Fattore M: spazio dedicato a Marco Mengoni. Guerriero è quadruplo disco di platino. Tour 2016 negli stadi?

Marco Mengoni

( rubrica a cura di Valentina P.)

Salve a tutti! Devo ammetterlo: questa rubrica sta diventando una specie di bollettino di guerra (pacifica). E così, a tre settimane dal disco d’oro per il singolo estivo “Io ti aspetto”, a due settimane dal platino per “Esseri Umani”, e a soli sette giorni dal triplo platino per l’album “Parole in circolo”, ecco l’ennesimo traguardo, un prestigioso poker d’assi: “Guerriero”, singolo apripista dell’ultimo progetto discografico di Mr. Mengoni – lanciato venerdì 21 novembre 2014 – è stato certificato quadruplo disco di platino nella settimana 31 del 2015, con oltre 200mila copie vendute e quasi 33 milioni di visualizzazioni su VEVO e YouTube. Il brano italiano più venduto del 2015, secondo singolo della discografia del Mengoni a conquistarsi la targhetta del 4 platino, dopo #L’essenziale. Che però ha raggiunto le 200mila copie dopo quasi due anni dal lancio, avvenuto in occasione del Festival di Sanremo 2013. Parliamo quindi di tempistiche più che dimezzate per la canzone più intensa e rappresentativa di “Parole in circolo – 1UNO/DI2DUE”, scritta a quattro mani da Marco con Fortunato Zampaglione, e incorniciata da un video diretto da Cosimo Alemà. Una perla.

E – come al solito! – i ringraziamenti del Mengoni sulla pagina ufficiale non si sono fatti attendere:

Facebook

E mentre macina consensi a non finire, il nostro Marco continua a trascorrere la sua estate chiuso in sala di registrazione, per dare alla luce la seconda parte del progetto discografico. Sulle tempistiche del “parto” si parla della fine dell’anno ma probabilmente, con un colpo da maestro, il Mengoni potrebbe sfornare il nuovo singolo già verso ottobre/novembre 2015. Ma la nius più succulenta degli ultimi giorni riguarda il tour futuro prossimo venturo. Targata 2016, infatti, la nuova tournee potrebbe essere organizzata nientepopodimeno che… negli STADI. …
Un’evenienza del genere non riesco neppure a immaginarmela, abituata come sono al “calore” delle location teatrali, al suono limpido della sua voce, al contatto quasi fisico durante le performance. Con questo, non intendo dire che l’idea non mi piaccia, e – anzi – ammetto candidamente che Marco a San Siro non me lo perderei nemmeno se quel giorno fosse in programma il mio matrimonio. Però è davvero una notizia-bomba per me, da metabolizzare mooolto lentamente. Alla prossima!

About Isa

Inserisci un commento

Not using HHVM