‘Pechino Express 5’: l’opinione di Chia sulle coppie in gara


Pechino Express

Finalmente Costantino della Gherardesca è tornato, ed insieme a lui uno dei miei programmi preferiti di sempre, ossia Pechino Express.

Anche quest’anno sono otto le coppie in gara che dovranno – passaggio dopo passaggio, prova dopo prova – attraversare Colombia, Guatemala e Messico in un appassionante viaggio lungo 7000km che li condurrà verso il traguardo finale a Città del Messico.

Io in questi giorni, diesel come mio solito, sarei a godermi le ferie in quel di Bellaria, ma al fascino di questo programma non ho saputo resistere neanche col mare davanti. Però questa prima puntata di Pechino Express 5 non mi ha fatto rimpiangere la classica serata tra bancarelle e giostre sin dai minuti iniziali, quando un Costa tirato a lucido ha presentato le coppie in gioco in modo inedito e spumeggiante, in diretta da uno studio televisivo di Bogotà.

E ora veniamo a noi, e analizziamo meglio questi baldi concorrenti…

Le coppie promosse, senza se e senza ma:

Tina Cipollari e Simone Di Matteo, gli #Spostati – Che li avrei amati l’ho saputo dal momento in cui ho appreso della loro partecipazione al programma. Lei la vediamo tutti i giorni, da anni ormai, su Canale 5, e lui è non solo un grande amico della Vamp, ma anche mio. Ieri ho cercato di guardarli con occhio imparziale, ma anche così mi sono risultati irresistibili, tra Tina che se ne sbatteva le palle della gara e si faceva distrarre da ogni vetrina ricolma di prelibatezze culinarie, e Simone che di conseguenza doveva impegnarsi il doppio per non perdere terreno rispetto agli avversari. Sembravano una mamma e il suo bambino, peccato che lui facesse le veci della mamma e lei del bambino. La scena di Tina che sfinita dalle camminate con lo zaino pesante recuperava una motoretta al volo e superava Simone costringendolo a correrle appresso mentre paraculamente lo rassicurava con un ‘No, ma tranquillo, il traguardo non è lontano!‘ é stata quasi meravigliosa quanto quella di lei in abito sberlucciante che esportava la ‘Danza della Panza‘ tra le strade di Bogotà.

Diego Passoni e Cristina Bugatty, i #Contribuenti – Loro sono fantastici. A parte che mi sanno proprio di belle persone, sempre educatissimi e rispettosi di chiunque trovino sul loro cammino, ma poi fanno sbellicare dalle risate. Lei che si rivolgeva ad un funzionario armato dicendogli ‘Mi piace la tua skin, la tua piel… Un bell’incarnato, molto compatto… Usi la crema per il contorno occhi?‘ ha già vinto tutto.

Silvia Farina e Marco Cubeddu, gli #Estranei – Se non avete mai visto la puntata di Undressed di cui lei è stata protagonista qualche mese fa, vi prego, recuperatevela al volo. EPICA. Una tizia cosí naturalmente naïve non la vedevamo in tv da tempi immemori, e spero ci regali momenti indimenticabili anche a Pechino Express. Per ora quel ‘Dio dell’Universo, ha creato tutto… Un mito!‘ é stata un’ottima anteprima. E pure Cubeddu ci piace, tanto che quasi potrei shipparli davvero.

Le coppie rimandate, almeno per il momento:

Lory Del Santo e Marco Cucolo, gli #Innamorati – Sono ancora un po’ perplessa all’idea che Lory non avesse mai visto una gallina live né preso un autobus in vita sua prima di arrivare in Colombia, ma mi ha recuperato punti con gli epic win che ci ha regalato sul finale quando, eliminati (apparentemente) dai #Coniugi, li ha asfaltati facendoli cadere in immediata e ridicola contraddizione. Lui un po’ trasparente, se devo essere onesta, ma magari deve solo prendere confidenza con le telecamere. Che The Lady non gli é bastato, a quanto pare.

Alessio Stigliano e Alessandro Tenace, i #Socialisti – Ammetto la mia ignoranza in campo YouTube, ma loro due proprio non li conoscevo prima di ieri sera. Leggo commenti euforici nei loro confronti in ogni dove, e quindi gli do il beneficio del dubbio, ma almeno per quanto riguarda la prima puntata non mi sono sembrati indimenticabili. Staremo a vedere.

Ruichi Xu e Carlos Kamizele Kahunga, gli #Emiliani – Loro sono tanto carini, e se li ho messi tra i rimandati é perché li conosco ancora troppo poco per sbilanciarmi, ma l’impressione che mi hanno fatto è strapositiva. E poi sono una bella accoppiata anche per gli occhi, il che non guasta.

Benedetta Mazza e Raffaella Modugno, le #Naturali – Mi spiace dirlo, perché poi sembra che io manchi di solidarietà femminile, ma se penso a loro due dopo questa prima puntata l’unico aggettivo che mi viene in mente é… Sciocchine. Non insopportabili (ne abbiamo viste di peggiori di coppie solo donne, se vi ricordate….), però sciocchine sì. Per ora le uniche di cui potrei fare tranquillamente a meno, ecco.

La coppia bocciata sulla fiducia:

Francesco Sarcina e Clizia Incorvaia, i #Coniugi – Ogni anno una coppia insopportabile ci deve essere per forza, e quest’anno me sa che tocca a loro. A parte che farebbero scappare la voglia di sposarsi pure a gente innamorata dell’ammmore stile Gemma Galgani, tanta poca tenerezza sono riusciti a sfoderare (quella poca che abbiamo visto, pensandoci, era sempre e solo dopo delle vittorie, in prova o in tappa che fossero… Poi una mazza, giusto qualche frecciatina insofferente e via…), ma poi ho una spiccata avversione per quelli così competitivi da non godersi manco gli scenari incantevoli che li circondano. Peró eliminatemeli il più tardi possibile, che adoro avere bersagli così perfetti per le mie freccette virtuali.

In conclusione, tirando le somme, cast azzeccatissimo. Come ogni anno, del resto. Da settimana prossima il lunedì sera sarà veramente dura scegliere tra Pechino Express e il Grande Fratello Vip, ma nell’incertezza… esiste sempre VideoMediaset per il giorno dopo, no?