se dicono le parolacce…’

Maria De Filippi: ‘Perché ci deve essere stato un errore per cui è partita una telefonata dal cellulare di lui, a lei. Giusto?’

Rina: ‘Ma no una telefonata, perché… se dice: ‘Chi è?‘ […] Allora gli dicevo io: ‘No, guarda che io non ho telefonato a nessuno‘, me se gira con quella bella bocca che c’ha… e m’ha detto una parolaccia […] Allora adesso se sei n’omo dì quello che hai detto, forza! Se sei n’omo dillo quello che hai detto!’

Giuseppe:’ Signora Maria, chiederei gentilmente un attimo di attenzione…’

Rina: ‘Ecco, mo dice il monologo!’

Giuseppe: ‘..per chiarire questo grande errore che c’è così dolce e così adorata, che c’ha na bocca così sfasciata che nun… che nun c’è limite di poterla otturare…’

Rina: ‘Ma guarda che la bocca sfasciata ce l’hai te! (alzandosi per andare a intimare Giuseppe, ndr) Hai capito? La bocca sfasciata ce l’hai te! Ce l’hai te!’

Giuseppe: ‘E va via! Mamma mia!’

Rina: ‘Vai via! Hai capito! Ma non ti vergogni a 80 anni… […] Bocca Schifosa! A 80 anni, brutto schifoso!’

Giuseppe: ‘Ma guarda te che articolo! Ma guarda te che articolo! Io sto qui seduto, dall’altra parte viene qua! Sei impulsiva! Sei impulsiva, aggressiva!’

Maria De Filippi rivolgendosi a Giuseppe: ‘Ma non possiamo far pace?’

Giuseppe: ‘No, assolutamente! Assolutamente!’

Rina: ‘Non so aggressiva! Perché, Maria, non ammetto le falsità, non ammetto le falsità! È un uomo falso, bugiardo, a 80 anni ahò! Ma famo ste storie a 80 anni…’

Giuseppe: ‘Me dice che c’ha una casa tutta sua, grande, con giardino, ma nun c’ha niente!’

Rina: ‘Chi t’ha detto che c’ho la casa col giardino?’

Giuseppe: ‘È così! Nun c’ha niente de’ suo! Cu la nuora, ha detto lei… Cu la nuora ha detto lei che come se avvicinano, s’intruppano, fanno li stragi… Fanno li stragi!’

Rina: ‘Io? Oddio! Ma questo… Questo è schizofrenico! Questo è scemo, guarda… Questo è matto proprio!’

Giuseppe: ‘Diventano incorreggibili! Sia da una parte, sia dall’altra! Ma chi ti si avvicina? […] Che garanzie mi dai tu a me? Che hai preso a cazzotti una persona e gli hai spaccato la faccia? L’hai mandata all’ospedale? A scema tutta! Ma si questo lo fai pure con me chi me lo dice? Ma chi me lo dice? Ma chi me lo dice? C’ha li figli tutti separati! Vengo a dire che c’ha una casa tutta grande, bella, col giardino.. è di tu figlio, cioè… […] Io ti ho cacciato via! E venghi qui… Venghi qui con due occhi così, come quelli di bue, avvelenata, piena di veleno, perché la gente t’ha cacciato via! Venghi qui a sfogarti, perché sei arrogante, impulsiva e aggressiva. Borgatara, va! Borgatara! Borgatara! Fa silenzio! Borgatara! Ma chi t’ha cercato?!’

Rina: ‘A bello! […] Devo rispondere? […] E lasciammo perdere va! Ma mettiti a sede va! È roba che sta co’ un piede dentro la fossa, ma mettiti seduto! Ma mettiti a sede, va!’