‘L’Isola dei Famosi 11′: l’opinione di Chia sulla prima puntata

L'Isola dei Famosi 11

Che gli autori de L’Isola dei Famosi lo sappiano: se quello messo in atto ieri sera a Isla Desnuda era un disperato tentativo di farmi rimpiangere Rocco Siffredi, sappiate che non ci sarà pipino di Giacobbe Fragomeni o Enzo Salvi che mi farà mai cambiare idea dopo lo scempio che il pornoattore in pensione aveva combinato l’anno scorso, ecco.

Detto questo, apprezzo il coraggio dei sopracitati nuovi naufraghi nel mettersi in gioco con un bagaglio a mano così poco ingombrante, diciamo. E lo apprezzeranno sicuramente anche dalla regia quei poracci incaricati di mettere i bollini sulle immagini dei daytime, visto che faranno meno fatica a censurare il gioiellino di famiglia del pugile piuttosto che le chiappe decisamente poco toniche della Bonas Paola Caruso, per esempio.

Ma ora facciamo i seri: ottimo esordio ieri per l’undicesima edizione dell’Isola, capitanata da una Alessia Marcuzzi scosciata come suo solito e accompagnata dai suoi angeli custodi Mara Venier e Alfonso Signorini che hanno spesso faticato a trattenere le risate, tra inquadrature birichine e pronunce dubbie (nemmeno Maria De Filippi -che di strafalcioni ce ne regala a iosa, e ne sa qualcosa Matiu Maccanai– ha avuto così tanto coraggio da chiamare Monas l’ex tronista di Uomini e Donne Jonás Berami…). Un bel 23,44% di share che gli ha fatto stravincere la serata, ma che sono curiosa di sapere se riusciranno a mantenere…

Io devo fare subito coming out: se c’è una cosa che non ho mai sopportato, quando si parla di Isola, sono quei radical chic che vagano per i social lamentandosi del cast. Di OGNI cast. ‘Ma dove sono i famosi?‘, ‘Ah, sarebbero questi i famosi?‘, ‘Ma chi li conosce!‘… Madre mia, che noia. Innanzitutto perché mi sembra ovvio che chiunque sia all’apice della carriera non abbia bisogno di partecipare ad un reality qualsiasi, perché sicuramente avrà mille altri impegni più consoni al proprio talento. Secondo, perché quando la gente vuole rompere le scatole per principio sarebbe capace di commentare ‘Ah, sarebbero questi i famosi?‘ anche se si trovassero davanti Francesco Totti o Laura Pausini. Terzo, perché persino Belen Rodriguez aveva partecipato all’Isola quando NON era Belen Rodriguez. Il grado di popolarità dei naufraghi non influisce minimamente sul loro potenziale come concorrenti, non a caso un anno fa a vincere sono state Le Donatella, che prima dell’Isola le conoscevano solo i parenti stretti e il loro panettiere, di vista. Se il cast sarà stato un cast azzeccato lo scopriremo solo tra due mesi, quindi finitela di stracciarci i maroni anzitempo con queste polemiche sterili, grazie.

La mia preferita, sulla carta, è ovviamente SuperSimo. Ho apprezzato tantissimo la decisione di un cavallo di razza come Simona Ventura di mettersi in gioco come concorrente dello stesso reality a cui lei (e solo lei, ahinoi…) ha saputo dare lustro negli anni. Com’era prevedibile è quella più chiamata in causa in ogni siparietto che nasce durante la puntata, con un retrogusto di sudditanza da parte di conduttrice ed opinionisti che è quasi divertente da vedere. E tutto sommato giusto, visto che una bella fetta di quel 23,44% di share è dovuta a lei.

Secondo posto per il nostro Jonás, ieri in versione orsetto spaurito, che spero vivamente abbia la meglio su Claudia Galanti nella nomination. Anche perché ho notato qualcosa di strano nella prova leader di resistenza (che gli avrebbe potuto garantire l’immunità qualora l’avesse vinta) che si è giocato contro Mercedesz Henger: quel fiammone sulla nostra destra, che durante la sua prova non è mai scemato, quando è stato il turno della biondina si è smorzato dopo tre secondi (e nel video che trovate QUI lo si nota chiaramente), e l’inquadratura è poi rimasta fissa sul mezzo busto della naufraga non dandoci più modo di capire la situazione delle fiamme attorno a lei. Non so voi, ma a me un bel dubbio mi viene.

L'Isola dei Famosi 11

Sugli altri naufraghi aspetto ad esprimermi quando avrò un po’ di materiale in più per commentarli, anche se sia Stefano Orfei Nones e Aristide Malnati mi han fatto un’ottima impressione.

La parte più trash del cast, al momento, è tutta confinata sull’Isla Desnuda. E parlo di trash non tanto per le nudità al vento, quanto per le tre allucinate che sono sbarcate con tanto di coroncina da addio al nubilato in testa, cantando Occhi di Gatto con una conoscenza del testo che persino la De Filippi saprebbe azzeccare più parole. La Caruso, Gracia De Torres e Patricia Conteras nemmeno a metterle insieme ne farebbero una sana. Altro che ‘vogliamo vedere unione anche tra le donne‘, io voglio il sangue. E con queste premesse sono sicurissima che lo avrò.

Ps. Una sentita pacca sulle spalle a Cristian Gallella, che deve aspettare fino a lunedì per comparire improvvisamente sulla zattera di cui ieri parlava la Venier. Sta rispolverata di visibilità gliela stanno facendo sudare che nemmeno l’Oscar a DiCaprio, povero.