Leopoldo Mastelloni a Mara Venier: “Perché rinneghi la nostra amicizia e mi offendi via sms?”

Di Edicola - 3 luglio 2015 13:07:46

Nuovo

Recentemente, l’attore e cantante napoletano Leopoldo Mastelloni, 70 anni, di cui 50 di carriera, ha dichiarato di avere una pensione di soli 625 euro e che è riuscito a trovare la forza di andare avanti grande all’amico Gino Paoli, che gli ha fatto prendere un contributo dalla Siae, e all’amica Barbara Mastroianni, figlia del grande Marcello (QUI per rivedere l’articolo). Ma soprattutto, l’ex protagonista de La Fattoria si è chiesto perché non ci fosse nessuno disposto a dargli la possibilità di lavorare: “Colpevolizzo la Rai, la Mediaset e la Direzione generale dello spettacolo perché non offrono occasioni a chi ha raggiunto una certa maturità. E dire che sono anche simpatico al pubblico. Ci sono persone di cui sono stato amico tutta la vita, a cui ho chiesto aiuto quando non stavo lavorando. Ci sono tanti opinionisti che non hanno nulla da dire, possibile che non ci sia nulla da dire? Tanti, come Mara Venier, mi hanno deluso. Le ho voluto davvero bene per 35 anni, però non ho avuto la sua solidarietà. Se avesse voluto, avrebbe potuto trovare un minuto anche solo per farmi guadagnare qualcosa”. La spumeggiante opinionista dell’Isola dei famosi, però, sostiene di non averlo mai frequentato e di aver ricevuto solo un suo messaggio per partecipare a La vita in diretta e che sia stata la produzione a non volerlo. A ciò, Leopoldo risponde: “La sua memoria è talmente corta che non ho intenzione di rivendicare un’amicizia che non ritiene tale. Mi ha anche inviato un sms molto offensivo, ma io non rispondo perché sono una persona perbene. In fondo, sono ancora amico di Barbara D’Urso, nonostante lei prima mi ospitasse in trasmissione e poi improvvisamente mi ha detto ‘Non c’è più posto per te’. Mi ha detto che i produttori non mi ritenevano adatto al programma. Lei ha dovuto cedere e per me è stata una cocente delusione. Anche Massimo Ranieri nei suoi show televisivi ha invitato chiunque…A me neanche una comparsata! Eppure nel 1975 sono stato padrino del suo debutto teatrale! Per fortuna, c’è anche qualcuno che mi ha aiutato: quando ha potuto, Caterina Balivo mi ha chiamato come opinionista, ma adesso sarebbe impossibile. Come potrei andare a Detto fatto? Però nel pomeriggio ci sono tanti programmi e a volte, anche un’ospitata da 300 euro aiuta. Rocco Barocco, invece, mi ha fatto da sponsor per la pubblicazione del mio cofanetto di cd per festeggiare i miei 50 anni di carriera”. Infine, quando gli si chiede se non pensa di aver fatto qualche errore, Mastelloni risponde: “Il mio errore è stato aver sempre reinvestito quello che guadagnavo negli spettacoli teatrali. Forse avrei dovuto mettere più soldi sotto al materasso. In più, credo ciecamente all’onestà e all’amicizia, continuo a voler bene alle persone che mi hanno tradito. Non ce l’ho con loro, ma questa disattenzione verso un artista e un amico mi meraviglia molto”.

Fonte: Nuovo