Nick Zaramella e Benedetta Orlandini a IsaeChia.it: “Ad ‘Amici’ nessun prof ha creduto in noi… La distanza che ci separa? L’attesa aumenta il desiderio!”

Di Titta - 28 aprile 2016 11:04:44

Non sono riusciti ad accedere al serale, ma sono stati due tra gli allievi più amati e discussi della quindicesima edizione di Amici di Maria De Filippi: lei, Benedetta Orlandini, aveva fatto il suo ingresso nella scuola in coppia con Luca Favilla, aggiudicandosi il banco di danza latino-americana; lui, Nick Zaramella, era entrato, acclamatissimo, grazie al sì unanime di tutti i professori di canto. Il percorso di entrambi, però, è stato travagliato e segnato da diversi momenti difficili, fino all’eliminazione decisa dalla totalità della commissione.

Nonostante lo spiacevole epilogo, però, la partecipazione al talent show di Canale 5 ha regalato a Nick e Benedetta qualcosa di ben più speciale, il loro importante legame. Della loro storia e del loro percorso all’interno della scuola di Amici, i due giovanissimi ex allievi parlano oggi in esclusiva per noi di IsaeChia.it

Nick Zaramella e Benedetta Orlandini

Ciao ragazzi, entrambi siete entrati nella scuola di Amici di Maria De Filippi a settembre. Ci raccontate cosa vi ha spinto a partecipare ai casting e come sono andati?

Benedetta: Ciao ragazze! È stato il nostro maestro a convincere me e Luca Favilla a partecipare ai casting e a tentare di entrare. Devo dire che non è stata una passeggiata, però sapevamo di avere buone possibilità!

Nick: Ciao ragazze! Nel mio caso, invece, è stata mia madre a convincermi. Ovviamente non mi aspettavo assolutamente di poter entrare ed è stata una vera e propria vittoria con me stesso!

Benedetta tu sei entrata in coppia con Luca, tuo partner di ballo di sempre. Tra voi c’era una tale intesa che in molti credevano che ci fosse qualcosa in più di una semplice amicizia. Ci racconti qual è il vostro rapporto? Io e Luca balliamo insieme da 4 anni… Ci vogliamo molto bene, ma in pratica siamo fratello e sorella, altro che qualcosa in più di una semplice amicizia!

Nonostante insieme foste molto forti non venivate scelti dai vostri compagni per le sfide a squadra. Secondo te come mai? Non so, forse non venivamo scelti perché il latino non veniva valorizzato come le altre discipline: danza moderna, hip-hop, danza classica…

Nick tu hai vissuto una partenza molto positiva: i professori erano tutti dalla tua parte, il pubblico ti acclamava e già eri considerato uno dei potenziali vincitori. Come hai vissuto quel periodo? Il primo periodo nella scuola di Amici per me è stato bellissimo. Non sentivo la pressione di non dover deludere le aspettative, ma anzi vivevo tutto con serenità e tranquillità!

Benedetta tu invece ad un certo punto del tuo percorso ti sei infortunata e per alcune settimane non hai potuto danzare insieme a Luca. Come hai vissuto quel momento? Non è stata facile per me… Avevo paura sinceramente di dover abbandonare la scuola, ma da quando poi mi hanno dato l’opportunità di restare ho resistito fino all’ultimo, mangiandomi un po’ le mani, devo essere onesta, ma alla fine mi sono ripresa bene!

Nick tu sei passato ‘dalle stelle alle stalle’: ad un certo punto del tuo percorso i professori hanno parlato di un tuo calo di rendimento che sembrava essere sempre più pesante, stando alle loro parole. Come mai secondo te è successo? Sì, è vero, ho avuto un periodo di calo, ma era un periodo no, dovuto alla stanchezza mentale. Ovviamente questo mio calo di rendimento è stato subito correlato alla mia vita sentimentale e sicuramente la mia relazione con Benedetta ha influenzato un po’ il mio percorso, ma in positivo! Quando avevo periodi di crisi c’era sempre lei a sostenermi insieme a Cristiano Cosa!

A criticarti più aspramente è stato Rudy Zerbi che ti accusava di ‘giocare a nascondino’ quanto ti esibivi. C’è chi sostiene che sono state le critiche dei professori a portarti a chiuderti senza riuscire ad esprimerti liberamente quando eri sul palco. È così? Sinceramente ogni critica oppure ogni riferimento alla mia relazione, quando veniva descritta come la causa del mio scarso rendimento, mi entrava da un orecchio e mi usciva dall’altro, e questo non perché io sia maleducato, ma semplicemente perché credo che non si debba prestare attenzioni a considerazioni prive di senso.

Benedetta tu sei riuscita a tornare a ballare, poi c’è stata l’eliminazione di Luca e l’ingresso di Emanuele Caruso, ma il feeling tra voi secondo molti mancava. Per te com’è stato iniziare a danzare con un nuovo ballerino? È stata una cosa ingiusta dividerci! Il latino-americano si balla in due e non è stato assolutamente giusto scoppiare una coppia che balla insieme da 4 anni. Quando ho iniziato ad allenarmi con Emanuele mi sono impegnata, ci ho provato fino alla fine, ma poi ho capito che per entrambi era meglio proseguire da soli, accompagnati da un professionista. Giusta o sbagliata che sia stata la mia decisione, io sentivo davvero che era la cosa migliore per entrambi!

Chi è per ognuno di voi il prof che ha creduto di più nelle vostre potenzialità e quello con cui avete legato maggiormente?

Benedetta: Non c’è stato un professore che ha creduto veramente in me. Professionalmente parlando penso che la professoressa Veronica Peparini sia stata quella che mi ha dato qualcosa di bello e nuovo, qualcosa di emozionante, perché era vera.

Nick: Credo che nessun professore mi abbia lasciato qualcosa o qualche insegnamento, anche perché le volte in cui li ho visti posso contarle sulle dita di una mano!

Nick, inizialmente anche i direttori artistici sembravano molto colpiti da te, piacevolmente sorpresi. Credevi di riuscire ad accedere al serale o ti aspettavi la tua eliminazione? Dopo la non unanimità dei professori mi aspettavo di essere eliminato. Quello che non mi aspettavo è che i quattro direttori artistici acconsentissero senza nemmeno chiedermi di esibirmi un’ultima volta!

Tu hai accusato qualche volta i prof di non darti la possibilità di esprimerti, perché non accettavano le tue sfide durante il pomeridiano del sabato. Hai mai pensato di essere vittima di qualche ingiustizia? A me non piace fare la vittima e non mi ritengo tale in questo contesto, ma sicuramente non ho ricevuto il trattamento che hanno ricevuto alcuni dei miei compagni. Il fatto di non accettare le mie sfide l’ho visto come una grande mancanza di educazione nei miei confronti, tanto più visto e considerato che la giustificazione usata per spiegare il motivo per cui non ero ritenuto all’altezza di sfidare è stata “Tanto sapevo già come sarebbe andata a finire”, citando testualmente Rudy Zerbi.

Benedetta anche la tua eliminazione non sembrava così scontata, e anche nel tuo caso i prof hanno parlato di una chiusura da parte tua. Tu ti aspettavi di dover abbandonare la scuola? Io mi aspettavo da molto la mia eliminazione… L’avevo capito da un po’!

In uno stato che hai pubblicato sui social dopo essere stata eliminata hai parlato di alcune cose non ti sono andate molto giù. A cosa ti riferivi? Quelle cose ancora non mi sono andate giù, mi riferisco ad alcuni atteggiamenti lì dentro… E leggendo qualche commento qua e là su Facebook in riferimento alla mia eliminazione vedo che qualcuno la pensa come me…

C’è qualcuno che secondo voi non meritava pienamente di stare al serale o almeno lo meritava meno di voi?

Nick: Hanno tutto delle grandi capacità e si meritano di stare dove sono ora.

Benedetta: Sinceramente parlando pensavo di meritarlo più io di Emanuele, visto che ho anche affrontato l’esperienza dall’inizio. Ma ripeto che evidentemente avevano giusti motivi per far andare avanti lui.

Parliamo di cose belle: nella scuola avete stretto diversi rapporti di amicizia. Nick tu hai legato molto con Cristiano, tanto che è indimenticabile la sua sfuriata affinché tu ti esibissi durante uno dei pomeridiani, mentre tu Benedetta hai legato molto con le altre ragazze… Con chi avete stretto i rapporti migliori?

Nick: Le persone con cui ho legato di più, oltre ovviamente a Cristiano, sono Luca Favilla, Luca d’Arbenzio e i Raft, bellissime persone e ottimi amici.

Benedetta: Ho legato maggiormente con Floriana Poma, abbiamo stretto veramente una bella amicizia, anche se purtroppo ha lasciato la scuola presto; un’altra persona con cui ho legato molto è Cristiano.

Com’è la vita nel residence? Ci raccontate qualche retroscena divertente?

Nick: I primi periodi erano quelli più belli: c’era sempre il pensiero di essere entrati a far tutti parte di questa bellissima esperienza, ovviamente con le prime eliminazioni l’atmosfera è cambiata sempre di più fino a perdere queste serate di totale svago e spensieratezza.

Benedetta: La vita nel residence i primi giorni era molto bella. Mano a mano ognuno ha iniziato a pensare a se stesso, e quindi il rapporto collettivo è venuto a mancare. Il momento più bello è stato quello dell’improvvisa visita dei The Kolors!

E voi due… come vi siete innamorati?

Nick: Non è cominciata subito, all’inizio non ci consideravamo molto, abbiamo iniziato a farlo quando passavamo i giorni nella sala relax. A mio parere non siamo mai stati solo amici, c’è sempre stato qualcosa di più che ci spingeva a passare sempre più tempo insieme…

Benedetta: La nostra storia è nata dopo un po’ di mesi che siamo entrati ad Amici. Io e Nick non ci eravamo mai visti prima e vi dirò che quando ho iniziato a parlargli – perché lui non mi dava molta confidenza – non mi stava nemmeno tanto simpatico (ride, ndr)! Poi…

Benedetta ci dici un pregio e un difetto di Nick? Nick è molto dolce.. E un pochetto permaloso…

Nick, e per quanto riguarda Benedetta? Benedetta è una persona fantastica, sa ascoltare ed è molto comprensiva, il che in una relazione così a distanza è una cosa molto buona! Non ha grandi difetti, a parte il fatto che ogni tanto mi prende in giro per il mio modo di parlare!

Tra di voi c’è il problema della distanza: Nick tu sei di Biella, mentre Benedetta tu sei di Piombino. Come state gestendo la lontananza?

Nick: Abbiamo imparato a gestire bene questa cosa, conosciamo gli impegni che abbiamo e ogni volta che possiamo ci vediamo, anche solo per pochi giorni!

Benedetta: Eh sì, siamo molto lontani… Però organizzando i nostri impegni riusciamo a vederci e a passare un po’ di tempo insieme! E poi si sa che… L’attesa aumenta il desiderio (ride, ndr)!

Nella scuola è nata anche un’altra coppia, quella formata da Lele Esposito e Elodie Di Patrizi, e proprio tu Benedetta lo hai indirettamente confermato ai fan. Cosa pensi di questa coppia? Sono molto carini insieme! Li shippo!! Si dice così, no (ride, ndr)?

E artisticamente parlando, chi sono per voi i veri talenti della scuola? E chi vincerà?

Nick: Per quanto riguarda il canto il vero talento era sicuramente Cristiano, mentre per il ballo Alessio Gaudino e Gabriele Esposito! Come vincitore non saprei onestamente, se la giocano tutti. È ancora un po’ presto per dirlo!

Benedetta: Per me i più talentuosi erano Cristiano e Michele Lanzeroti, quindi mi sarebbe piaciuto vedere loro come vincitori, ma – anche se non è uno dei miei preferiti – penso che per quanto riguarda il canto sarà Lele a vincere…

Cosa pensate dei direttori artistici Emma Marrone, Elisa Toffoli, Nek e J-Ax? Quale squadra avreste scelto?

Nick: A me sarebbe piaciuto far parte della Squadra Blu!

Benedetta: I direttori artistici sono tutti molto competitivi, ma anche a me sarebbe piaciuto far parte della Squadra Blu!

Amici è stata solo una parentesi per voi, ma sicuramente le vostre opportunità professionali, dati il talento e la giovane età, non sono finite qui: quali sono i vostri progetti per il futuro?

Nick: Cercherò di organizzare tanti concerti e farmi più pubblicità possibile!

Benedetta: I progetti per il futuro sono molti, ma sono chiari. Io e Luca abbiamo degli obiettivi ben precisi nel ballo: proseguiremo ad allenarci e ad insegnare. E chissà, magari potremo pensare anche di aprire una nostra scuola di ballo!

Grazie a Isa e Chia, e a Titta per la bella chiacchierata! Un bacione, Nick e Benedetta