Mara Carfagna: “E adesso voglio un figlio!”

Di Edicola - 24 luglio 2015 09:07:54

Chi

Anche le “ex ministre più belle del mondo” almeno una volta nella vita si sono sentite come Bridget Jones. E’ quello che racconta Mara Carfagna, beccata sulle spiagge di a Fregene con quello che è il suo compagno da due anni e mezzo, Alessandro Ruben. “Come tante donne, ho sofferto e ho soffrire. Adesso sto bene con Alessandro. Un uomo presente e attento, che compensa con la sua solarità il mio carattere rigido e severo” esordisce lei. Quando le si chiede qual è stato il momento più difficile dopo la fine del suo matrimonio, la politica e showgirl risponde: “Ripensandoci ora sorrido, ma allora l’ho vissuta malissimo. Mi sono trovata a un anno dalle nozze sola in viaggio per Zanzibar con un’amica. E quello sarebbe dovuto essere un romantico anniversario con mio marito, magari in attesa di un bambino. Mi sono sentita fuori luogo come Bridget Jones! Adesso sento ancora il bisogno di un figlio e arriverà il momento giusto“. Quando le si chiede se è d’accordo con la fecondazione eterologa, risponde: “E’ un tema sul quale mi interrogo e nutro seri dubbi“. E in seguito, quando le si fa notare che il ministro Maria Elena Boschi ha dichiarato che vorrebbe un figlio maschio per insegnargli il rispetto nei confronti delle donne, Mara risponde: “Bene, ma nel frattempo potrebbe spiegare al suo Presidente del Consiglio che le donne che non sono ministri o top manager trovano molte difficoltà per trovare pari retribuzioni con gli uomini e vedere rispettati i propri diritti. Il vuoto costituzionale causato dalla mancanza di un ministro per le Pari Opportunità è pericoloso e imbarazzante, come quando l’Italia risulta assente ai summit internazionali”. Infine, delle risposte secche sulle unioni, la Grecia e…I due Matteo (Salvini e Renzi): “Sono per il riconoscimento delle coppie omosex, ma nessuna equiparazione al matrimonio. Yanis Varoufakis non mi piace: trasuda arroganza e ha consegnato la Grecia nelle mani della Trojka. Matteo Renzi ha un’idea della politica alla House of cards, mentre Salvini è stato bravo con la Lega, ma se vuole contribuire a far vincere il Centrodestra, deve dialogare di più“.

Fonte: Chi