Lola Ponce: “Tra me e il mio sexy marito Aaron Diaz la passione non manca mai, ma a volte…”

Di Edicola - 8 dicembre 2015 09:12:08

Chi

La cantante Lola Ponce e suo marito Aaron Diaz, sexy divo delle telenovelas, compongono una coppia davvero bellissima e sensuale. I due, infatti, sembrano fare a gara a chi si scopre di più, ma ormai lei ci è abituata: “Aaron è carismatico e divino di natura. Sono abituata alle passioni che sveglia nelle donne…E anche negli uomini! Gelosa? Nella norma. Le sue soap si vedono in oltre 50 paesi e i suoi personaggi farebbero innamorare chiunque, ma io mi fido e se qualcuna fa troppo la simpatica, io ci scherzo in modo complice. Un tradimento? Mamma mia, non potrei superarlo! Forse potrei perdonarlo, ma credo che non mi farei più toccare! Lui reagirebbe sicuramente peggio. E’ un ‘macho’ messicano, che ha bisogno che la donna gli appartenga in modo esclusivo. Però non mi impedisce di posare nuda. In fondo sa che il rispetto e l’amore non c’entrano niente col possesso“. Quando le si chiede se c’è stato un calo di desiderio dopo l’arrivo delle loro due figlie, Lola risponde: “La passione è il nostro motore. Di non avere voglia non ci capita proprio mai! Succede però di non avere più energia: a volte facciamo grandi programmi e poi ci addormentiamo prima delle bambine! Ma il tempo per amarsi si trova sempre“. E, a proposito delle bambine, quando si nota che lui è messicano di madre americana, lei argentina di madre italiana ma vivono a Miami e che nel suo ultimo album, Espacio Existencial, canta in italiano, spagnolo e inglese e si chiede che lingua parlano con le bambine, l’interprete di Colpo di fulmine rivela: “Aaron inglese, io spagnolo e italiano! Erin frequenta già una scuola trilingue“. E quando si chiede come fanno con le bambine quando viaggiano per lavoro, spiega: “Se andiamo all’estero solo per pochi giorni, viene a tenerle la mamma di Aaron, altrimenti le portiamo con noi dappertutto: show, set, studio di registrazione. A loro piace vedermi cantare: ‘Regi‘ mi ruba il microfono ed Erin suona la batteria. La nostra vita non è un sogno, è semplicemente la nostra realtà, costruita giorno dopo giorno con amore, gratitudine, un po’ di fortuna e anche tanto lavoro”.

Fonte: Chi