‘Sanremo 2016’, sui social l’ira di Marco Carta e Giovanni Scialpi dopo l’esclusione dal Festival

Di Isa - 16 dicembre 2015 19:12:18

Sono stati annunciati la scorsa domenica, nel corso de L’Arena di Massimo Giletti, i nomi dei big in gara alla prossima edizione del Festival di Sanremo (il post con tutti i nomi e i titoli delle canzoni QUI) ed è stato lo stesso Carlo Conti, conduttore della kermesse canora più famosa d’Italia, a svelare in diretta e per la prima volta in assoluto – anche per gli stessi candidati che hanno appreso le loro sorti in diretta – l’identità di coloro che sono stati ammessi a calcare il palco dell’Ariston.

Oltre alla comprensibile gioia e all’entusiasmo di chi vi parteciperà, non sono però mancate le polemiche, soprattutto da parte di alcuni illustri esclusi. Tra questi ad esempio Marco Carta, vincitore della settima edizione di Amici di Maria De Filippi, che puntava molto su questa partecipazione per rilanciare la sua immagine, e che ci ha tenuto a sottolineare sopratutto il successo di vendite degli altri suoi brani scartati da Sanremo in questi anni:

Facebook

Il messaggio in questione, però, dopo qualche ora e dopo aver generato molte polemiche è stato rimosso e sostituito da quello a seguire nonostante il disaccordo dei fan che ritenevano che nel primo messaggio non ci fosse scritto nulla di offensivo che meritasse la cancellazione ma la semplice verità dei fatti:

Facebook

Si è invece focalizzato sul discorso discriminatorio verso gli omosessuali Giovanni Scialpi, il cantante protagonista dell’ultima edizione di Pechino Express insieme al suo compagno Roberto Blasi, che su Twitter ha quotato i messaggi della sua pagina fan contro la produzione del Festival, messaggi in cui si parla di “scelta anticostituzionale” e di occasione persa per la “crescita culturale e civile per il paese”:

Facebook

La prende decisamente meglio Fabio Curto, vincitore dell’ultima edizione di The Voice of Italy, che guarda con ottimismo al suo futuro e approfitta pure per fare i suoi auguri soprattutto ai più giovani in gara:

Facebook