‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sulla puntata di oggi del Trono over

Trono over

E così succede che raramente, tra una distribuzione di salsicce, un ballo della panza, duecento nuove dame per il Manetti e un pianto a secco della Galgani, il Trono over torni ad essere, per un momento, emozionante, piacevole, godibile e a tratti pure toccante. La puntata di oggi mi è piaciuta, mi è piaciuta davvero un sacco. Tantissimi personaggi nuovi, che magari tra qualche mese ci risulteranno indigesti ma che oggi profumavano proprio di fresco, caratteri nuovi, storie nuove, visi diversi da quelli che oramai ci perseguitano pure la notte, nei nostri incubi.

E poi le storie d’amore. Quelle vere. Quelle che non hanno bisogno di passare attraverso gli sms da inviare alla redazione, quelle che, se c’è qualcosa da chiarire, non hanno bisogno di uno speciale serale su Canale 5, quelle che nel giro di poco tempo portano alla scelta di sposarsi, di attraversare il mondo insieme, di venire in trasmissione solo per dire ‘Si, stiamo insieme, stiamo bene, non abbiamo bisogno di tornare qui‘. Ecco, se alla fine, nonostante tutto, i programmi di Maria De Filippi, e Uomini e Donne nello specifico, hanno ancora credibilità è proprio grazie a storie come queste. E’ grazie al fatto che per un Amedeo Barbato o un Lucas Peracchi ci sono poi coppie come Monica Pisano e Nicola Foderaro e per teatranti come Gemma e Giorgio ci sono poi coppie splendide come Roberto e Rossella che ti fanno dimenticare tutto e ti fanno pensare che alla fine, in fondo in fondo, è ancora vero che a Uomini e Donne si può trovare l’amore.

La cosa che dispiace? Che va bene che i Gabbiani fanno ascolti, e quelli contano, e quindi nel dargli spazio la redazione non fa altro che il proprio lavoro, però, cavolo, è mai possibile che in nove mesi di trasmissione non si siano trovati almeno 10 minuti a settimana (ma mi accontenterei anche di 10 minuti al mese, eh)  per farci vedere come nascevano e fiorivano i veri sentimenti che oggi legano Roberto e Rossella, Maria e Sergio e, seppur da poco, anche Laura Cola ed Ernesto Russo? Questi ultimi quantomeno li abbiamo visti interagire con altre persone prima che decidessero di stare insieme ma, ad esempio, se fino a ieri mi avessero mostrato le foto di Roberto e Rossella chiedendomi se facessero parte del Trono over avrei risposto ad occhi chiusi di no. E chi li ha mai visti! Non so, magari in 9 mesi cinque minuti glieli avranno pure dedicati, eh, non lo so, non me lo ricordo, ricordarsi di 5 minuti in 9 mesi è dura. Quel che so è che oggi queste due persone hanno annunciato che tra meno di un mese diventeranno marito e moglie, che hanno deciso di legare per sempre le loro vite e tutto ciò è iniziato grazie ad un programma che seguo ogni pomeriggio senza che però io me ne sia mai accorta. E so pure che persino oggi, nella manciata di minuti a loro dedicata, la Galgani ha avuto il barbaro coraggio di rubargli la scena e di rimettersi (ancora!) al centro dell’attenzione rifilandoci il suo ormai prevedibile pianto a secco accompagnato da un miriade di espressioni contrite che come al solito sembrano urlare ‘sto soffrendo, sto soffrendo, Maria interpellami!‘. Mamma mia, oh. Malata di protagonismo fino al midollo.

Ovviamente infiniti auguri a Roberto e Rossella per le imminenti nozze e tanti auguri di una serena vita di coppia anche a Maria e Sergio che ho trovato davvero splendidi. A volte ho proprio la sensazione che le persone della loro generazione siano capaci di godersi il bello della vita molto più di quanto non facciamo noi ventenni e trentenni che dalla nostra teoricamente dovremmo avere età ed energie. Serate in balera, viaggi, uscite in bici, entusiasmo per le piccole gioie della quotidianità… insomma non dico che mi abbiano fatto invidia, perché fortunatamente sono molto felice della mia sfera privata, però mi hanno decisamente fatto sperare di arrivare alla loro età con quella stessa luce negli occhi e nell’anima.

Contro ogni previsione vanno avanti anche Laura ed Ernesto e, che dire, ad oggi sembrano davvero affiatati. Del resto, parliamoci chiaro, una coppia che nasce a Uomini e Donne sul finale di stagione e che non naufraga giusto in tempo per l’inizio della stagione successiva ha già superato un’enorme prova d’amore!

Video della puntata: Puntata interaFortunato si presentaEcco AlbertoAnna… MariaEcco SilviaMatrimonio in vistaMaria e Sergio – Laura C. e ErnestoMimìElena Chi ben comincia…

About Isa

15 commenti

  1. ‘Malata di protagonismo fino al midollo.’

    Ecco.

    E per quest’anno basta, non le dedico più nemmeno una sillaba 😀 !

  2. Ma daiiiiii, anno nuovo bavosità vecchia! Sto guardando adesso la puntata e sto pensando di proporre un affiancamento: oltre al trono over istituirei il trono decrepit, così quegli ottantenni convintoni tipo Vittorio non faranno più fatica a distinguere fra le donne che possono essere interessate a lui e le fresche quarantenni che vorrebbe portarsi a casa.

    • Sì dice che da anziani si torna un po bambini. Loro li dentro si sentono catapultati nel paese dei balocchi e , grondanti di bava che fa capolino da ambo i lati della bocca, si fiondano su quelle che ritengono le bamboline più belle per poterci giocare finché un “heart attack” (cit Mio) non porrà fine ai loro sollazzi. (O almeno questo credono). Peccato che le bamboline, alla fine, le possano vedere soltanto col binocolo.
      … chissà se il paese dei balocchi è fornito di binocolo.

      • Black, mi sei d’ispirazione. Per smuovere un po’ le acque in quel parterre di bambini ingolositi potremmo differenziare ulteriormente i troni: il decrepit potrebbe dividersi in trono “Alzheimer” (per chi non sa nemmeno cosa sta a fare in quello studio), “lumaca” (per chi ha un livello di bavosità medio-alto) e trono “ruota della fortuna” (il fortunato ultraottantenne estratto potrà passare una indimenticabile serata con una donna del trono over, fra quelle rimaste libere).

  3. Una bella ridimensionata ai cateterandi sarebbe far porre la data di nascita sotto il nome,nel cartellino

  4. Sì è vero,poche le coppie vere vengono purtroppo lasciate in panchina, quella di Roberto e Rossella fu sfoderata nel momento in cui Gianluca e Erika avevano dato il meglio di loro e Maria usò, fra virgolette, la coppia per far capire loro cosa significava essere davvero insieme, Maria in questo caso ci aveva visto lungo, infatti solo dopo una settimana Roberto e Rossella decisero di abbandonare il programma. Anche a me oggi finalmente è piaciuta la puntata e ne sono contenta perché ormai guardo uomini e donne over ma sono contenta quando ne vale la pena e forse oggi ho raggiunto l’obiettivo non totalmente visto gli interventi non consoni di Gemma…e la presenza inutile di Giorgio…

  5. Mah.. io le coppie felici, Ernesto e Laura a parte, mica le conoscevo. Siamo sicuri che hanno partecipato a U&D?

  6. Mi fa piacere per le coppie che durano a cui avrebbero dovuto dare più spazio. Io non ricordo la coppia che si sposa.
    Ancora una volta, non si smentiscono i vecchietti che vorrebbero donne molto più giovani ed attraenti.

  7. Grazie ai signori di Sosh che hanno aumentato in maniera esponenziale i miei gb di internet,posso godermi le puntate durante i viaggi in treno.
    Beh,alla vista di questi Roberto e Rossella mi sono trovata a sorridere. Più volte. Da sola. Come una cretina. Ringrazio che qui u&d sia sconosciuto,altrimenti mi sarei vergognata.

Inserisci un commento

Not using HHVM