Savino Zaba: “Un reality? Mai dire mai, ma io sogno di lavorare con Massimo Ranieri. Nel frattempo, faccio il papà!”

Top

Reduce dalla travolgente esperienza di Tale e quale show, il conduttore Savino Zaba si prepara a trascorrere le vacanze di Natale nella sua terra, la Puglia, con esattezza a Cerignola. Attualmente è impegnato su Rai Radio 2 dove conduce A qualcuno piace cult, così quando gli si chiede quanto tempo riesce a trascorrere con la sua famiglia, spiega: “La mia famiglia è la mia priorità. Non appena riesco a ‘staccare’, passo del tempo a casa con la mia compagna Elena, che è un avvocato matrimonialista, e con mio figlio Niccolò, che ha 4 anni e mezzo. Con lui andiamo spesso al parco a giocare. Compatibilmente con i suoi tempi, viene volentieri ad applaudirmi. E’ il mio primo fan, si diverte moltissimo e mi prende anche in giro. Comunque il momento più bello è quando la sera io ed Elena lo facciamo addormentare leggendogli le facole. Spero davvero di essere un buon padre per lui. A casa, poi, mi occupo di fare la spesa e di tutta la gestione ordinaria, comprese le piccole riparazioni, che però non sempre vanno a buon fine! Quest’anno a Natale saremo in Puglia, dalle nostre rispettive famiglie: io sono di Cerignonola, Elena di Bari“. Quando si nota che è in radio dal 1987 ormai e gli si chiede come è cambiato l’ambiente radiofonico in questo periodo, Savino racconta: “Ho cominciato a 15 anni in una radio locale di Cerignola. Ero giovanissimo ma ascoltavo già tanta radio. Trasmettevo tutti i giorni alle 18 e sceglievo la musica. Mi portavo la borsa piena di vinili, a 33 e 45 giri, e mi divertivo come un matto. Piacevoli ricordi, poetici e goliardici allo stesso tempo“. Quest’anno, invece, si è cimentato con le imitazioni nel talent di Carlo Conti: “E’ stata un’avventura bellissima, formativa e al tempo spesso, faticosa. Studiavo canto e recitazione dalla mattina alla sera. E poi c’erano ore e ore di trucco e parrucco. Desideravo così tanto essere uno dei concorrenti di Tale e quale e quest’anno mi è stata data la possibilità. Ho preparato il provino nei minimi dettagli e ce l’ho fatta. C’è stata una concorrenza pazzesca, perché in tanti vorrebbero parteciparvi. Insomma, è stata una bella vetrina, che mi ha dato la possibilità di fare quello che mi piace. Sono felice di com’è andata e non finirò mai di ringraziare di essere stato scelto. Un reality? Mai dire mai nella vita, ma al momento non è nei miei progetti. Vorrei continuare a costruire una carriera più solida. Con il pubblico e la popolarità ho un rapporto molto equilibrato. Mi piace parlare con la gente che mi incontra e mi riconosce per strada. Questa cosa mi emoziona ancora. Le cose più importanti, però, in ambito lavorativo, sono arrivate in età adulta, con la giusta maturità. Sono consapevole che tutto può succede e quindi è meglio tenere i piedi per terra e non lasciarsi prendere la testa dai ‘facili successi’. Dopo aver collaborato con grandi maestri dello spettacolo come Lucio Dalla, Renzo Arbore e Carlo Conti, mi piacerebbe un giorno condividere il palcoscenico teatrale o televisivo con uno degli artisti italiani più completi in assoluto, Massimo Ranieri. Sarebbe un sogno“.

Fonte: Top