‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sulla puntata di oggi del Trono classico

Trono classico
Oh, manco il tempo di dire “Ma che bellini!“, manco il tempo di perculare la redazione che manda in onda le puntate con settimane di ritardo con i due che giorni fa avevano annunciato sui social di essersi rimessi insieme, ed ecco che, sbadabam, Ernersto Carnevale e Gabriella Teodosio si mettono in pari con le messe in onda di Uomini e Donne, e si lasciano di nuovo -.-

Eccheppalle, però, uffa. Ora, non dico che Ernesto e Gabriella fossero la mia ship del guore però io li trovavo davvero carini. In fondo erano tra i pochi a non aver zoccoleggiato con nessuno a Temptation Island e ad essersi lasciati senza mai affermare di non essere più innamorati. Oggi Filippo Bisciglia, nel cercare di riavvicinarli, ha affermato che ‘l’amore basta‘… beh, forse non è vero. O perlomeno è vero che l’amore basta purché nella parola amore, oltre al sentimento nudo e crudo, si facciano rientrare tutta un’altra miriade di elementi: lo spirito di sacrificio, la capacità di venirsi incontro, la capacità di fare dei passi indietro, la capacità di trovare un equilibrio facendoci anche andar bene qualcosa che normalmente non ci andrebbe bene… insomma, l’amore basta, ma l’amore non è quello dei romanzetti Harmony né quello delle telenovelas, l’amore è complesso, ed è difficile.

Sapete cosa penso e cosa ho percepito alla luce della puntata di oggi? Che oltre alla problematica della famiglia di Ernesto, problematica evidentemente non risolta a pieno, questi due ragazzi siano un po’ rimasti schiacciati dal meccanismo televisivo. Più di una volta, nel corso della puntata, Ernesto ha parlato di “immagine data al pubblico” , ha sottolineato come Gabriella, a suo avviso, sia voluta passare da vittima agli occhi degli spettatori e, sul finale, ha anche detto qualcosa come ‘ecco, ora sta facendo il personaggio‘… insomma, la mia sensazione è che oltre a tutti i loro problemi, esistenti evidentemente già prima del programma e rimasti irrisolti, si sia aggiunto il fattore “popolarità” ad aggravare le cose. Ernesto, in particolare, mi sembra molto condizionato dal tutto il contesto che si è creato intorno a loro dopo la partecipazione a Temptation e probabilmente se già prima faceva fatica a fidarsi di Gabriella adesso è pure peggio perché si aggiunge il dubbio che certe cose vengano fatte per ‘farsi belli agli occhi di chi li segue’. Praticamente, detta papale papale, io credo che loro siano una coppia che ha sempre litigato ( Lassie scappava, tornava, riscappava e ritornava) però mentre prima, nella loro situazione di anonimato, si passava sopra a tante cose, adesso i giudizi esterni e il fatto comunque di essere, volenti o nolenti, dei personaggi pubblici (hanno più followers su Instagram di tanti personaggi che fanno tv da anni, per dire) ha aggravato la situazione e ha reso ancora più difficile la possibilità di appianare le divergenze e venirsi incontro. Vista la particolarità dei soggetti non mi stupirei se da qui a Natale si ricongiungessero e lasciassero altre 26 volte, per il momento, a quanto pare, la missione C’è posta per te di Queen Mary è miseramente fallita.

La parentesi finale è per Claudio D’Angelo che in maniera tanto elegante quanto, ai miei occhi, urticante, ha praticamente invitato Valeria Gentile ad accomodarsi alla porta. Ve lo dico subito: mi sto rapidamente pentendo di aver osato tirare in ballo il sommo Antonio Passarelli per paragonarlo a Claudio. Oggi non mi è piaciuto affatto. Intanto non mi è piaciuta proprio la frase ‘guardo sia lo stacco di coscia, sia altro‘ quasi a sottolineare che Valeria quello stacco di coscia non ce l’ha (lei sa benissimo di non averlo, ma magari limitarsi a un generico ‘non sei il mio tipo‘ sarebbe davvero stato più signorile) e poi credo che si debba distinguere la delicatezza e l’eleganza nel dire le cose, dalla mancanza di palle per dirle. Sostanzialmente a Claudio Valeria non interessa, è palese. Avrebbe benissimo potuto dirle ‘guarda, ti ho tenuta pensando di portarti fuori ma mi rendo conto di essere spinto verso altre persone e di non avere sufficiente curiosità nei tuoi confronti‘ ed invece ha fatto tutto un giro di parole che si può tradurre in: “mi interessa lo stacco di coscia delle altre, se vuoi stare lì stai lì ma potresti starci a lungo perché non mi interessa portarti fuori“. E no, bello mio, troppo facile lasciare l’ultima parola alla ragazza, qua il tronista sei tu, sei tu che sai se una può interessarti o meno e se non ti interessa, con eleganza, glielo dici ed eviti di farle perder tempo.

Che poi, boh, io sono donna e magari certe cose non le capisco, ma a me Valeria sembrava davvero una delle poche a salvarsi in mezzo a quel mare di figurine tutte uguali. Un viso pazzesco e, da quel poco che ha avuto modo di farci vedere, anche un carattere forte. Forse troppo forte per affascinare i due mammalucchi sul trono. O forse, ancora peggio, era la testa rasata il vero problema. Perché “quello che c’è fuori conta in parte, è più importante ciò che c’è dentro‘ è una frase bellissima. Peccato che alla fine la buonissima parte dei ragazzi della loro età (e non solo, purtroppo -.-) si fermi alla taglia del reggiseno, alla lunghezza delle cosce, all’unghia smaltata e al capello fluente.

Video inediti: Claudio e Riccardo e le nuove corteggiatriciClaudio e i nuovi corteggiatoriClarissa e i nuovi corteggiatoriEsterna di Clarissa e Luca

Video della puntata: Puntata interaGabriella ed Ernesto: il confronto Un abbraccio e un “treno”Gabriella ed Ernesto: prove di coppiaForma o sostanza?