Luca Rufini a IsaeChia.it: “Con Sophia Galazzo c’è una bella amicizia, ma non escludo che possano esserci buoni propositi… Il Trono Classico? È Maria De Filippi a decidere, ma accetterei con piacere!”

Di Titta - 28 luglio 2016 11:07:15

Luca Rufini è arrivato a Uomini e Donne e ha subito attirato l’attenzione del pubblico femminile, oltre a quella del parterre rosa dello studio di Canale 5. Nel corso della sua permanenza nel programma di Maria De Filippi, il bellissimo cavaliere ha conosciuto e frequentato numerose dame, ma nessuna è riuscita a conquistare il suo cuore.

Oggi in esclusiva per noi di IsaeChia.it, il bel Rufini ci parla non solo della sua esperienza nel dating show dedicato agli Over, ma anche della possibilità di salire sul Trono Classico e dell’amicizia con la giovanissima corteggiatrice Sophia Galazzo

Luca Rufini

Ciao Luca, partiamo dall’inizio e dalla nostra domanda di rito: cosa ti ha spinto a partecipare a Uomini e Donne? È stata pura curiosità, curiosità e voglia di mettermi in gioco per instaurare un rapporto sentimentale con un’altra persona visto i miei pregressi di vita, che ahimè, hanno portato ad espormi in maniera chiusa e fredda nei confronti delle donne. Quindi chiamiamola sfida, una sfida che consapevolmente vincerò perché mi ritengo una persona molto passionale e che quando ama lo fa davvero, quello che do io è amore con la A maiuscola.

In trasmissione hai conosciuto tantissime donne, ma nessuna frequentazione ha avuto un lieto fine, secondo te perché? Cominciamo col dire che io sono per il colpo di fulmine, la cosiddetta ‘stordita’ che almeno una volta nella vita capita a tutti, prima o dopo. So perfettamente che non è una cosa facile e che uno si può innamorare anche in un altro modo, ma io sono arrivato a pensare oggi, dopo i miei pregressi, che non voglio accontentarmi. Ho frequentato diverse donne, è vero, ma nessuna mi ha entusiasmato sentimentalmente a tal punto da farmi perdere la testa.

C’è qualcuna che ti ha lasciato qualcosa in più rispetto alle altre? Non c’è stata una ‘preferita’, ognuna di loro mi ha lasciato qualcosa a modo suo… un qualcosa che però non mi ha totalmente preso come dovrebbe.

Quindi non hai mai pensato di poter finalmente uscire dal programma con una delle donne che hai frequentato? No, non ho mai pensato di fare questa scelta. Devo essere stra-sicuro di quello che voglio, e questa sicurezza fino alla fine del percorso non c’è stata con nessuna.

Analizziamo singolarmente le tue frequentazioni più importanti: hai deciso di interrompere la conoscenza con Anna Tedesco, nonostante lei sembrava piacerti tanto, per la differenza d’età. È stato davvero solo questo il motivo o c’è altro? Sì, Anna non mi è mai dispiaciuta, fin dal primo giorno, ma sono sempre stato titubante nei suoi riguardi per la differenza di età, che inizialmente ho accantonato, ma poi in corso d’opera, volente o nolente, è uscita fuori. È stata una bella frequentazione, forse la migliore, però credo che avrei bisogno di una donna più giovane e continuo con questa linea di pensiero.

Laura Laureti invece sembrava davvero molto presa da te, tanto da non riuscire ad andare avanti nelle altre relazioni. Come mai con lei non ha funzionato? Semplicemente perché io ho conosciuto una persona diversa da quella che si è rivelata, sono rimasto un po’ basito dal suo comportamento che è cambiato dal giorno alla notte: dopo che la sera prima ci eravamo chiariti al telefono, decidendo di continuare la frequentazione, in trasmissione al centro studio, mi ha tirato fango addosso, attaccandomi sul fatto che non chiamo mai, che non sono presente… è difficile pensare un rapporto di coppia con una persona che cambia idea così velocemente, non vedo stabilità e sincerità in una probabile relazione. Quindi ho preferito lasciar correre e non continuare!

Nell’ultimo periodo, invece, hai frequentato contemporaneamente sia Serena Traverso che Morena, dichiarando di preferire la prima, come mai? Sì, Serena è stata l’unica ragazza per la quale ho avuto un interesse superiore rispetto alle altre, sicuramente per l’età, visto che lei è più piccola di me. Nel corso del tempo, infatti, ho capito che se mi confronto con persone più o meno mie coetanee le cose sono nettamente migliori. Mi ha incuriosito molto la sua vita, il suo passato, la sua determinazione e il suo coraggio nell’affrontare la vita da sola con un bambino, non è da tutti i giorni conoscere ragazze con tanta volontà interiore. È una ragazza molto sentimentale, con un bel fisico, non le manca nulla ed è proprio questo che mi ha spinto a frequentarla per così tanto tempo, proprio per vedere se in me scattasse l’interesse giusto per iniziare una relazione! Da parte sua, però, è nato un sentimento molto più importante al quale non potevo dare seguito e ho scelto di interrompere la storia per non prendere in giro nessuno.

Intanto sia tu che Morena avete parlato, seduti al centro dello studio, di una relazione molto fisica, attirando su di voi le critiche di opinionisti e pubblico a casa. Come hai preso quegli attacchi? Sapevo perfettamente che in quei momenti saremmo andati sulla bocca di tutti, ma io non bluffo mai, non dico mai bugie, le cose vanno dette alla luce del giorno, bisogna affrontare la situazione e prendersi le proprie responsabilità… questo è quello che ho fatto.

Ma tra di voi c’era davvero una relazione solo fisica? Con Morena sono stato chiaro sin da subito sul fatto che da parte mia ci fosse solo una forte attrazione fisica. Ci trovavamo a dialogare bene nei vari discorsi, ma c’era solo attrazione fisica! Già dalla seconda uscita io avevo deciso di non proseguire la frequentazione, e quando ne parlai con lei Morena mi rispose: ‘Beh, un giro in giostra con Luca Rufini non me lo faccio?‘. E lì ho capito che non poteva esserci proprio nient’altro, se non quella cosa, che abbiamo deciso di proseguire insieme, fino a quando ho scelto di stopparla perché era proprio inutile continuare.

Ci sono altri tuoi atteggiamenti che sono stati criticati in studio, come le ‘classifiche’ delle donne che frequentavi. C’è qualche attacco che ti ha ferito particolarmente? Per quanto riguarda il discorso dei livelli (o classifiche, come vogliamo chiamarle) si tratta semplicemente di una rappresentazione simbolica atta a quantificare il coinvolgimento affettivo nei confronti della controparte: una rappresentazione, quindi, quantitativa e non qualitativa. Di critiche che mi hanno fatto male ce ne sono! Mi ha ferito, ad esempio, quando mi hanno etichettato per quello non sono: anche se all’apparenza sembro molto strafottente, non sono affatto così e spero di avere l’opportunità di farlo capire alle persone!

E cosa vorresti far capire alle persone? Ci sono alcuni aspetti emersi in trasmissione che hanno contribuito a dare un’immagine di me assolutamente travisata! Mi riferisco in particolare al grosso equivoco di fondo generatosi a proposito del concetto di rispetto nell’ambito delle relazioni interpersonali: la condizione di rispetto è possibile attraverso la sincerità, l’autenticità e la reciprocità; ciò avviene quando si agisce secondo coscienza. Da qui le tre domande esistenziali: ‘cosa sto facendo?‘, ‘perché lo sto facendo?‘ e ‘in quale circostanza sto agendo?‘. In caso di risposte affermative si agisce con coscienza, e questo è il mio caso. Va inoltre considerato che esistono leggi incontrovertibili che presiedono alla costruzione dei rapporti affettivi, anche perché l’amore non è un’equazione ma qualcosa di più indeterminato. Tali rapporti derivano dall’interazione di diversi fattori: il percorso formativo, il contrasto storico, sociale e culturale ed una componente psicologica prettamente individuale che distingue ogni persona dal consimile. Il tutto è figlio della complessità e semplificarla significa vivere la superficie delle cose.

A muoverti molte critiche è stato Gianni Sperti: cosa pensi di lui e del suo modo di comportarsi nei tuoi riguardi? Io ho grande stima nei confronti di Gianni, rispetto la sua posizione da opinionista ma secondo me ha esagerato un tantino nei miei confronti. Capisco che queste situazioni particolari non capitano tutti i giorni, però molti commenti si potevano anche evitare, anche perché io sono stato sempre coerente con tutte e due le ragazze, potevano benissimo mandarmi a quel paese ma non l’hanno fatto, quindi vuol dire che anche a loro andava bene questa cosa. Per il resto lui fa il suo lavoro ed io continuo a rispettarlo, sempre nei limiti del possibile ovviamente…

E di Tina Cipollari e dei suoi ‘siparietti’ con Gemma Galgani? Ahhh, Tina! Una donna magnifica, intelligente e molto simpatica! Mi saluta sempre dietro le quinte e mi fa morire dalle risate. Insomma io l’ho definita una bomba! Termine del tutto appropriato al suo personaggio! I siparietti sono molto divertenti, carini, però Gemma deve capire che è una battaglia persa, perché Tina le dà una pista (ride, ndr)! Guarda, solo una volta Gems per me ha vinto, quando portò durante l’ora dello spuntino, un tavolo pieno di frutta fresca per cui io vado matto. Quel giorno per me aveva vinto, e pure con tanta differenza!

Qual è, invece, la tua opinione sulla storia tra Gemma e Giorgio Manetti? Quella tra Giorgio e Gemma è una storia in cui lei ha rimesso gran parte della sua vita, dedicando ogni instante a quest’uomo, annientandosi completamente, cosa, ahimè, sbagliata ma credibile. So per certo, infatti, che lei l’ha amato e secondo me lo ama anche oggi con tutta se stessa. La cosa che non ho mai capito è perché, pur amandolo così tanto, lo abbia lasciato, dopo tutto quello che è successo tra loro. Comunque, a questo punto del percorso, credo che Gems si debba rassegnare perché, conoscendo Giorgio un pochino, dubito che lui possa avere un qualche ripensamento nei suoi confronti.

Hai avuto la possibilità di conoscere molti Cavalieri e tante Dame all’interno del programma: secondo la tua opinione c’è qualcuno che è lì per cercare davvero l’amore? E chi, invece, è lì più per la popolarità che per costruire qualcosa con qualcuno? In tutti questi mesi ho avuto modo di conoscere tante persone, ho visto passare tanta gente nei camerini, ma ho legato solo con alcuni di loro, visto che io sono una persona che dà poca confidenza e sta al suo posto. Se devo basarmi su quello che ho carpito io, posso dire che secondo me sia dalla parte dei cavalieri che delle dame non c’è stata l’intenzione di rimanere al centro dell’attenzione per visibilità, poi se sbaglio, che dire… avranno i loro buoni motivi. Io credo che le persone che partecipano al programma sono tutte intenzionate a conoscere una persona e non credo che vengano per scaldare la sedia. L’unica volta che non ci ho proprio creduto, è stata quando Paolo corteggiava Gemma… ecco, lì non mi ha dato una parvenza di verità, almeno per quanto riguarda Paolo….

Tu stesso sei stato accusato di essere lì per apparire e non per trovare davvero la donna della tua vita: cosa rispondi a queste critiche? Da quando ho messo piede in quello studio mi è stata mossa praticamente sempre questa critica: ‘che vieni a fare qui?‘, ‘cosa ti manca per trovare una donna fuori?‘… Ho affrontato il percorso sempre con questi bisbiglii dietro le spalle ma me ne sono altamente fregato, ho sempre guardato dritto disinteressandomi dei commenti altrui. Per me partecipare è stata sempre una sfida contro me stesso, una partita che voglio vincere assolutamente trovando una ragazza con la quale relazionarmi affettivamente e alla quale volere bene e facendo conoscere la persona semplice che sono, con tutte le probabilità che possa trovare una donna al di fuori del programma, perché non è detto che non possa succedere… nella vita mai dire mai!

Sei padre di una bimba e hai alle spalle una separazione, nonostante sia molto giovane: qual è il rapporto con tua figlia? Questo discorso rappresenta gran parte della mia vita e mi rende davvero fiero e felicissimo. Sì, sono papà di una bambina stupenda, di una dolcezza unica, dall’animo spettacolare! Tutte le persone che la conoscono se ne innamorano (my love). Come quasi tutti sanno io ho avuto due matrimoni alle spalle, il primo ufficializzato ed il secondo no. Il secondo, quello con la mamma di Ale, è durato circa sei anni ed è stato veramente molto bello, però non ha resistito alle complicazioni dovute all’incompatibilità di carattere. Un’incompatibilità, tra l’altro, uscita fuori proprio quando è arrivata la mia piccola, perché i figli ti cambiano letteralmente la vita, ma non solo la tua, anche quella di chi ti sta vicino! Può accadere che tutto vada bene o può succedere, come nel mio caso, che i conflitti interpersonali diventino talmente tanti da spingere a non continuare. Con mia figlia ho un rapporto bellissimo, passo la maggior parte del tempo con lei, tra scuola e piscina, insomma faccio il mammo al 100% e di questo sono strafelice, voglio cercare di essere un papà esemplare per lei anche se molte volte sono un rompiscatole, almeno questo lo ammetto (ride, ndr)!

Adesso c’è qualche donna nella tua vita? Magari hai risentito qualche dama? In questo momento, come si dice in gergo, sono ‘free‘ e non ho sentito – né tantomeno cercato – nessuna dama! Anna è stata l’unica che ho rivisto ultimamente, l’ho invitata personalmente ad un mio evento! Abbiamo una bella amicizia in comune e di questo sono fiero, lei è sempre una bella persona!

Alla festa del nostro blog abbiamo notato una grande sintonia con Sophia Galazzo, la giovane corteggiatrice del Trono Classico… C’è qualcosa tra voi? Sì, è vero, alla festa del vostro blog – alla quale vi ringrazio ancora di avermi invitato – ho avuto modo di conoscere Sophia! Di lei mi ha colpito la sua riservatezza: oltre ad essere una bella ragazza, nonostante sia molto giovane rispetto a me, devo dire che è molto matura! Ed è proprio il suo modo di essere così riservata che mi ha colpito, perché anche io lo sono in un certo senso. Tra di noi per il momento c’è un’amicizia, ci siamo sentiti diverse volte, ci stiamo ancora conoscendo e non posso ancora sbilanciarmi, per il futuro, però, chissà… non escludo che possano esserci buoni presupposti!

E a proposito di Trono Classico, c’è chi ti vorrebbe come prossimo tronista. Accetteresti se te lo proponessero? Questa cosa mi fa molto piacere! In effetti a me non dispiacerebbe fare questo tipo di percorso all’interno del programma, ultimamente ho dichiarato che se tornassi indietro non esiterei a fare la domanda come probabile tronista visto che ho appurato la certezza che mi confronto molto meglio con ragazze della mia età o poco più giovani. Sarei molto felice di affrontare questa esperienza! Potrei essere il giovane papà tronista d’Italia. Comunque è sempre Maria a decidere, non io (ride, ndr)…

In veste di Cavaliere, invece, torneresti a settembre a Uomini e Donne? Beh, io ho dichiarato che, nel caso mi fidanzassi quest’estate e trovassi la ragazza giusta per me, non avrei partecipato a settembre, ma ad oggi non è ancora successa questa cosa, quindi se la redazione mi richiamasse potrei tornare nuovamente!

Nel tuo futuro ci sono progetti che riguardano la tv, magari altri reality show? In quest’ultimo periodo mi sono dedicato molto allo studio della dizione per un mio bagaglio culturale. Secondo alcune voci di corridoio, che mi hanno riferito, dovrei partecipare ad alcuni reality show, specialmente al Grande Fratello Vip, ma adesso vorrei concentrarmi su questa cosa che sto facendo. In futuro, però, non escludo una mia probabile partecipazione ad un reality qualora mi venisse proposto!

Grazie ancora della vostra pazienza, Rufini non è per niente facile da seguire (ride, ndr)… un bacione a tutte! Luca