Vladimir Luxuria: “L’ISIS mi ha minacciata dicendo ‘Siamo ovunque’, ma io non mi piego a loro!”

Top

Nelle scorse settimane abbiamo visto Vladimir Luxuria cimentarsi con il suo nuovo ruolo di conduttrice per il reality di Deejay Tv L’isola di Adamo ed Eva, dove i concorrenti, nudi su un’isola deserta, provavano a sfidare se stessi e a trovare l’amore. Adesso, però, la vincitrice dell’Isola dei famosi affronta argomenti più seri e, alla luce degli ultimi eventi di cronaca, ricorda quando è stata vittima delle minacce dell’Isis: “Era notte fonda, ho digitato l’indirizzo del mio sito per controllarlo e al posto della homepage c’era qualcos’altro. All’inizio non ho capito, pensavo solo di aver sbagliato indirizzo, poi ho visto bene: l’immagine che campeggiava era quella della bandiera nera dell’Isis. In sottofondo si sentiva una musica araba, una sorta di inno, e in alto c’era scritto ‘Hacked by the Islamic State (ISIS)’. Sotto, sempre in inglese, una scritta che diceva ‘Siamo ovunque’. Già allora mi ero spaventata, anche perché era notte fonda, non sapevo con chi parlarne e ci sono voluti giorni per sbloccare la situazione e far tornare il sito come prima. Oggi solo a parlare di quell’episodio mi vengono i brividi. Ad oggi mi rendo conto che quello di cui sto parlando è solo un piccolo fatto, ma per me è indicativo di quanto questi nuovi nazisti riescano a fare con le nuove tecnologie, di quanto riescano ad entrare nelle nostre vite, cercando di farci capire che siamo in qualche modo sotto il loro controllo. Allora, la Polizia mi disse qualcosa che all’epoca mi sembrò rassicurante, ma che oggi non mi pare più una grande rassicurazione: gli hacker non avevano agito dall’estero, ma dall’Italia. Io vorrei essere sicura al 100% che si sia trattato di uno scherzo di cattivo gusto, ma purtroppo non lo sono. Negli stessi giorni in cui venne colpito il mio blog, sono stati hackerati anche siti di partiti politici italiani e di aziende commerciali con le stesse modalità: la homepage invasa dalla bandiera nera! Possibile che qualcuno si sia presa la briga di fare tutto questo grande scherzo?“. Ma perché i fondamentalisti islamici avrebbero dovuto attaccare proprio lei? “Io quella notte non sono riuscita a chiudere occhio e mi sono fatta tremila domande. Ho pensato innanzitutto al mio impegno di attivista e al fatto che più volte ho pubblicamente condannato la loro barbarie e denunciato quel è il terribile destino delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisex e transgender) che hanno la sfortuna di trovarsi nei territori occupati da questi pazzi esaltati. Sa cosa fanno agli omosessuali? Li portano nel punto più alto della città e poi li buttano nel vuoto, dando loro una morte tremenda, di fronte a tutti. Ne avevo scritto anche in inglese su Twitter con l’hashtag #ISIS e forse il messaggio è arrivato, dato che poco dopo, il mio sito è stato attaccato. Sono dei pazzi esaltati, ce l’hanno con tutti, disprezzano tutto quello che è vita: il corpo, le risate, il gioco, l’arte, la bellezza. Mi vengono i brividi se penso che sono vicini a noi, tra noi. Loro si sentono potenti facendoci sentire la loro presenza. L’hanno scritto anche sul mio sito: ‘Siamo ovunque’. Ma non vinceranno. Io non ho cambiato, né cambierò di una virgola, le mie abitudini. Nessuno dovrebbe farlo, altrimenti hanno già vinto. Io amo viaggiare e continuerò a farlo, anche nei paesi arabi, che amo tanto. Certo, con l’attenzione e la prudenza necessarie in questo periodo, ma non dobbiamo darla vinta a questi barbari che vogliono la negazione della vita, basandosi su delle bugie. Quello che loro predicano non è l’Islam: io vivo in un quartiere multietnico, ho tanti amici musulmani e so riconoscere chi prega su un testo sacro e chi, invece, su quel testo ci bestemmia“.

Fonte: Top

About Edicola

Inserisci un commento

Not using HHVM