Monica Leofreddi: “Per i 50 anni…Mi regalo un marito!”

Di Edicola - 7 giugno 2015 09:06:10

Chi

Dopo un periodo difficile nella sua vita, in cui ci sono state la perdita di suo padre e uno stalker che l’ha molestata per quattro anni, Monica Leofreddi è tornata in tv alla conduzione di Torto o ragione – La macchina della verità. Ma soprattutto, tra meno di una settimana, sposerà Gianluca Delli Ficorelli, padre dei suoi due figli Riccardo e Beatrice. “Ci sposiamo il 13 giugno a Roma. Quando l’ho conosciuto, sapevo che sarebbe stato l’uomo della mia vita. Ma non pensavo al matrimonio. Poi l’amore travolge tutto e sono arrivati prima i nostri figli e oggi le nozze. Lui non si dava una mossa. Così lo scorso anno, mentre eravamo al matrimonio di un amico, l’ho guardato e gli ho detto: ‘Non prendere impegni per il prossimo giugno, ché ci sposiamo’. E lui: ‘Certo che tu hai sempre le cose di fretta!’. Ah però, ho aspettato solo 11 anni!“. Quando le si chiede come sarà la cerimonia, la conduttrice risponde: “Ci sposiamo in una villa alle porte di Roma. L’abito l’ho scelto in 5 minuti. Odio perdere tempo con lo shopping. E’ bianco, volevo qualcosa di tradizionale, niente fronzoli. I nostri testimoni sono mio fratello e il mio migliore amico. Abbiamo previsto dei momenti musicali con il sax e in onore di mio figlio abbiamo scelto Per sempre di Ligabue per il nostro primo ballo, perché lo adora. Abbiamo invitato gli amici di una vita: Paola Perego e Lucio Presta, Marco Liorni, Giancarlo Magalli. Ho comprato il make-up waterproof, quello che usano le atlete del nuoto sincronizzato: so già che non riuscirò a trattenere le lacrime! Negli ultimi anni la mia è stata una vita di alti e bassi: ho passato sei anni senza lavorare, ho lasciato L’Italia sul 2 quando era all’apice del successo, ma dovevo stare accanto a mio padre, che stava male. L’ho accompagnato fino alla fine e l’ho seguito con tutta me stessa. La sera mi guardo allo specchio serena, magari con qualche programma tv in meno sul curriculum, ma fiera delle mie scelte. A differenza di qualche mia collega, che vive la lontananza dal video come una disgrazia“. Quando le si chiede cosa significa sposarsi a 50 anni e come sarà la prima notte di nozze, risponde: “Significa mettere un sigillo a qualcosa di importante. L’età è un valore aggiunto. Mi sposo con qualche ruga, amen. Sono nozze piene di consapevolezza. La prima notte? Non succederà nulla: saremo distrutti! L’intimità è già messa alla prova con i figli! Io non ci credo quando leggo chi dice: ‘Va tutto bene, siamo sempre a mille!’. Io e il mio compagno, dopo il secondo figlio, ci siamo un po’ persi, allontanati, s’era spenta la fiamma. Credo che succeda a tante coppie, ma pochi lo raccontano. Poi, piano piano, con calma, ci siamo ritrovati. E il viaggio di nozze lo faremo da soli. Molto romantico. Se sono felice? Ho paura di rispondere a questa domanda, ma sì, lo sono. Mi fa sorridere pensare che diventerò Monica Delli Ficorelli“.

Fonte: Chi