‘Uomini e Donne’: l’opinione di Chia sulla puntata di oggi del Trono over

Trono over

In un mondo di wannabe Dilf (che del Dilf hanno solo la D di ‘Daddy‘ -che volendo si potrebbe sostituire con la G di ‘Grandpa‘, visto il contesto…- perché sulla I, la L e la F meglio soprassedere…), a spadroneggiare nel Trono over di Uomini e Donne è la regina delle Milfone (e anche qui la G di ‘Granny‘ sarebbe più appropriata…) alias Gemma Galgani, che nel giro di pochi anni è passata dall’irretire prima quel matusalemme di Ennio Zingarelli, poi il 60enne Giorgio Manetti ed infine il 49enne Michele, il quale pur di avere il suo numero di telefono -che per ben due volte ha chiesto alla torinese, senza mai riceverlo…- si è giocato la conoscenza con una biondina di seconda fila.

C’è da dire che questo tizio non ha la faccia da furbastro che invece è propria del Gabbiano e di Marco Firpo, quindi non mi ha dato l’idea di cercare un contatto con Gemma solo e unicamente per finire a centro studio per qualche mese. Il che è quasi peggio, perché escludendo questa ipotesi che ben calzava ai suoi predecessori l’unica alternativa che rimane è che la Galgani gli piaccia davvero, e peggio me sento. Però oh, io Gemmona alla fin fine la ringrazio per aver sdoganato definitivamente le frequentazioni tra donne più mature e ometti ben più giovani, che non era giusto lasciare tutto il lavoro sporco a Lory Del Santo, ecco.

Ma il meglio della puntata di oggi ce l’ha regalato Simona, l’ennesima che in quello studio si atteggia a super donna e poi casca come una pera cotta ai piedi degli elementi peggiori.

Sì, l’abbiamo capito che hai frequentato Sossio Aruta per un mese e mezzo, che non è stata una conoscenza puramente platonica, che c’erano in ballo anche sentimenti e bla bla bla, ma rimane il fatto che lui -anche se in privato ti ha inondata di messaggini compromettenti- in mondovisione ha affermato con decisione che sei troppo vecchia per lui. E questo, fossi stata nei tuoi panni, mi sarebbe decisamente bastato per archiviare definitivamente il carciofo che avevo davanti, altro che balli e incontri chiarificatori.

E non andava fatto tanto per rispetto della conoscenza con Nino (che spero comunque sia irremovibile nella sua presa di posizione odierna e non ci ricaschi più nel prenotare ristoranti ad minchiam) quanto per rispetto per te stessa, che ad avere a che fare con quelli che a te in privato dicono una cosa ma davanti al resto del mondo affermano l’esatto opposto è un attimo a piombare nei panni dell’amante. O della cornuta di turno.

Video dalla puntata: Puntata interaDopo la prima di SelfieLo sfogo e la liteGli strascichi di Selfie“S’è sparsa la voce…”“Poesia per la mia principessa”Il club degli exLo stop di NinoUn ballo galeotto