Savino Zaba: “Carlo Conti, la mia compagna fa l’avvocato matrimonialista, devo fare il bravo!”

Di Edicola - 12 novembre 2015 13:11:50

Top

Suo padre avrebbe voluto che facesse un mestiere tale  e quale al suo, ma Savino Zaba aveva altre aspirazioni: “Alla valigetta da manager ha preferito il microfono da speaker radiofonico” dice il conduttore, reduce dall’esperienza al Tale e quale show di Carlo Conti. E si racconta a cuore aperto: “Tale e quale show è stata una tappa importante per me. Mancavo dalla tv da un po’. Dicono che questa trasmissione porti fortuna, molti miei colleghi conduttori dopo aver partecipato hanno vissuto un rilancio professionale, spero che succeda pure a me. Questa esperienza mi ha già arricchito molto: tra ballo, canto e recitazione, mi sono formato a tutto tondo. Carlo Conti, il padrone di casa è stato è il numero uno. Preciso, perfezionista, un fuoriclasse che sa condurre senza mai perdere il ritmo. E ha pure una straordinaria cultura musicale. Come me, viene dal mondo della radio… Alcuni amici in comune dicono che ci assomigliamo. La cosa, ovviamente, mi lusinga. Per tutti e due la radio è stato l’inizio di tutto. Anche lui, come me, ha rinunciato al posto fisso per inseguire i suoi sogni. E poi, sia io sia Carlo siamo dei veri secchioni sul lavoro. Magari potessi ripercorrere le sue stesse gesta!“. Quando gli si chiede se la sua famiglia ha sostenuto le sue aspirazioni artistiche, Savino racconta: “A mio padre, dirigente in un’azienda multinazionale, sarebbe piaciuto tanto che io facessi lo stesso e quando avevo diciotto anni mi ha messo una valigetta ventiquattrore in mano. A me, però, quel lavoro non interessava. Ho cominciato a fare radio già a quindici anni ed era quello che volevo fare nella vita. Il giorno dopo il mio diploma sono partito per fare l’animatore nei villaggi turistici. Nel frattempo ho lavorato in radio, a teatro, e prima della mia avventura in Rai, è arrivata la tv su Telenorba. La ventiquattrore l’ho restituita a mio padre! Il mio primo viaggio come animatore risale al 1991. Ero un ragazzino vivace, brillante e, lo ammetto, con l’animo da latin lover. D’altra parte, l’animatore riscuote  sempre un gran successo con il gentil i sesso. Comunque c’è da dire che nei villaggi si lavora parecchio. Una volta, a Ferragosto, la giornata clou della stagione estiva per chi fa questo lavoro, mi sono addormentato sulle gradinate dell’anfiteatro dove facevamo gli spettacoli!“. Dopo il lavoro, Zaba parla dell’amore: da otto anni, infatti, ha una compagna, Elena, che non ha niente a che fare con il mondo dello spettacolo… “Non ho mai avuto storie con donne del mondo dello spettacolo: credo sia un arricchimento potersi confrontare con la propria donna su argomenti, esperienze e percorsi di vita diversi. Elena, la mia compagna, è avvocato matrimonialista. Ha anche la passione per la danza e la pratica da trent’anni“. E con un avvocato matrimonialista sotto lo stesso tetto, gli tocca fare il bravo ragazzo per forza…”Certo. E non solo perché la amo immensamente, ma anche perché mica posso pretendere di scontrarmi con un avvocato matrimonialista e avere la meglio! Ho perso già in partenza. Praticamente come far giocare una partita di calcio a una piccola squadra di provincia contro il Real Madrid!“.

Fonte: Top