Alessandra Costa a IsaeChia.it: “Mariano Catanzaro mi ha dato l’idea di voler standardizzare la figura della donna a mera carne! Sara Affi Fella e Nilufar Addati? Si comportano come due trentenni”

Di Franci - 10 febbraio 2018 13:02:57

Son passati ormai 3 anni da quando abbiamo conosciuto Alessandra Costa a Uomini e Donne. L’ex corteggiatrice romana rientrava nella cerchia di pretendenti che avevano maggiormente catturato l’attenzione dell’allora tronista Amedeo Andreaozzi, ma il suo epilogo in studio non è stato dei migliori, visto che a un passo dalla scelta il partenopeo aveva poi deciso di preferirle la rivale Alessia Messina, con la quale ha intrapreso una brevissima storia d’amore.

Negli anni Alessandra ha frequentato diversi ragazzi, senza trovare però quello giusto: ha deciso, così, di rimettersi in gioco nelle scorse settimane proprio nella trasmissione che l’aveva resa nota al grande pubblico, scendendo quelle scale in occasione di un appuntamento al buio. Sull’ambita seduta rossa, la Costa ha ritrovato Mariano Catanzaro e ha voluto tentare questa frequentazione. In esclusiva a noi di IsaeChia.it, però, l’ex corteggiatrice ha raccontato che le cose non sono andate esattamente come sperava e ha rivelato cosa non ha funzionato durante questa nuova esperienza…

Alessandra Costa

Ciao Alessandra! Ti abbiamo conosciuta a Uomini e Donne diversi anni fa, alla corte di Amedeo Andreozzi. Cosa ti rimane di quell’esperienza e cosa ti ha spinto a rimetterti in gioco poche settimane fa ad un nuovo appuntamento al buio? Ciao Franci! Di quella esperienza mi rimane un ricordo bello e divertente, anche se poi non finì “benissimo”. In questi anni ho avuto tutte frequentazioni assurde, tanto da poter scrivere un almanacco del “mai ‘na gioia in amore” quindi ho deciso di rimettermi in gioco, scendere le famose scale, con la speranza di trovare almeno stavolta una persona che mi facesse battere il cuore.

Tu, però, non sapevi chi sarebbe stato il nuovo tronista: cos’hai pensato appena hai scoperto che era Mariano Catanzaro? No, esatto, non immaginavo minimamente chi avrei potuto trovare sul trono. Calcola che io Mariano lo ‘conoscevo’ già, perché mentre io ero alla corte di Amedeo, lui simultaneamente corteggiava Valentina Dallari, quindi avevo avuto modo di farmi un’idea sul suo conto. Ho sempre reputato Mariano un ragazzo stra-simpatico e sopra le righe, ma ero curiosa di vedere se, oltre il suo lato comico, ci fosse anche altro…

Accanto a lui, c’era già allora un altro tronista, Nicolò Brigante. Sei mai stata incuriosita da lui? Nicolò è un ragazzo bello ed educato ma mi ha sempre dato l’impressione di essere un po’ troppo pacato per il mio carattere, quindi sinceramente non ho neanche ipotizzato di provare a conoscerlo in trasmissione.

Durante la prima puntata del trono di Mariano ti sei fatta subito notare anche dal tronista che ti ha dato la parola, ammettendo di nutrire della simpatia nei tuoi confronti, ma poi non ti abbiamo più vista nelle puntate successive. Cos’è successo? Cosa non ha funzionato? Sì, esatto, la simpatia era reciproca, quindi mi sarei aspettata un’esterna conoscitiva per capire se ‘sto corteggiamento “s’aveva da fare”. Invece ho visto portare fuori tipologie di ragazze opposte a quella che son io. Vedendo anche le sue prime esterne mi sono resa conto di non essere poi così tanto il suo tipo e ho realizzato anche che lui non fosse il mio, quindi ho deciso di eliminarmi. Era inutile andar li per una persona per la quale mi sono accorta di non nutrire interesse!

Mariano è senza dubbio un tronista atipico, molto diverso rispetto ai suoi colleghi… questa cosa ti ha frenato in qualche modo? Tanti lo criticano, sostenendo che sia più interessato a spettacolarizzare la sua presenza in studio piuttosto che conoscere nuove ragazze. Tu che pensi a tal proposito? Lui è uno showman di natura ed è anche una cosa bella, perché comunque ti strappa sempre una risata, però l’ho visto molto poco interessato alle corteggiatrici. Ti faccio un esempio: quando si parlava degli altri tronisti, lui invece di guardare noi e vedere chi erano ‘ste ‘pazze’ che stavano là per lui, seguiva interessato lo svolgimento degli altri troni, filandoci poco e niente. Poi, quando ci parlava, non guardava quasi mai negli occhi e questa è una cosa che non mi è mai piaciuta in una persona.

E delle corteggiatrici che si sono prestate ai suoi ‘giochetti’ che idea ti sei fatta? Sono onesta: mi aspettavo da lui qualcosa di atipico per rompere il ghiaccio, altrimenti non sarebbe stato Mariano… però mi ha dato l’idea di voler standardizzare un po’ la figura della donna a mera carne: lo stacco de coscia, il bacio, la prova sensuale… “Uagliò, siamo donne non bambole!”. Non vedevo l’ora di fare il giochetto con la fragola e il cioccolato per spalmarglielo in faccia (ride, ndr)… Delle ragazze che si sono prestate ai suoi giochetti, ho pensato semplicemente quello che è evidente a tutti, ossia che anche a loro piacesse di più la lucina rossa che altro.

Hai avuto modo di seguire gli altri attuali troni? Su chi pensi che ricadranno le rispettive scelte? Nilufar Addati e Sara Affi Fella sono due gnocche, però secondo me si comportano come trentenni invece di godersi i loro vent’anni. Lorenzo Riccardi (che tra l’altro è simpaticissimo) sicuramente sarà una scelta, anche se non so dirti di chi delle due (ride, ndr) si è giocato alla grande le sue carte! Anzi, oserei dire che praticamente il suo è un trono!

Tornando a te: quanto è cambiata Alessandra di ora rispetto a quella che abbiamo conosciuto durante il trono di Amedeo?  Cosa fai adesso nella vita e quali sono i tuoi sogni per il futuro? Beh, sono cresciuta, maturata e ho migliorato sicuramente degli aspetti del mio carattere, non perdendo mai quel pizzico di sana follia però. Adesso faccio l’influencer (anche se mi piace di più definirmi una virtual friend) e la social media manager. Per il mio futuro sogno di fare esattamente ciò che faccio adesso, magari meglio e più in grande, e chissà, magari prima o poi avrò accanto una persona che amerò e che mi farà sentire amata! Questo è quello che auguro a me stessa!

Un abbraccio a Franci, a Isa e a Chia e un saluto a tutti i lettori del blog! Ale