‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sulla puntata di oggi del Trono over

Trono over

Io posso pure accettare una puntata intera, l’ennesima, basata sulle idiozie di Gemma Galgani e Tina Cipollari. Posso accettare la corona d’aglio, i regali pseudo ironici (ma dove?), la mummia in vendita, tutto quello che vi pare. Al massimo mi annoio, al massimo sbadiglio, al massimo penso che la prima volta facevano ridere ma ora hanno davvero sfilettato le ovaie.

Cioè che invece è inaccettabile, inguardabile e indigeribile è doversi cuccare nel post pranzo un’esterna bavosa e unticcia come quella andata in onda oggi tra il Manetti e la signora Daniela.

Cioè ma vi prego, ma perché? Ma esiste un comitato a tutela dei telespettatori? E se esiste dove caspita è quando serve? Mamma mia, i brividi proprio.

Capiamoci bene, l’amore non ha età e sono la prima a trovare dolcissimi due vecchietti che si scambiano un bacio o anche due signori di mezza età che camminano mano nella mano o si coccolano (quando lo fanno i miei genitori, poi, #chevvelodicoafà *_*)… Ma qui non c’era nulla di tutto questo. Qui c’era un sessantenne bavoso (che ormai conosciamo meglio delle nostre tasche) e una signora che, nonostante un aspetto apparentemente molto distinto, si dimentica di essere, appunto, una signora e si atteggia come l’ultima delle Marika Fruscio. Cioè, davvero, io certi modi di fare, certi modi di “toccarsi”, di muoversi e di atteggiarsi me li aspetto da due ventenni in preda alle crisi ormonali, non da due signori di mezza età circondati da un cameraman, due microfonisti, un tecnico della luce e un altro numero non meglio specificato di membri della redazione che li fissano pensando: “Com’è, vi muovete che c’ho la cena pronta a casa?“. No, davvero, li ho trovati raccapriccianti, proprio brutti e sgradevoli da vedere. Anche perché, parliamoci chiaro, io di base penso che una persona di 50 anni debba darsi un contegno diverso rispetto ad un ragazzetto di 20, ma in ogni caso potrei passarci pure sopra, giustificare e vederci qualcosa di carino se, quantomeno, quei due cinquantenni fossero in preda a un sentimento, a una passione, a un qualcosa di rilevante, insomma. Qui nulla, zero, il vuoto totale. Il Gabbiano ci ha pure informati che, per fatti suoi che non ci è dato sapere, al momento dei baci era pure un po’ scocciato e poco partecipe, quindi pensate un po’ i livelli di bavosità fine a se stessa che ha raggiunto quell’esterna. Brrrrrrrrrrrrrr.

Ma in ogni caso, e lo ripeto per le duecentomilionesima volta, ormai ho smesso di prendermela con Giorgio. Giorgio esiste perché certe donne gli permettono di esistere. In questo caso l’Oscar tristezza della settimana va proprio a Daniela, ennesima burattina (VOLUTAMENTE burattina) nelle mani del bavosone. Lui le dice che al momento del bacio era così coinvolto che un altro po’ si ripeteva in mente la tabellina del 7 e lei lì tutta entusiasta a dire di voler continuare la conoscenza. Continua, Daniela, continua. Un’altra esterna bavosa, massimo due, e poi verrai marchiata come le mucche e rispedita a casa. Contenta tu.

Video della puntata: Puntata intera – Le riflessioni di GemmaIl ritoRegali al vetrioloL’asta pubblicaGemma Santa?Le notti di GiorgioEsterna di Giorgio e DanielaDaniela Vs. Gemma Simpaticissimi epiteti – Corteggiamento fase due