Katia Ricciarelli: “Io isolata al buio, al freddo e circondata dal fango!”

Di Edicola - 28 gennaio 2016 09:01:11

Top

Negli scorsi giorni, Katia Ricciarelli si è aperta in una lunga intervista in cui ha ripercorso i suoi 70 anni (QUI per rileggerla). Negli scorsi giorni, invece, la regina della musica lirica è stata protagonista di una brutta avventura, che l’ha fatta arrivare in ritardo di oltre un’ora al suo concerto. “Ero in viaggio col mio autista e due amiche giapponesi verso Montecalvo Irpino, in Campania. Dovevo esibirmi in concerto insieme al tenore Francesco Zingariello. Non conoscendo la strada, avevamo impostato il navigatore satellitare dell’auto che, però a un certo punto, ha iniziato a fare le bizze, facendoci svoltare a destra e a sinistra come se fosse impazzito. Sino a quando ha smesso di funzionare del tutto. Ci siamo ritrovati a 700 metri d’altezza, al freddo e al buio, in una strada secondaria, non asfaltata e piena di fango, in cui la nostra auto si è letteralmente impantanata. D’istinto ho aperto la portiera perché volevo scendere dall’auto e cercare aiuto, ma quello che ho visto mi ha fatto cambiare idea. Il fango era talmente alto che se fossi scesa mi sarei impantanata fino al ginocchio, rischiando di farmi male e così ho chiuso la portiera e sono rimasta a bordo dell’auto. Inizialmente mi sono spaventata perché attorno a noi era tutto buio e quando ho provato a chiamare i soccorsi con il mio cellulare ho constatato che c’era poco campo, visto che la linea continuava a cadere. Era una situazione assurda ma non mi sono lasciata sopraffare dall’ansia. Quando ho visto lo stupore delle mie amiche giapponesi, che mi guardavano piene di punti interrogativi perché non capivano cosa stesse succedendo, la mia tensione si è smorzata, lasciando spazio alla vena ironica e mi sono fatta una bella risata che mi ha permesso di rilassarmi. Gli organizzatori del concerto dopo vari tentativi, sono riusciti a parlare con noi e conoscendo bene la zona, ci hanno mandato un trattore che ha spinto fuori la nostra auto dal pantano, permettendoci di rimetterci in viaggio e di arrivare a Montecalvo Irpino per il concerto. Purtroppo siamo arrivati con oltre un’ora e mezza di ritardo. Le persona mi hanno attesa con pazienza perché conoscendomi, hanno capito subito che il ritardo non dipendeva certo da me. Era la prima volta che mi succedeva perché la tecnologia non mi aveva mai tradito prima“.

Quando le si chiede degli altri impegni professionali che ha, la cantante risponde: “Un nuovo anno è appena iniziato, ma per fortuna il lavoro non mi manca. Anche perché da sempre amo darmi da fare e non riesco a stare ferma. Per il momento continuo ad esibirmi in giro per l’Italia con i miei concerti e porto avanti la promozione del mio libro Da donna a donna, la mia vita melodrammatica, che ripercorre la mia vita attraverso dieci celebri figure dell’opera lirica. Poi, molto presto, mi rivedrete anche sul set come attrice in un progetto televisivo a cui tengo molto. Sento l’esigenza di staccare la spina e infatti presto mi concederò una vacanza tutta per me. Non ho ancora deciso dove andrò, ma so che staccherò il cellulare per godermi giorni di assoluto relax. Mi auguro per quest’anno tanta salute a me stessa e alle persone a me care, che passi lisci senza intralci e senza ostacoli troppo grandi da superare!“.

Fonte: Top