Lisa Leporati e Fabio Donato a IsaeChia.it: ‘Vi raccontiamo com’è nato il nostro folle amore!’

Di Chia - 19 aprile 2015 19:04:28

Nel Trono over di Uomini e Donne da settimane a tenere banco è la discussa storia tra Gemma Galgani e Giorgio Manetti, almeno a centro studio. Ma nel folto parterre di Dame e Cavalieri quei pochi interessati davvero a trovare l’amore nel programma di Maria De Filippi non si fanno certo scoraggiare e, tra un ballo e l’altro, cercano di individuare chi potrebbe fare al caso loro per intraprendere una nuova conoscenza, e poi chissà!

E’ quello che è successo a Lisa Leporati e Fabio Donato: lei, scoraggiata dallo spiacevole epilogo della frequentazione con Luca, stava per gettare la spugna, ma lui è arrivato in tempo e se l’è portata via! Ed oggi in esclusiva per IsaeChia.it ci raccontano com’è nato il loro amore..

Lisa Leporati e Fabio Donato

Lisa, ti abbiamo conosciuta qualche mese fa, quando poco dopo il tuo arrivo nel Trono over di Uomini e Donne hai iniziato una frequentazione con Luca, cavaliere che ricordiamo per quei discussi selfie a torso nudo che aveva inviato ad Elga Profili prima di iniziare a sentire te. La vostra conoscenza sembrava essere iniziata col piede giusto, ma durante una puntata lui ha sorpreso tutti affermando di essere ancora interessato alla sua ex. Un duro colpo, per te.. Ho deciso di partecipare al programma perché ho voluto darmi un’altra possibilità per provare a vivere l’amore, per vedere se, fermando il vortice caotico della mia vita, isolata da tutto il resto (lavoro e impegni familiari), sarei riuscita a dedicare un po’ di tempo a me, a trovare una persona che potesse farmi innamorare e che potesse innamorarsi di me. Credevo e credo ancora nell’obiettivo della trasmissione e, nonostante i pregiudizi e i commenti poco piacevoli ricevuti da parenti e amici, ho iniziato il mio percorso con motivazione e determinazione, rimanendo fedele al mio desiderio e soprattutto a me stessa. La prima puntata ho visto Luca, fin dal primo ballo mi ha travolto con il suo entusiasmo e la sua vitalità, ci siamo scambiati i numeri e abbiamo iniziato una conoscenza telefonica, a cui è seguita una prima uscita a Firenze. Dopo il nostro primo incontro ho deciso di frequentarlo in modo esclusivo, cercando di crescere nel rapporto di conoscenza e facendolo partecipe ogni giorno di più del mio mondo. Nel breve periodo della nostra conoscenza ho sempre cercato di trovare occasioni per vederci e stare insieme, tutto sembrava andare bene fino a quando la sera dopo la registrazione della puntata nella quale tre coppie sono uscite, sull’onda dell’entusiasmo, gli ho fatto presente che ero pronta ad uscire anch’io per iniziare una frequentazione al di fuori dello studio televisivo, esattamente come farebbero due persone normali nella vita di tutti i giorni. I dubbi da lui espressi in quel momento hanno però minato un po’ la mia sicurezza sul suo interesse nei miei confronti. Ho comunque deciso di attendere e concedergli un po’ di tempo, rimandando la discussione al nostro incontro successivo. Questo incontro è avvenuto una settimana dopo e già prima della cena avevo percepito estremo imbarazzo in lui, tanto da non riuscire a sostenere il mio sguardo più di qualche secondo. Durante la cena sono stata messa di fronte ad una realtà poco piacevole, il fatto cioè che nei giorni precedenti lui avesse rivisto la sua ex fidanzata e si fosse reso conto che era ancora innamorato di lei. Ovviamente ci sono rimasta male e la reazione naturale è stata quella di scoppiare a piangere e continuare a piangere per il resto della serata. Ero triste e dispiaciuta, perché gli avevo aperto una porticina del mio cuore e lui si era reso conto che preferiva un’altra. In quel momento non potevo però avercela con lui, l’amore non si può imporre. Altro scenario mi è invece apparso durante la registrazione, quando la redazione mi ha evidenziato che nelle settimane di conoscenza intercorse fra di noi Luca aveva fatto dichiarazioni nei miei confronti che non corrispondevano a quanto lui aveva detto e dimostrato a me. A quel punto si è materializzata ai miei occhi la colossale presa in giro di cui ero ingenuamente stata vittima: una situazione sentimentale poco chiara che coinvolge un uomo e una donna, un periodo di separazione, l’uomo che entra in una trasmissione televisiva per dimostrare qualcosa (a sé stesso o alla sua ex compagna non lo so), agisce mirato per mettersi in mostra (esce con Elga, le manda un selfie a torso nudo, etc..) e trova finalmente l’ingenua di turno, che ci crede e s’illude. Io ho creduto in lui perché mi ero imposta di avere fiducia e di mettermi in gioco per farmi conoscere e per conoscere qualcuno che potesse stare al mio fianco. Questa persona non poteva essere certamente Luca. Non voglio avere la presunzione di affermare che abbia sempre e solo giocato, sicuramente non è stato onesto prima di tutto verso sé stesso, poi verso la sua ex fidanzata e quindi di conseguenza anche nei miei riguardi. Il giorno dopo la puntata ho cercato di parlargli, ma non è stato possibile perché lui stesso, nonostante mi avesse detto che ci teneva a mantenere i contatti perché mi voleva bene, ha deciso che non era più il caso di sentirci, visto che non avevo speso nemmeno una parola in sua difesa. Onestamente questo suo atteggiamento mi ha dimostrato ancora una volta un estremo egocentrismo da parte sua. Pertanto alla delusione è subentrata la rabbia, alla rabbia il senso di vuoto e poi via via a scemare una triste indifferenza. Subito dopo la sua uscita volevo abbandonare il programma, ma poi mi sono detta che non ne valeva la pena, non potevo consentirgli di togliermi una possibilità per la quale avevo duramente lottato: era la mia occasione, il mio tempo e io meritavo di più. Ho continuato pertanto a sedermi sulla seggiolina e a provare a conoscere altre persone, senza però esiti degni di nota o approfondimento. Questo fino a quando qualche mese dopo non è arrivato Fabio…

Fabio, il tuo arrivo nella trasmissione di Maria De Filippi invece è molto più recente: come mai hai deciso di partecipare ad un programma come Uomini e Donne? La decisione di partecipare a Uomini e Donne nasce da una serie di circostanze createsi in compagnia di amici. Dato che verso la fine del 2014 si è conclusa la mia relazione durata 5 anni, dopo un periodo da single le persone vicine a me e a me care hanno iniziato ad indirizzarmi verso questa trasmissione pressandomi con delle battute scherzose o intonandomi la celebre musica che da inizio al programma. Preso il coraggio a due mani e con l’idea che penso accomuni molte persone, “figurati se prendono proprio me”, invio la mail di partecipazione alla redazione. Dopo un paio di giorni vengo contattato per il primo provino e dopo due settimane vengo catapultato all’interno della realtà dello studio televisivo di Mediaset. Fin da subito non mi sono creato molte aspettative, ma sicuramente la speranza di trovare una persona consona a me sì, anche se appesa ad un lumicino. Di una cosa ero certo, del percorso che avrei voluto fare: profilo basso, essere il più trasparente e onesto possibile, ma soprattutto essere me stesso fin da subito. Alla mia prima registrazione ho incontrato subito Lisa, e qui il lumicino ha preso immediatamente vigore..

Cosa vi ha colpito l’uno dell’altra?

Lisa: Di solito, quando si entra in studio, si attende un po’ prima che inizi la registrazione della puntata e quello è il momento in cui si ha la possibilità di verificare i nuovi “ingressi” e leggere i nomi. Ho visto Fabio e mi sembrava carino… Inizialmente ero indecisa se invitarlo a ballare, non sono sicuramente il tipo che si fa problemi o si vergogna, visto che ero in quel contesto era giusto che giocassi la mia partita fino in fondo, senza timore di sembrare troppo “intraprendente”. Tuttavia l’ho osservato per capire come si muoveva e su chi rivolgeva la sua attenzione, poi dopo qualche pausa ballo, a canzone iniziata, senza pensarci troppo, mi sono detta che dovevo andare e mi sono diretta verso di lui. Fabio stava parlando con il suo vicino e ho dovuto chiamarlo per nome, perché si accorgesse di me. Passato l’imbarazzo iniziale, abbiamo ballato e ci siamo presentati. Il ballo successivo è stato lui ad invitare me per ricambiare la cortesia. In questo secondo ballo, mi ha chiesto se frequentavo qualcuno, perché non era sua intenzione intromettersi in una conoscenza già avviata. La sua domanda mi ha colta di sorpresa, dato lo specifico contesto in cui ci trovavamo; la mia risposta è stata comunque negativa: ero uscita una volta a cena con Antonio Jorio, ma lui aveva appena lasciato la trasmissione… Il giorno successivo ho lasciato il mio numero per Fabio e quello dopo ancora ci siamo sentiti al telefono. Fin da subito i nostri discorsi hanno avuto contenuti ricchi e profondi in termini di condivisione di esperienze di vita, mi è sembrato un uomo dal vissuto importante, in grado di recepire correttamente anche il mio, altrettanto ricco e complesso. Approfittando di una mia permanenza a Milano l’ho invitato a cena e lui ha accettato, facendomi presente che rinunciava volentieri a vedere in Tv la partita della sua squadra del cuore (primo punto a suo favore!). Nonostante l’imbarazzo canonico del primo appuntamento la serata è stata molto piacevole, abbiamo chiacchierato di tante cose, compresa la mia esperienza a Uomini e Donne. Mentre mi riaccompagnava, scherzando, ha voluto ricreare un’ipotetica telefonata della redazione il giorno dopo l’appuntamento e mi ha chiesto come avrei reagito se Fabio mi avesse baciato. Io gli ho risposto che avrei ricambiato il suo bacio, lui ha replicato che mi avrebbe baciato già all’uscita dal ristorante, ma che si era trattenuto per rispetto nei miei confronti. Nel sentirsi direi che io avrei accolto il suo bacio, Fabio non ha comunque fatto nulla: ha incassato il colpo, visibilmente imbarazzato, e abbiamo proseguito a parlare. Il primo contatto da parte sua è stato quello di prendermi la mano, mentre gli mostravo il video della registrazione al centro studio con Luca. Terminato il video mi ha letteralmente attirato a sé prendendomi per la sciarpa e mi ha baciata. Ho accolto il suo bacio e ne è seguito un secondo. Sembravamo due adolescenti con tante emozioni da gestire, imbarazzati ma contenti per il momento condiviso. Nei giorni successivi Fabio ha dimostrato un’estrema dolcezza ed attenzione nei miei confronti. La frase che più mi ha colpito è stata: “Se m’innamoro di te, ti porto sulla luna”. Può sembrava una frase fatta, anche naïve, pronunciata solo per stupire, ma in realtà corrisponde a quanto Fabio ha iniziato a fare per me e a dimostrarmi fin dopo il nostro primo appuntamento: un interesse e una presenza costanti, frasi affettuose, desideri da condividere, forti emozioni. Inizialmente devo ammettere che ho reagito in modo forse un po’ freddo e sicuramente più distaccato, interpretando la sua estrema spontaneità e dolcezza come qualcosa di artefatto, poco veritiero perché troppo bello e forte per essere reale. Nonostante fin da subito lui abbia dichiarato il suo interesse nei miei confronti e il fatto di non desiderare di vedere altre signore, c’è stato un episodio che mi ha fatto capire che lui m’interessava più di quanto io volessi convincermi e ammettere. Nulla di particolare, una semplice conoscenza telefonica in corso con un’altra dama, Jessica. Il fatto che lui mi avesse detto che non desiderava conoscere altre donne eccetto me, ma continuava comunque ad intrattenere una conoscenza telefonica con Jessica, seppure per educazione e amicizia, mi ha stranito, anzi infastidito. E’ stata la mia prima vera reazione di interesse nei suoi confronti e questo lo ha sicuramente lusingato e gli ha dato una piccola conferma. Non posso parlare di intromissione, perché entrambi, sia lui che Jessica, sono stati estremamente corretti. Di fatto, era riuscito a suscitare una mia reazione, a farmi capire che la vicinanza o l’interesse di un’altra donna nei suoi confronti mi rendevano gelosa di lui e dei momenti condivisi. Successivamente a questo episodio, la nostra conoscenza è proseguita in modo abbastanza privato, non abbiamo avuto modo di parlarne al centro studio e ci siamo vissuti sia all’interno del contesto televisivo ma anche e soprattutto al di fuori, nella vita di ogni giorno.

Fabio: Diciamo che sono subito saltati tutti gli schemi tradizionali di approccio e corteggiamento, questo perché dalla mia postazione in studio non vedevo fisicamente Lisa, era coperta da un’altra signora del parterre, ma proprio il mio vicino di seduta ha spostato la mia attenzione sulla sua presenza: nemmeno il tempo di realizzare, che si materializza davanti ai miei occhi la donna che da lì a poco avrebbe colmato il mio cuore d’amore con un gesto inconsueto, l’invito da parte sua al primo ballo. Decisamente in imbarazzo e soprattutto emozionato, mi lascio trasportare tra le sue braccia, e tra le tante paure che potevo avere, una ho voluto subito eliminarla ponendole la domanda se si stesse frequentando già con qualcuno. Rinfrancato subito dalla sua risposta che è stata ‘No, non frequento nessuno a parte un’uscita e una conoscenza telefonica con Antonio‘, vengo immediatamente coinvolto dall’affascinate persona che ho di fronte, dalla sua grazia e dalla sua schiettezza, dalla sua determinazione nel conoscere realmente un compagno di vita e non un “padre” per i suoi due bambini… insomma, vengo travolto in maniera più che positiva e totale dal ciclone Lisa!

Nell’ultima puntata del Trono over di cui siete protagonisti avete raccontato di come il sentimento tra voi sia nato e si sia fatto via via più importante. La sensazione è però quella che, tra un’interruzione e l’altra a distogliere l’attenzione da voi, non abbiate detto tutto quello che avreste voluto dire..

Lisa: Eravamo quasi a fine registrazione quando siamo stati chiamati al centro dello studio. Di fatto avrei voluto dire molto di più rispetto a quello che è stato possibile dichiarare e sicuramente non sono riuscita ad esprimere le emozioni più importanti, sia a causa dell’interruzione per l’episodio della telefonata di Leopoldo, sia perché eravamo in chiusura e io dovevo scappare e prendere un aereo. Speravo quindi di poter recuperare in un secondo momento e dar voce alle emozioni che io e Fabio avevamo condiviso nelle settimane di frequentazione. Ciò purtroppo non è accaduto e sono abbastanza dispiaciuta: avrei voluto regalargli l’emozione di far sapere a tutti in pubblico e davanti alle telecamere che ero pronta ad intraprendere con lui un percorso di vita, che in me avrebbe trovato l’amica, la confidente, la compagna in grado di accoglierlo e farlo sentire amato e soprattutto a farsi amare in modo totale ed incondizionato. Questo è l’unico motivo per cui avrei voluto ancora qualche minuto di attenzione!

Fabio: L’ultima nostra puntata è stata veramente molto strana, ma a caricare ancora di più la tensione è stata la settimana che ha preceduto tutto quello. Nel week end precedente, infatti, io e Lisa avremmo dovuto vederci a Firenze per una festa con alcuni suoi amici, ma purtroppo il sabato, a poche ore dalla mia partenza per raggiungerla, mio papà è stato colto da un malore improvviso con annesso ricovero in ospedale, fortunatamente oramai risolto, ma come potrete immaginare ho dovuto rinunciare a vederla. Il lunedì successivo avremmo dovuto registrare la puntata, ma Lisa, che sarebbe dovuta recarsi a Londra per motivi di lavoro, non avrebbe potuto esserci. A quel punto c’è stata una vera e propria “rivoluzione” di tutti i suoi piani per poter venire e poterci vedere anche solo per 5 minuti in puntata. Dopo i vari contatti con la redazione per cercare una soluzione in merito, poi trovata, con un notevole sacrificio da parte di Lisa sia a livello economico che a livello di tempistiche, siamo riusciti ad incontrarci in studio. Oramai la puntata volgeva al termine quando Maria fa mettere due sedute in centro studio, chiamando prima il sottoscritto e subito dopo Lisa. Dopo un primo avvio nel raccontare il nostro percorso, ecco che inizia la serie di interruzioni da parte di alcune persone del parterre maschile. Vi posso garantire che non è assolutamente facile interrompersi e ripartire davanti ad un discorso e ad una storia così emozionante, vera, sincera, trasparente e leale. Nonostante il nostro desiderio di uscire da quel contesto e poterci dedicare completamente a noi due e alla nostra storia, avrei voluto almeno altri 5 minuti a Lisa, avrei voluto che lei potesse esprimere tutto il suo pensiero per poterla ripagare dei sacrifici fatti per poter presenziare alla puntata. Ma alla fine di tutto, il nostro abbraccio, il nostro bacio ed i suoi occhi mi hanno ripagato del tempo a noi sottrattoci.. ed è quella la cosa che vale di più in assoluto!

E diteci, come prosegue la vostra relazione lontano dalle telecamere?

Lisa: Se negli atteggiamenti potevamo far pensare di essere già una coppia all’interno della trasmissione, ora lo siamo a tutti gli effetti. Ci stiamo costruendo il nostro mondo e il punto più importante è che a questo mondo si stanno integrando la mia e la sua realtà. Ci vorrà tempo, forse perché il desiderio di vivere la quotidianità con un’altra persona che non siano i miei figli è qualcosa di nuovo per me, un desiderio estremamente bello ma che allo stesso tempo mi spaventa. Mi spaventa provare sentimenti così forti e totalizzanti per un uomo, mi spaventa l’idea di mostrargli una realtà complessa e difficile. Forse mi spaventa l’idea di vivere ed essere felice, ma credo che Fabio sia la persona migliore con la quale ritrovare la serenità, la capacità di amare ed accettare amore, il desiderio di dare e ricevere. A volte mi rimprovera di voler minare questa nostra serenità, forse è il mio modo di mettermi alla prova, non certamente di mettere in dubbio l’autenticità dei nostri sentimenti (questo messaggio è per Fabio!). Da quando mi sono separata, sei anni fa, ho chiuso la porta del mio cuore, ho rinunciato ad essere una donna e ho vissuto solo per il lavoro e i figli, dimenticandomi di esistere. Riprovare certe sensazioni, voler stare con una persona e condividere con lei tutto il tempo possibile della propria giornata mi colma il cuore di gioia. Se c’è un uomo al quale posso affidarmi e del quale posso fidarmi questo è Fabio!

Fabio: Da parte mia, è la relazione ma soprattutto è la persona che cercavo, che desideravo e che sognavo da sempre. Sono contento del mio percorso, della mia tenacia e della mia coerenza nei confronti di Lisa, perché lei oltre meritare tutte le attenzioni, merita di essere amata in modo totale e completo. Chiaramente la storia ha preso una svolta definitiva nel momento stesso in cui siamo riusciti a dedicarci del tempo al di fuori delle telecamere, regalandoci dei momenti che rimarranno indelebili nella mia mente, ma soprattutto nel mio cuore: con lei è una continua crescita, una continua sorpresa, e questo non fa altro che cementare il nostro rapporto, il nostro amore. È il mio primo pensiero della giornata, ed anche l’ultimo prima di addormentarmi. Ci sentiamo in ogni momento, sia del giorno che della sera, ci diamo il buongiorno al mattino e ci accompagniamo reciprocamente a fine giornata nei nostri letti. In questa fase, subito dopo aver lasciato il programma, le nostre frequentazioni sono aumentate: ogni momento disponibile, compatibilmente con i nostri lavori e non solo, ci vediamo, stiamo assieme e cresciamo assieme. Abbiamo appena trascorso i 3 giorni di vacanze pasquali qui a casa mia, con l’occasione Lisa ha conosciuto i miei genitori e totalmente il mio mondo, e di conseguenza io il suo. Proprio a proposito di questo, Lisa ha avuto un gesto nei miei confronti estremamente importante, di fiducia e apertura senza precedenti: mi ha fatto conoscere il suo secondogenito, un bambino che fin da subito mi è entrato dentro al cuore con la sua estrema dolcezza, e questo rapporto voglio proprio custodirlo come un bene prezioso e unico, anche perché vedo in lui una parte della mia fanciullezza molto similare. Come ho citato in precedenza, le mie aspettative non solo sono state ripagate, ma senza dubbio ho scoperto una donna fantastica; come ho detto a Lisa in studio se mi fossi innamorato l’avrei portata sulla Luna, ma mi rendo conto che oggi la stessa Luna è troppo piccola per poter accogliere questo grandissimo cuore, questa fantastica donna, questa bellezza splendente di luce propria, questo fantastico ciclone, tutto questo racchiuso in una parola di 4 lettere…. LISA! Vorrei approfittare di questa occasione, ringraziandovi anticipatamente Isa e Chia, per poter ricordare alla mia Lisa quanto la amo!

Nell’ultimo periodo nel Trono over tiene banco la storia tra Gemma Galgani e Giorgio Manetti: voi che idea vi siete fatti a riguardo?

Lisa: La storia di Gem e George piace di più di quanto si pensi, purtroppo percepisco curiosità e quasi un attaccamento morboso nel vedere Gemma che si consuma in questo amore ancora apparentemente a senso unico. Capisco Gemma, perché anch’io in passato mi sono trovata nella condizione di accontentarmi delle briciole, sperando che arrivasse qualcosa di più, nella condizione di voler bene stare con un uomo e condividere con lui dei momenti che, però, rimanevano semplicemente degli episodi isolati. Alla fine si perde di vista ciò che più conta: l’amore deve essere un continuo dare e ricevere, una crescita mano nella mano. Appoggio Gemma perché crede nei suoi sentimenti e anche in quello che Giorgio le sta offrendo, l’unico pensiero che mi sono permessa di esprimere è che deve essere consapevole di poter affrontare anche un eventuale epilogo negativo, che a mio avviso la distruggerà dal punto di vista emotivo (ecco perché non dovrebbe consumarsi fisicamente). Per il resto è una donna adulta, intelligente e con un’esperienza di vita che sicuramente le farà prendere le decisioni che ritiene più giuste per sé stessa. Non siamo nessuno per giudicare. Semplicemente mi sono affezionata a lei, alla sua dolcezza e alla sua voglia di mettersi in gioco. Spero di sbagliarmi e che questa storia abbia un epilogo felice per lei, se lo merita.

Fabio: Sicuramente lo spazio dedicato a questa coppia – non coppia è decisamente notevole, ma capisco anche che la gente possa oramai essersi appassionata a questa vicenda. Per quanto mi riguarda mi rattrista sempre, indipendentemente dai personaggi in questione, vedere la sofferenza di uno o dell’altra, a maggior ragione se vedo che a piangere per amore è una donna. Avendola vissuta sotto i miei occhi e in presa diretta in studio ho massimo rispetto per il loro percorso, i loro sentimenti e le loro azioni, anche se non nego che da uomo avrei agito sicuramente e decisamente in un altro modo e con un altro stile. Vedere Gemma così sofferente e provata a pochi metri davanti a me non è stato così facile, a dimostrazione di questo c’è stato un mio intervento durante una puntata nei suoi confronti, per vedere di riuscire a spronarla, ma niente da fare, deve cercare in tutti i modi di rendersene conto da sola. A parer mio è una storia a senso unico, e questa volta la povera Gemma si farà male sul serio non appena si renderà conto di che persona ha realmente davanti..

Lisa è stata coinvolta anche nella discussione tra Cinzia Scozzese e Giampietro Valti, che si sono rinfacciati reciprocamente accuse di falsità: voi da che parte state, in questa vicenda?

Lisa: La mia frequentazione con Giampietro si è limitata ad una conoscenza telefonica, anche se, approfittando di una mia permanenza a Milano, avevamo preso un appuntamento per un aperitivo con possibilità di estenderlo ad una cena. Non siamo mai arrivati al punto di vederci, perché io ho visto il suo filmato di presentazione e mi sono resa conto che i giudizi e i pregiudizi da lui espressi sulle donne sopra i quarant’anni (specifico che lui ne ha due più di me) e con figli non facevano di lui una persona per la quale valeva la pena investire del tempo. L’avrei comunque incontrato per un aperitivo, bisogna sempre cercare di andare oltre all’apparenza, ma nella mia testa la cena doveva essere dedicata ad un’altra persona… Fabio. Ho informato entrambi delle mie intenzioni e Giampietro ha preferito evitare anche l’aperitivo, in attesa di sapere come sarebbe proseguita la conoscenza con Fabio. Per me è difficile trovare tempo per la vita privata, lavoro a 200 chilometri da casa, ho due figli e una libertà di gestione del tempo veramente limitata. Pertanto, quando decido d’investire tempo deve valerne veramente la pena e non era il caso di Giampietro, il fatto che abbia addirittura negato di essersi sentito con me ne è stata una palese dimostrazione. Per quanto riguarda la storia con Cinzia, il percorso di Giampietro nella trasmissione è stato da copione: il suo unico interesse, presto scoperto da Cinzia, che è una donna estremamente vigile e intelligente, era quello di attirare visibilità su di sé. Anche le scelte successive di frequentazione ne sono state una chiara dimostrazione, così come la sua ritrosia nell’uscire dallo studio.

Fabio: Chiaramente sono stato molto attento e vigile su questa vicenda. Cinzia e Giampietro sono senza dubbio due personalità dal carattere forte, ma con una grande ed importante differenza. Cinzia l’ho sempre considerata una bella persona, schietta ed estremamente sincera, dote che purtroppo in questa società non sempre è apprezzata e soprattutto non paga. La sua sfortuna è stata di imbattersi in Giampietro, che davanti ai miei occhi si è dimostrato veramente un piccolo uomo, sia dai suoi comportamenti in camerino che da quelli in studio. Decisamente una persona totalmente diversa da me, e Lisa si è accorta fin da subito di questa diversità, lasciando scemare la possibilità di una loro eventuale conoscenza, preferendo la cena a Milano con me, altro gesto che mi ha fatto innamorare di lei… Di conseguenza non mi sono ASSOLUTAMENTE mai sentito in competizione con nessuno, figuriamoci con una persona del calibro di Pedro, per me non è mai esistito, tanto meno come un rivale. E non lo dico con presunzione, semplicemente nella mia vita ho sempre cercato di tenere lontano da me i “giullari di corte”..

Quali sono i ricordi migliori che porterete con voi di quest’esperienza televisiva?

Lisa: Il percorso a Uomini e Donne è stato molto faticoso per me, soprattutto per la gestione del tempo, visto che ho dovuto cercare di far combaciare gli impegni lavorativi e familiari con la mia presenza a Roma. Spesso ho dovuto fare lunghi viaggi ad orari improponibili, ma ho fatto tutto sempre con estrema convinzione perché l’obiettivo finale meritava tutta la mia attenzione, nonostante non avessi l’appoggio di alcune persone a me vicine. A parte l’incontro con Fabio, sicuramente ci sono signore che mi porterò nel cuore e con le quali in alcuni casi continueremo a vederci, per quanto logisticamente lontane: loro sono Stefania De Pincher, Cettina Castiglione, Ivana Scotti ed infine Cinzia Scozzese, con la quale è nata veramente una bella amicizia. Non ho stretto amicizia con gli uomini, ma sicuramente Antonio Jorio è una persona che mi piacerebbe rivedere. Le conoscenze però richiedono sempre due parti, quindi vedremo cosa accadrà. Sicuramente vorrei ringraziare le ragazze e i ragazzi della redazione e della produzione (compresa la sartoria, la squadra dei truccatori e dei parrucchieri) che svolgono il loro compito con estrema serietà ed impegno. Ho sempre cercato di stare alle regole e di comportarmi in modo corretto e credo di non essere mai stata un soggetto “difficile” da gestire. Un ultimo ringraziamento spetta a Maria De Filippi, una grande donna e una grande professionista, che stimo e rispetto molto. Credevo e credo nella bontà della trasmissione e lei ne è sempre un vigile garante.

Fabio: Sono tantissimi i momenti e i ricordi che custodirò nel mio cuore per tutta la vita, ma se voi, Isa e Chia, aveste avuto la possibilità di conoscere Lisa come l’ho conosciuta io, capireste che con lei non puoi assolutamente soffermarti ad un momento o ricordo: è una persona travolgente in ogni suo attimo, in ogni suo istante. A proposito di questo, Lisa ha riportato nella mia mente una frase di un celebre film con Nicolas Cage che recita queste parole: “Avrei preferito avere un solo respiro dei suoi capelli, un solo bacio dalle sue labbra, un solo tocco delle sue mani, che vivere un’eternità senza. Uno solo.”. Nel contesto della trasmissione ho conosciuto diverse persone, tutte molto piacevoli e carine. Per quanto riguarda la redazione sono tutte persone fantastiche, disponibili e sempre pronte ad ascoltarti e darti ciò di cui hai bisogno, anche se avrei avuto piacere, come detto in precedenza, di un piccolo spazio in più nel momento della nostra uscita, e un abbraccio caloroso a tutti i miei “colleghi” del parterre uomini, uno su tutti Franco Garna.

Quali sono ora i vostri progetti per il futuro?

Lisa: Il progetto più importante è un progetto di vita. Fin dall’inizio la nostra relazione si è sviluppata ed è cresciuta in modo costante e graduale, a piccoli ma decisi passi. Ora vogliamo trascorrere insieme quanto più tempo possibile, quindi stiamo cercando di organizzarci dal punto di vista logistico, abitando a 300 chilometri l’uno dall’altra. La mia priorità in questo momento è farlo sentire parte della mia vita, accoglierlo come merita tra le mie braccia e nel mio mondo, farlo sentire amato e “a casa”, ovunque saremo. Sicuramente dedicheremo tempo a noi due e al nostro rapporto, ci sono tante cose da scoprire e tanti potenziali angoli da smussare. Ciò che conta è la voglia di viversi e questa non manca!

Fabio: Senza nascondere il fatto di aver parlato con Lisa delle nostre aspettative per il futuro, dei nostri desideri, dei nostri sogni assieme, dei nostri progetti di vita,  ora vogliamo assolutamente viverci, vivere il presente in modo coinvolgente e totale. Sicuramente il sogno nel cassetto è di poter vivere assieme come una famiglia e crearci la nostra famiglia, vivere quella quotidianità che giustamente oggi manca a causa della distanza, ma vi posso garantire che per me Lisa è già la mia famiglia!

Per concludere, vorremmo ringraziare Isa e Chia per averci dato l’opportunità di uscire dall’anonimato e dar voce ai nostri pensieri e sentimenti. Speriamo che la nostra storia possa essere d’esempio per tutti coloro che ancora credono nell’esistenza del vero e grande amore. Un saluto e un abbraccio a Isa e Chia, agli utenti del blog, e a tutti coloro che ci hanno seguito durante il nostro percorso ed espresso la loro stima con messaggi affettuosi che porteremo sempre con noi, Lisa e Fabio