Myriam Catania: “Dopo sei anni di matrimonio, voglio dare un figlio al mio Luca Argentero!”

Nuovo

Protagonista sul piccolo schermo della fiction E’ arrivata la felicità, in onda giovedì sera su Raiuno, Myriam Catania prova a fare un bilancio ed è convinta che l’evento più importante  della sua vita debba ancora arrivare. Oggi, infatti, dopo sei anni di matrimonio con l’attore Luca Argentero, lanciato dal Grande fratello 3, confessa: “Sono pronta ad allargare la famiglia perché penso che sia la cosa più bella della vita. E, dopo un periodo di lavoro decisamente intenso, nei prossimi tempi io e Luca ci vedremo più spesso, quindi speriamo di diventare presto genitori”. Si sente realizzata dal punto di vista professionale, l’attrice romana, che nella serie televisiva di Riccardo Milani è Cristiana De Bardi, avvocato super organizzato che non lascia spazio ad alcun imprevisto. Nella realtà, invece, il destino non ha risparmiato alla Catania prove davvero difficili: basti pensare al drammatico incidente stradale subito una decina d’anni fa in cui ha rischiato la vita. Ora, invece, le cose vanno meglio ed ha da poco festeggiato sei anni di matrimonio con Argentero, in barba a chi li vorrebbe sempre in crisi. “Nella mia vita ci sono stati diversi momenti di felicità. Mi viene subito in mente il giorno del mio matrimonio, quando Luca mi aspettava all’altare e io camminavo mano nella mano con mio padre. Lo confesso, ero al settimo cielo. Poi ce n’è uno davvero importante che risale a quando ero bambina: è quello della nascita di Giulia, mia sorella. Ricordo ancora il periodo in cui mia madre aspettava questa creatura e io ero al culmine della gioia. E poi quello in cui mio padre, che era stato colpito da un ictus, ha riaperto gli occhi. Infine penso a certi piccoli gesti quotidiani, come la cena che prepari insieme al tuo compagno: una cosa che mi rende felice, perché la stai condividendo con la persona che ami“. Quanto al suo personaggio che ha la mania di controllare tutto, lei commenta così: “E’ un personaggio molto divertente: una donna colta, affascinante, ma fin troppo organizzata, nel lavoro e nella vita privata. E’ una donna perfetta, ma questa perfezione non le dà la felicità. Perché l’uomo che ama la lascerà per una donna più folle, buffa e disorganizzata. E lei soffrirà. Lei pianifica anche i giochi erotici sotto le lenzuola. Io non credo a questi trucchi, ma punto sulla ricerca continua della femminilità! Io sono più simile alla mia rivale in amore nella fiction, tanto che come attrice ho dovuto faticare molto per tirare fuori l’aspetto del controllo. Certo, nel lavoro ho il senso del dovere, ma in generale sono una persona emotiva e istintiva, una che ama dare emozioni“. Infine, quando le si chiede se il fatto che sia nata e cresciuta in una famiglia di gente di spettacolo, tra attrici, registe e doppiatrici come sua madre Rossella Izzo e sua zia Simona Izzo, sia stato un ostacolo o un aiuto per la tua carriera, Myriam risponde: “E’ stato un grande regalo: in casa si parlava sempre di cinema e di musica. Io, però, avrei comunque seguito un percorso artistico, perché sono un animale da palcoscenico e amo esibirmi“.

Fonte: Nuovo