‘Uomini e Donne’, la tenera dedica dell’ex corteggiatrice Pamela Compagnucci al bimbo che porta in grembo: “Mamma e papà già ti amano alla follia!”

Pamela Compagnucci e Alberto Gargano

Abbiamo conosciuto Pamela Compagnucci nell’autunno del 2008, quando a Uomini e Donne sedeva tra le fila delle corteggiatrici di Federico Mastrostefano, il tronista di Manziana che alla fine di un percorso assolutamente atipico la scelse, scombinando tutte le previsioni, a partire da quelle della stessa Pamela che mai aveva creduto di abbandonare lo studio di Maria De Filippi insieme a lui. La settima edizione de L’Isola dei Famosi aveva poi messo a dura prova la loro storia, che si era definitivamente conclusa qualche tempo dopo.

La Compagnucci ha ritrovato la serenità nel 2012, grazie alla relazione con l’imprenditore Alberto Gargano, e la coppia, che sta insieme da quattro anni e convive da tre, tra pochi mesi coronerà il sogno di allargare la famiglia: era stata proprio una raggiante Pamela a dare l’annuncio della sua gravidanza un paio di mesi fa attraverso il suo profilo Facebook (QUI il post in cui ve ne avevamo parlato).

Un figlio fortemente voluto e desiderato, al quale l’ex corteggiatrice, impaziente ed emozionata, nei giorni scorsi ha dedicato delle parole bellissime via social. Eccovele:

Facebook

Pamela Compagnucci e Alberto Gargano

About Chia

7 commenti

  1. Diró una cosa impopolare, ma a me nauseano tutte queste dediche/foto ai propri bambini sbattute sui social alla mercè di tutti.

  2. Ormai sembra che se non comunichi al mondo i tuoi pensieri privati non esistano

    • “Se un albero cade in una foresta nel deserto e nessuno lo sente, fa rumore?” ?
      Io sono incredibilmente felice di essere una persona che tiene alla sua privacy.Sarà che finché sono cose belle la condivisione fa piacere, ma poi entri in un meccanismo per cui condividi la qualsiasi in modo totalmente automatico.
      E le persone sono sempre attaccate ai cellulari.

    • No dai, non è vero.
      _______________
      Ho cenato mezz’ora fa, ma ho ancora fame.
      Purtroppo non mi va una carota o una zucchina,
      ma fino a metà ottobre, quando avrò le analisi del sangue,
      non posso mangiare alcuni alimenti, che ovviamente sono quelli che preferisco.
      Al referendum voterò no.
      Mi spiace che col mio ex, dieci anni fa, sia finita così. Gli chiedo scusa.
      Ora faccio pipì, poi telefono a mia sorella.

Inserisci un commento

Not using HHVM