‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sulla puntata di oggi del Trono over

Trono over

Non so se il tutto sia stato reso peggiore dal fatto che da stanotte combatto con un’intossicazione alimentare che mi sta prosciugando ogni tipo di energia, ma la puntata andata in onda oggi a me è davvero sembrata LA MORTE. Ciondolavo a destra e sinistra sulla sedie e fissavo l’orologio in attesa che il supplizio terminasse, che ci fosse un blackout sui canali Mediaset, che infilassero uno speciale ad minchiam de Il Segreto. Tutto, mi sarebbe andato bene tutto.

Ormai commentare sta manfrina ogni singolo lunedì è diventata una penitenza. Già uno il lunedì ha le palle girate per i fatti suoi, metterci il carico con puntate intere dedicate a ‘sti due fenomeni da baraccone è roba da appello immediato alla Corte penale internazionale. Che tortura. Io ormai mi consolo soltanto pensando che quando morirò e arriverò alle porte del paradiso San Pietro mi guarderà e mi dirà: “Tu sei quella povera disgraziata che ogni lunedì si doveva sciroppare Gem e George? A te abbiamo riservato una suite, te la meriti“. Lo pretendo. Pretendo una ricompensa celeste per queste ingiuste sofferenze terrene.

Niente, io la puntata non ve la commento perché non ho davvero nulla da commentare, a volte c’è un piccolo particolare al quale riesco ad attaccarmi per poter buttare giù due righe diverse dal solito (per la settimana scorsa ringrazio la guest star Pinturicchio che mi ha salvata dall’apatia) ma oggi proprio nulla, il vuoto totale, la morte cerebrale. Ripetizione dello schema classico (lettura messaggi – Galgani in love – frasi del Manetti pregne di filosofia spicciola degna della Taverna del rutto – ingresso di tizie non meglio identificate – siluramento delle tizie non meglio identificate), un balletto finale del signor Francesco che ha un attimo fatto ricomparire i miei parametri vitali e stop. In sostanza direi che sono stati i 65 minuti più sprecati negli ultimi sei mesi della mia giovane esistenza.

In compenso, però, ho fatto i conti e dovrebbero mancare solo tre lunedì. Ancora tre lunedì di bestemmie e poi il programma dovrebbe andare in vacanza liberandoci da sta penitenza. Sono ben consapevole che a settembre torneranno con almeno cinque/sei puntate dedicate solo alla lettura di tutti i messaggi arretrati dei mesi estivi ma intanto io di questi tre mesi di disintossicazione ho un bisogno estremo. Perché ormai hanno superato ampiamente il limite della sopportabilità. Perché in confronto gli attacchi di isteria della De Santi erano un regalo del cielo. Perché in confronto le discussioni sui profili fake di Giuliano Giuliani erano spassose. Perché le diatribe sui look della Profili erano molto più appassionanti. Perché anche all’essere patetici dovrebbe esserci un limite. Perché…..

Video della puntata: Puntata interaUna storia a favolaUna donna “strapazzata”Poesia Vs. materialitàCoppia o non coppia?Amore è passionalità?Sei modi di dire No!Vai col liscio!