Fiordaliso dopo essere stata eliminata da ‘L’Isola Dei Famosi 11’ ammette: “Sono delusa da me stessa, non ce l’ho fatta!”

Fiordaliso

Ha intrapreso in maniera agguerrita l’avventura a L’Isola Dei Famosi 11, Marina Fiordaliso, ma poi si è arresa giorno dopo giorno, man mano che la fame aumentava, e una volta tornata in Italia si è raccontata alle pagine di Blogo, non nascondendo l’amarezza per aver mollato così presto la presa:

Sono delusa da me stessa, non ce l’ho fatta. […] Non credevo di poter vincere, ma di arrivare fino alla fine assolutamente sì. […] Là non ero Fiordaliso. L’Isola mi ha spenta completamente. Io sono una persona molto attiva, forse la noia mi ha uccisa. Probabilmente da casa non si percepisce, ma quello è un isolotto molto piccolo dove si può solo pescare. Non si può andare a raccogliere conchiglie o fare altro. Non c’è nulla.

La cantante si è definita una ‘pecora’ per l’atteggiamento avuto in Honduras:

E’ per questo che sono arrabbiata. Io nella vita mi sono sempre data da fare, sono sempre stata instancabile. Ho vinto tutte le battaglie della mia vita, quelle sono sicuramente più importanti di un gioco. Però, adesso, quest’esperienza mi ha caricata a pallettoni. Ho capito che ho delle fragilità, ho pianto per la prima volta sull’Isola.

Fiordaliso ammette che è stata un’esperienza che l’ha provata decisamente più dal punto di vista psicologico che da quello fisico:

Assolutamente. A me non fregava nulla di dormir con i ragni. Ho sofferto la fame, questo sì. Io mangio sempre poco, son costantemente a dieta. Invece lì mi son venuti i crampi. Mi sono sentita una vecchietta, non ero io. Non mi riguarderò altrimenti mi vien la depressione.

L’ex naufraga ha, poi, raccontato delle personalità che la circondavano durante il reality, ammettendo che solo una secondo lei è quella forte davvero:

Beh, Simona Ventura. E’ una donna imbattibile. Mi ha fatto arrabbiare solo l’ultimo giorno, io non stavo molto bene e lei si è rivolta a me in una maniera poco carina. Stavo vomitando, avevo lo squaraus. E lei mi ha detto: ‘Se non hai il fisico, stai a casa‘. Fino al giorno prima mi aveva detto ‘Ti voglio bene‘. Però va bene così. Ha un carisma pazzesco. Il vero problema, però, non è Simona, ma sono gli altri… i suoi vassalli. Lei non ha colpe.

Nel corso dell’ultima puntata dell’Isola andata in onda, l’eliminata è stata proprio la conduttrice, che è sbarcata, quindi, su Playa Soledad:

L’ha abbattuta. Simona è una persona competitiva. Però, credimi, lei è imbattibile. Io la invidio, ha una forza di volontà che non so dove va a trovarla. Se è diventata Simona Ventura, c’è un perché. […] E’ capace di vincere, tutto dipende da come reagirà alla solitudine.

Quella stessa solitudine che solo una settimana prima era stata la stessa Fiordaliso a rifiutare fermamente:

Ciaone proprio. La mia testa era ormai scoppiata. Avevo fame, mi sognavo i nachos con la carne. Avrei mangiato qualsiasi cosa, credimi!

La cantante ha inoltre parlato delle due fazioni completamente distinte che si sono create sull’Isola:

Io sono sempre stata fuori dai due gruppi, ma propendo per i facinorosi. Son sempre stata una rivoluzionaria. Io non ho regole nei giochi, divento Marina la Peste.

Non si dice per nulla pentita di aver infranto le regole del reality portando con sé un accendino per il fuoco:

Ma per niente. E’ un gioco, bisogna giocare.

Ha spiegato anche come ha fatto a preservare l’accendino dal tuffo in acqua:

Semplice. Devi sapere che nel kit dei concorrenti ci sono i preservativi (ride, ndr). Mi son fata prestare un preservativo da Jonás, ho inserito lì il piccolo accendino e l’ho messo nel reggiseno. Ma non avete visto che ho pure costruito una meridiana? […] Ho costruito una meridiana con il sole, noi sapevamo sempre che ore erano. Ho posto un bastoncino in mezzo alla spiaggia: sapevo che il sole sorgeva alle 6 e tramontava alle 18. Ho posto dei sassi per gli altri orari ed il gioco era fatto.

Marina ha spesso cercato il confronto con gli altri naufraghi, soprattutto con Marco Carta, che ha definito ‘nano’:

Io sono emiliana, è un mio modo di dire. Anche io mi chiamo nana, non ho usato un’accezione negativa. Solo che mi aveva rotto le balle (ride, ndr). […] Marco è un ragazzo fragile, ha avuto bisogno del sostegno di Simona. Però si è buttato: ha pescato, si è fatto male, si è messo in gioco. Anche Stefano (Orfei, ndr) è un trascinatore, ma si è fatto ammaliare dal fascino di Simona. Idem Andrea (Preti, ndr), era sotto incantesimo. Adesso vedremo cosa succederà senza Simona. Avere la ‘monarchia’ che ti dice cosa devi fare è bello perché pensi meno. Io, però, sono anti-monarchica.

Che ne pensate delle sue parole? A voi piaceva come naufraga?