Keep Calm and Love Coach: I maschietti si spaventano… anche a 70 anni!

Di Chia - 27 novembre 2016 19:11:25

Trono over

Giovedì guardavo distrattamente la puntata del Trono Over, e quando ha fatto il suo ingresso la signora Emilia (che per inciso si chiama come una mia adorata zia che non c’è più e le somiglia anche, per cui mi ha subito fatto un’enorme simpatia) avevo già capito che sarebbe stata silurata nel tempo di un battito di ciglia.

Io credo che una persona normale, di una certa età, che è consapevole che la parte più lunga della sua vita è ormai alle spalle, si porrebbe proprio come la signora Emilia, che in due minuti ha chiaramente detto a Francesco Turco “Io sono qui, prendiamoci per mano e continuiamo la nostra strada insieme fino alla fine“. Lei era tenerissima, lui era terrorizzato!

Letteralmente in panico, vedevo la paura nel suo sguardo (di solito mai troppo vispo, ma questo è un altro paio di maniche…) e ogni minuto mi saliva un’ansia mostruosa per lui. Il fatto semplice è che Franceschino sta sotto un treno per Aurora, ma in generale (come troppo spesso accade agli uomini single di tutte le età) un legame stabile e sereno con una donna cazzuta (passatemi il termine) che sa fin troppo bene quello che vuole, in fondo non lo desidera.

Ogni volta che guardo il Trono Over, infatti, non posso fare a meno di pensare come l’età nelle dinamiche amorose sia una variabile quasi del tutto ininfluente. Uno si aspetterebbe che con il tempo le persone maturino e che certi atteggiamenti tipici del post adolescenza si superino. Errore!

‘Uomini e Donne’ ci mostra che l’amore non ha età, e questo è sia un bene che un male. Se è bellissimo vedere due persone avanti con gli anni innamorarsi e intenerirsi come due quindicenni alla prima cotta, nonostante le ferite che inevitabilmente tutti nella vita riportiamo, allo stesso modo è triste vedere altri spettacoli.

Un eterno Peter Pan come Giorgio Manetti, che silura tutte quelle che gli capitano a tiro perché a 60 anni vivere con mammà è meglio, una Gemma Galgani che si comporta – e si veste – come una diciottenne in preda alle emozioni, un’Aurora che va in trasmissione con un vestitino laminato che io manco a 17 anni in discoteca e un Francesco Turco che prega di trovare una compagna, ma poi quando trova una donna seria che sa quello che vuole ed è pronta ad andare avanti con lui, la parcheggia nella Friend Zone e tanti saluti, dovrebbero aprirci gli occhi su come gli anni siano solo un numero… e non è sempre un bene!

Detto ciò il consiglio che posso dare a tutte le ragazze che hanno a che fare con maschi con la sindrome del Gabbiano è uno: fregateli, fategli credere che voi non siete interessate ad una storia a lungo termine e lavorate nell’ombra. Se, però, siete di quelle convinte che bisogna essere sincere, che non bisogna usare tattiche allora passate oltre. Mia nonna diceva che a lavare la testa all’asino si perde acqua e sapone… ma pure un sacco di tempo!

Per altri consigli di cuore, e non solo, vi aspetto come sempre su ChezMadeleine (che potete visitare cliccando QUI) e sulla mia pagina Facebook (che trovate QUI). Per le mamme, invece, l’appuntamento è su ChezMaman (QUI)! Alla prossima, Madeleine H.