Emma Marrone si confessa nella sua prima autobiografia: “Tanti si riempiono la bocca dicendo che il pettegolezzo ha aiutato il mio lavoro: stronzate!”

Di Isa - 7 settembre 2016 19:09:33

Emma Marrone

Uscirà in tutte le librerie edito dalla MondadoriDentro tutto è acceso“, la prima autobiografia della cantante salentina Emma Marrone scritta in collaborazione con Gabriele Parpiglia, giornalista del settimanale di gossip Chi. Emma, divenuta famosa con la partecipazione e la vittoria della nona edizione di Amici di Maria De Filippi, parla a cuore aperto tirando anche fuori tutto ciò che sente e prova rispetto ad una delle principali critiche che le viene mossa, ovvero di aver fatto carriera soprattutto grazie al gossip. Emma, infatti, già apprezzata dal suo pubblico per le doti canore mostrate ad Amici, è letteralmente finita sulla bocca di tutti quando nella primavera del 2012 il fidanzato Stefano De Martino, che aveva conosciuto proprio all’interno del talent di Canale 5 dove lui faceva parte della classe di ballo, la lasciò per fidanzarsi con la showgirl argentina Belen Rodriguez, a quei tempi fidanzata con il re dei paparazzi Fabrizio Corona. Molti ritengono che sia stato proprio il gossip e l’immedesimazione del pubblico con lei, parte lesa nel triangolo più discusso di quel momento, ad aiutare l’esplosione della sua carriera. Ecco a tal proposito cosa ribatte Emma nel suo libro:

Io ho sempre lasciato parlare gli altri. Non faccio gossip, mi ci sono ritrovata in mezzo. In tanti si riempiono la bocca dicendo che il pettegolezzo ha aiutato il mio lavoro, ha aumentato la mia popolarità. Stronzate. Io ho sofferto e a causa del gossip ho perso per anni l’attenzione del giornalismo musicale che conta. Già dovevo lottare contro il pregiudizio del talent show, di quelli che forse ancora oggi, nonostante i numeri e le vendite siano eloquenti, ti giudicano con uno sguardo che sottintende un ‘Ma sì, lei ha fatto Amici…’. Io li chiamo ‘gli splendidi’ ed esistono ancora. La celebrità è un fattore, il gossip è tutta un’altra cosa (…) Chiariamo subito: la tv mi ha aiutato tantissimo, è innegabile. Quando invece mi sono sentita maciullata dalla macchina del gossip, ho subìto la mortificazione della persona, a causa di un ingranaggio che mi ha risucchiato mio malgrado. Ho temuto di diventare una macchietta, ho creduto che la musica si dimenticasse di me. Era questa la mia prima, grande paura. Eppure ho saputo custodire i miei sentimenti. Non sono mai esplosa con esternazioni di rabbia e vendetta. Con copertine studiate ‘ad hoc’. Ho abbracciato il silenzio. E aspettato di capire tutto lucidamente. (…) Io e Stefano siamo stati insieme tre anni e mezzo e non abbiamo mai pubblicato nostre foto sui social. Abbiamo mantenuto il pezzettino magico del nostro privato: eravamo felici tra di noi e quello che avevamo ci bastava. Poi uno tsunami ha travolto tutto e tutti. E allora io ho temuto che i sacrifici che avevo fatto per la mia musica fossero cancellati in nome del maledetto circo mediatico. C’è voluto tempo per capire, elaborare, superare e soprattutto accettare. Ho sviluppato la teoria dell’accettazione.

E tuttavia anche una volta che il “ciclone” del triangolo con Stefano e Belen si è placato, Emma ha continuato ad avere un ruolo stabile nelle principali riviste di gossip nostrano per via delle relazioni successive caratterizzate dalla notorietà dei suoi partner, l’attore Marco Bocci prima e l’ex calciatore protagonista di Campioni, il sogno Fabio Borriello, fratello del più noto Marco a sua volta ex fidanzato storico proprio della Rodriguez, poi…

Ho avuto altri fidanzati famosi, lo so. Ma questo è il mondo che frequento. Ma non avrei problemi ad amare un ragazzo che fa il muratore o un qualsiasi altro lavoro. Non ho bisogno di essere mantenuta ma so, e credetemi che è così, che un ragazzo con una vita e un lavoro normali si farebbe dei problemi a farsi avanti con me. Magari molti pensano che io sia la ragazza che pretende lo yacht da 40 metri per andare in vacanza oppure la borsa firmata alla prima cena. No, mi spiace, passo. Quella è un’altra tipologia di donna. Io sto bene se mi porti a bere un bicchiere di vino in un localino romano, a mangiare un gelato oppure al mare, sì, ma con il pattìno.

Questo è solo un assaggio di “Dentro tutto è acceso“, per conoscere tanti altri aspetti più o meno segreti dell’amatissima cantante salentina non vi resta che correre in libreria tra sei giorni esatti!