Cristina Posati e Martina Camilli a IsaeChia.it: “Ecco perché abbiamo deciso di non corteggiare più Amedeo Andreozzi…”

Le abbiamo conosciute in questa seconda parte di stagione del Trono Classico di Uomini e Donne come corteggiatrici di Amedeo Andreozzi. Ma se per Martina Camilli questa è stata la prima esperienza nella trasmissione di Maria De FilippiCristina Posati invece aveva già partecipato lo scorso anno alla corte dell’ex tronista Luca Viganò.

Oggi, in esclusiva per IsaeChia.it, entrambe raccontano perché hanno deciso di non proseguire il loro percorso in studio…

Cristina Posati

Cristina Posati: ‘Prima di scendere le scale per corteggiare Amedeo Andreozzi avevo già partecipato in precedenza a Uomini e Donne, esattamente lo scorso anno: mi ero presentata ad un appuntamento al buio e sul trono avevo trovato Luca Viganò. Subito dopo la prima esterna con lui, però, ho capito che non c’era affinità tra di noi, non c’era l’interesse giusto, quindi ho ritenuto opportuno eliminarmi. Questa volta è stato diverso, invece. Sono scesa alla quarta puntata, dritta verso il mio obiettivo: Amedeo! Avevo avuto modo di osservarlo da casa, di farmi un’idea di come fosse, e sin da subito avevo notato molte cose in comune tra di noi, quindi ho pensato di ritentare. Da parte sua ho ricevuto immediatamente un riscontro positivo, ci siamo scambiati degli sguardi, dei sorrisi, e mi ha subito portato in esterna. Sono stata benissimo con lui, c’era la giusta complicità, la location era perfetta e avevo una grande voglia di conoscerlo. Eravamo a tavola e, tra una portata e un’altra, ci siamo raccontati. Mi guardava poco negli occhi e questa cosa non mi è piaciuta molto, però nel complesso posso dire di aver trascorso 30 minuti molto piacevoli. Mi piaceva tanto il suo profumo e lui disse lo stesso del mio, questa è l’unica cosa certa (ride, ndr)! Ho sentito comunque una bella sintonia, lui è una persona molto carnale, passionale, e su questo siamo similari. Mi dava l’idea di essere un uomo, una persona determinata, intelligente e affascinante, ma col tempo mi sono ricreduta. Ho capito che ha usato quel contesto per vendere il suo fascino e non per cercare una persona. L’ho trovato incoerente, inconcludente e a tratti anche competitivo nei confronti di Fabio Colloricchio… e questo l’ha portato, inevitabilmente, a cadere nel ridicolo! Rimango convinta che la sua voglia di ricevere conferme da parte di chiunque denoti il fatto che fondamentalmente non è poi così sicuro come vuole far credere, quindi a parte lo sguardo ammiccante e quel sorriso tremendamente coinvolgente, per quanto mi riguarda si è rivelato una persona deludente. Dopo aver visto per l’ennesima volta i suoi atteggiamenti poco attendibili verso persone di poco spessore ho deciso, così, di eliminarmi. Per quanto mi riguarda, come si dice dalle mie parti, Amedeo ‘sta cercando Maria per Roma‘, nel senso che non ha costruito nulla di concreto con nessuna, ma credo sia proiettato verso un prototipo di persona come Alessia Messina… e se dovesse sceglierla, dureranno poco! Di Valentina Dallari penso che sia una ragazza molto particolare e intrigante. Tra i suoi corteggiatori preferisco Andrea Melchiorre, mi piacciono insieme e li vedo complici in ogni esterna. Penso, in ogni caso, che meriti di uscire da quello studio felice con la persona giusta. Fabio mi piace tanto e penso che, almeno lui, sia stato in grado di costruire qualcosa di concreto con le sue corteggiatrici. Mi emoziona molto con Silvia Raffaele, non perché sono di parte in quanto sua amica, ma perché a parer mio c’è molta affinità tra di loro: già quando lei scende le scale, gli occhi di lui si illuminano di una luce diversa. Prima di concludere, volevo raccontarvi un piccolo aneddoto che riguarda Nadia Mohamed. Vi ricordate la corteggiatrice che si reputava elegante e raffinata? Ecco, sì, proprio lei un giorno, mentre mi stavano microfonando, ha pensato bene di insultarmi con lo stesso tono che utilizzerebbe uno scaricatore di porto, dicendomi che mi avrebbe tirato una scarpa addosso durante la registrazione. La mia soddisfazione più grande? In quella puntata il destino ha voluto che Amedeo la eliminasse (ride di gusto, ndr)! Chapeau! Vi ringrazio per questa opportunità e vi mando un grande bacio, Cri!’

Martina Camilli

Martina Camilli: ‘Stavo vivendo un periodo abbastanza brutto e avevo bisogno di voltare pagina quando decisi di partecipare a Uomini e Donne. Amedeo Andreozzi mi sembrava un uomo maturo e avevamo molte cose in comune, in più in esterna c’era complicità, tant’è che spesso, anche durante una discussione, ci guardavamo e scoppiavamo a ridere. Ci stuzzicavamo, c’era sintonia e penso ancora che caratterialmente davvero si trovasse bene con me. Il mio problema, fondamentalmente, era uno: non mi fidavo e non riuscivo a mostrare la mia dolcezza e le mie debolezze! Sono felice di essere andata via perché più passa il tempo più quel trono diventa qualcosa di assurdo, così come assurdo è il fatto che Alessia Messina sia ancora seduta lì e lui continui a portarla in esterna! E’ vero, è un gioco, ci sta che il tronista esca con altre donne, ci sta che scappino dei baci, ma non mi fidavo. In più in studio cercavo di attirare la sua attenzione con gli occhi, ma lui guardava da tutt’altra parte e, infatti, ha portato fuori due ragazze che erano scese per Fabio Colloricchio (Nicole Mazzocato e Alessandra Costa, ndr). A quel punto tutti i miei dubbi hanno avuto sempre più conferme e mi hanno indotta a eliminarmi. Io vivo da sola, ho un buon lavoro e sono indipendente, non ho bisogno di una persona che tiri fuori solo le mie “sclerate”, anzi, un uomo deve farmi sentire protetta, deve saper tirare fuori la mia dolcezza, ma deve anche farmi sentire libera di mostrargli le mie fragilità. Ogni volta che entravo in studio, invece, sembravo una pazza isterica (ride, ndr) e sono sicura che, se anche fossimo usciti da lì insieme, mi avrebbe fatta impazzire col suo essere lunatico e scostante. Lui non ha mai compreso il motivo per il quale ci tenevo tanto a spiegargli perché sono così: non volevo fargli pena, ma dargli modo di capirmi, di capire cosa c’era nascosto dietro le mie parole e i miei atteggiamenti, ma a quanto pare le mie frasi da un orecchio gli sono entrate e dall’altro gli sono uscite. Non lo considero comunque un cattivo ragazzo, per carità!, però forse per una donna come me non sarebbe stato pronto. Ora come ora non ho davvero la più pallida idea di chi potrebbe essere la sua scelta, mi auguro solo che non sia Alessia: credo che abbia fatto fin troppi voltafaccia! Con Alessandra sì, ci sono stati dei baci, ma non vedo tutto questo trasporto da parte di Amedeo, non ho notato nulla di così eclatante. Per quanto riguarda il trono di Valentina Dallari, a me lei piace molto, però, se fossi stata al posto suo, avrei eliminato tutti e ricominciato da zero. Il percorso di Fabio, invece, per ora credo che sia quello più sentito. Lì è una bella lotta, eh! Io ho legato molto con Martina Raspa, so quanto sia sinceramente interessata a lui e la capisco quando cerca di spiegargli quanto per lei sia difficile esprimersi, quindi faccio il tifo per lei, perché so quanto ci tiene. Io ho tatuat una frase: “Amarsi nelle difficoltà è amarsi due volte“. Un mio amico qualche mese fa, quando la vide, mi disse: “No, cara, amarsi nelle difficoltà è il minimo sindacale!”. Beh, grazie all’esperienza bellissima di Uomini e Donne ho capito ancora di più cosa voglio. E io voglio qualcuno che mi tenga stretta! Un saluto a Isa e Chia e a tutte le loro utenti, Martina’