Fattore M: spazio dedicato a Marco Mengoni. Marco c’è, anche se non si vede!

Stamp

(rubrica a cura di Valentina P.)

Salve a tutti! Questa settimana il titolo della rubrica è un po’ provocatorio, lo ammetto! È un modo metaforico per dire che – nonostante la lontananza da ogni forma di promozione radio-televisiva – il Mengoni c’è. C’è nei network radiofonici nostrani, dove i suoi brani sono stra-programmati. Ve lo dice una che ascolta 10 minuti di radio ogni 3 giorni, e lo becca puntualmente (giusto ieri, “Solo due satelliti” e “Io ti aspetto”, rispettivamente su RDS ed RTL 102.5). E soprattutto c’è in TV, messo al centro della scena in mille modi diversi: la settimana scorsa ad esempio, è stato protagonista indiretto del Festival di Castrocaro, trasmesso su RaiUno, dove una ragazza ha scelto di esibirsi con “Credimi Ancora” (e la giurata Mara Maionchi non ha perso l’occasione di citare in termini lusinghieri l’inarrivabile originale, per chi volesse QUI). E ancora: lo scorso 29 agosto il nostro Marco – accanto a Vasco Rossi e i Pooh – è stato protagonista di una puntata del preserale di RaiUno, “Techetechetè” (QUI il video, per quanto mi riguarda emozionante alla millesima potenza). E il giorno dopo:
……………………………………
“Successo senza precedenti ieri Rai1 @_Techetechete che segna in access 4.229.000 spettatori con il 20.5% @AndreaFabiano @Techetechete”
……………………………………

Capito? 😀

Nel frattempo, la pagina ufficiale dell’artista ci ha tenuto a celebrare il raggiungimento delle 250 milioni di visualizzazioni sul canale ufficiale VEVO di YouTube. In attesa che sia fatta luce sul misterioso prossimo singolo che, a rigor di logica (e calendario) sarebbe già dovuto uscire una manciata di settimane fa, e invece tutto tace. Scommetto che non appena chiuderò la rubrica, pubblicheranno il post sulla pagina ufficiale con l’annuncio.

Voltando pagina, come tutti sappiamo la scorsa settimana il nostro Paese è stato funestato dall’ennesimo sisma distruttivo. Quasi trecento morti, e una marea di sfollati, interi comuni rasi al suolo. Essendo l’Italia una nazione ad alto rischio sismico, non siamo nuovi a questi eventi drammatici. E, parimenti, non è la prima volta che il mondo della musica si mobilita per fornire il proprio contributo materiale alla ricostruzione. È avvenuto dopo il sisma de L’Aquila nel 2009, quando Mauro Pagani, Jovanotti e Giuliano Sangiorgi si fecero promotori di “Domani 21/04.2009”, singolo più venduto del 2009. Lo stesso avvenne a settembre 2012, per iniziativa di Claudio Maioli e Ferdinando Salzano, quando fu celebrato a Campovolo il concertone “Italy loves Emilia”, finalizzato a raccogliere fondi per le popolazioni colpite dal terremoto dell’Emilia. Ebbene, secondo Rockol.it, anche stavolta a cavallo tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre 2016 si terranno a Milano e Roma (rispettivamente al Forum di Assago e al Circo Massimo) due eventi musicali benefici, mirati a raccogliere fondi per i terremotati di Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto. E l’AD della filiale italiana di Live Nation, Roberto De Luca, ha annunciato che tutti gli artisti della sua “scuderia” (tra cui Marco Mengoni, i Negramaro, Cesare Cremonini, Giorgia, Nesli, i Planet Funk, Tiziano Ferro e Vasco Rossi) verranno sensibilizzati a partecipare alla manifestazione. E non abbiamo dubbi sulle adesioni!

La foto di copertina è per ricordarvi di mandare un semplice SMS in favore delle popolazioni colpite dal sisma. Un piccolo contributo che significa tanto! Alla prossima, Valentina