Sergio Sylvestre si racconta: “Ad ‘Amici 15’ l’ansia mi stava sotterrando e a spaventarmi erano Elodie Di Patrizi e Daniele Incicco dei La Rua! Non credevo di vincere ma forse la gente mi ha capito!”

Sergio Sylvestre

Per alcuni era Elodie di Patrizi la favorita alla vittoria della quindicesima edizione di Amici di Maria De Filippi, per altri, invece, a meritarlo era Sergio Sylvestre, il ragazzone americano che la Puglia ha adottato negli ultimi anni e che ad Amici ha conquistato il pubblico con la sua voce possente e la sua immagine da ‘omone dolce’, proprio come lo descrive la canzone che dà il titolo al suo album, ‘Big Boy‘.

Quello ad Amici 15 è stato un percorso duro per Sergio, che alle pagine di Tv Sorrisi e Canzoni ha svelato chi erano i concorrenti che temeva di più:

“Vedevo davanti a me cantanti bravissimi come Elodie, Daniele Incicco dei La Rua… e nel frattempo la mia squadra si assottigliava sempre di più. (…) A volte è stato difficile. A un certo punto mi sono ritrovato ad avere molte più esibizioni degli altri e a cantare di più in italiano. Ho saputo pochissime ore prima della puntata che sarebbe toccato a me esibirmi in duetto con Biagio Antonacci. L’ansia mi stava sotterrando!”

Alla fine, però, la vittoria è arrivata e il Sylvestre non ha dubbi nel dedicarla completamente alla sua famiglia:

“Alla mia famiglia che ha già fatto così tanti sacrifici per me. Quando mi sono trasferito in Italia, mia madre mi ha pagato i biglietti perché non avevo i soldi. In Italia, e in particolare nella città dove sono andato poi a vivere, Lecce, ho trovato quello che cercavo: ‘the human warmth’, il calore umano, che a Los Angeles mi mancava!”

Una vittoria ancora da assimilare per Sergio che se la spiega così:

“Forse ho portato alla gente la persona che sono, anche se magari qualche volta avranno mostrato che russo oppure che faccio cose strane (ride, ndr). Ci sono tante telecamere che ti osservano tutto il giorno, l’unica cosa buona che puoi fare per te stesso è far vedere chi sei veramente. Io l’ho fatto e credo che questa cosa mi abbia premiato!”

La permanenza nella Casetta dei Blu, però, ha aiutato il Big Boy di Amici 15 a raggiungere anche un altro importante traguardo, la perdita di 35 kili:

“Un po’ è stata colpa dello stress. Il resto l’hanno fatto… una dieta ferrea e un personal trainer. Mi hanno fatto capire che se devo fare un concerto di due ore non posso avere il fiato corto. Non voglio diventare un modello ma devo riguardarmi un po’ di più (ride, ndr)!”

Un trofeo, quello vinto nel talent show di Canale 5, che ha abbattuto i pregiudizi di chi era convinto che con la sua immagine non avrebbe potuto vincere uno show televisivo:

“Avevo anch’io gli stessi dubbi. Sono alto più di due metri, con una stazza importante, e sono di colore. Quando vedevo i talent americani mi dicevo che mai avrei potuto arrivare lontano in una gara dove l’estetica conta così tanto. (…) Qui in Italia ho capito, anche grazie all’aiuto di Nek e J-Ax, che la grandezza di un artista si misura soprattutto dal suo talento. Il resto, se sei davvero determinato e forte, conta poco o niente!”

E voi siete stati contenti della vittoria di Sergio Sylvestre?