‘Uomini e Donne’, Nicolò Fabbri a ruota libera: “Di Sabrina Ghio mi sentivo il nipote, di Sara Affi Fella il nonno. Lorenzo Riccardi? Un cazzone! Mentre Nicolò Raniolo…”

Di Stefania - 21 marzo 2018 09:03:44

Trono classico - Nicolò Fabbri

Abbiamo conosciuto Nicolò Fabbri la scorsa estate come tentatore nell’ultima edizione di Temptation Island, ma se in quell’occasione non ha avuto molto modo di mettersi in luce, è come corteggiatore di Uomini e Donne che lo ha fatto.

Nicolò a settembre si è presentato nel noto programma di Maria De Filippi per un appuntamento al buio ed è rimasto subito rapito dall’esuberante Sabrina Ghio.

Fin dalla prima puntata la tronista romana lo ha notato tra le fila dei suoi pretendenti e da quel momento lo ha sempre portato in esterna. Quello di Sabrina e del romano è stato un percorso fatto di alti e bassi, alla fine del quale la Ghio gli ha preferito l’altro corteggiatore, Nicolò Raniolo, ricevendo da lui un ‘no’.

Ritornato alla sua quotidianità, Fabbri si è preso del tempo per riprendersi dalla delusione della mancata scelta, non preventivando certo di tornare tanto presto nel dating show di Canale 5. Ma non aveva fatto i conti col destino: sul trono, infatti, è arrivata Sara Affi Fella, reduce dalla partecipazione a Temptation Island 4 insieme al suo ormai ex fidanzato Nicola Panico. Proprio nel villaggio aveva conosciuto Nicolò, e tra i due già in quell’occasione era scattato un certo feeling, che avevano deciso di non approfondire visto che lei era impegnata.

Quando entrambi si sono ritrovati single non c’era più nulla che gli impedisse di darsi un’opportunità. Sara ha quindi chiesto alla redazione di Uomini e Donne di invitare il 24enne romano ad andare in trasmissione per conoscerla, e se inizialmente la scintilla tra i due sembrava essere scattata, nella puntata mandata in onda lunedì è stato Fabbri a fare un passo indietro e ad eliminarsi, dichiarando di non aver ritrovato sul trono la stessa persona conosciuta mesi prima sull’isola delle tentazioni.

Inutile dire che la reazione della tronista di Venafro non si è fatta attendere e con estrema veemenza lo ha accusato di essere una persona falsa. Ma non è stato solo un suo pensiero: anche il popolo del web è insorto contro di lui, accusandolo di essere solo in cerca di popolarità e di non aver mai avuto alcun interesse a cominciare una storia d’amore.

Insofferente a questi attacchi, l’ex corteggiatore ha colto l’occasione di un’intervista a Comingsoon.it per spiegarsi meglio, dato che in puntata non era riuscito ad esprimersi:

Io vorrei semplicemente dire, ragionando un minimo, là dentro viene tanto criticato chi è falso, chi è incoerente, ecc… E sono stato criticato io perché me ne sono andato dal programma. Se uno volesse stare là per apparire certo non se ne andrebbe!

“Là è stata tutta un’altra storia” è la risposta che ha dato quando gli è stato chiesto se ha preferito l’esperienza a Uomini e Donne legata a Sabrina Ghio a quella più recente. Conserva infatti ancora un bellissimo ricordo della bionda, che gli è entrata nel cuore:

Non so se ero innamorato di lei, perché per capirlo avrei dovuto viverla, però mi piaceva parecchio. Sabrina è proprio il mio prototipo di ragazza: a me piacciono più grandi, bionde, un po’ appariscenti, però a contrasto con l’estetica dentro era una cucciolotta. Questo contrasto tra fuori donnone appariscente e dentro carina e coccolosa, a me colpisce. Con lei ci siamo sentiti una volta sola, mi ha chiamato dopo qualche settimana che è finito il trono, poi non ci siamo più sentiti. Con Sara ero sicuramente meno coinvolto perché l’esperienza con Sabrina mi ha freddato. Questa volta prima di scendere ci ho pensato parecchio, però sono sceso perché a Temptation Island si era instaurato un altro tipo di rapporto, che non aveva avuto modo di crescere. Lei era fidanzata, io me ne sarei fregato altamente che era fidanzata, però non è stato possibile. Sono sceso sulla base di quel ricordo là, sennò mi poteva chiamare pure Belen (Rodriguez, ndr) e non sarei sceso. Riscendendo però non è ripartita quella cosa lì, ho fatto di tutto perché accadesse ma non è successo e ho detto basta, non era il caso. Soprattutto perché non era una situazione piacevole, non era come l’altro trono, dove là mi sembrava di essere il nipote, qua sembravo il nonno. Quindi non mi sembrava il caso di restare lì a perdere tempo!

Anche sui suoi rivali in amore ha avuto da ridire. Se ha speso parole positive per Luigi Mastroianni, non è stato dello stesso avviso su Lorenzo Riccardi, il corteggiatore pugliese a lungo conteso dalla Affi Fella e la sua compagna di trono, Nilufar Addati

Viene elogiato un Lorenzo che più che dirlo che vuole stare sul trono non so che deve fare, e poi viene criticato uno come me perché se ne va perché non è interessato alla tronista. Lorenzo è un cazzone, se la vive proprio… Se ne frega, io lo stimo, se ne frega altamente, fa quello che gli viene per la testa, lo dice e fa bene. Luigi invece o è un grandissimo attore o gli piace veramente Sara.

Le parole di Fabbri che però nessuno si immaginava di ascoltare sono state quelle indirizzate alla scelta della Ghio, il suo rivale Nicolò Raniolo:

E’ stata la persona più sincera che sia esistita nella partecipazione di ‘Uomini e Donne’. Lui è così, lui se ne fregava completamente, era proprio matto, l’ho sempre detto e ne sono più che convinto avendolo conosciuto meglio. Avendo qualche conoscenza in comune ho chiesto ‘ma è veramente così quando esce in giro?’ e allora vabbè, è una persona un po’ particolare.

Nonostante in amore non abbia avuto fortuna, Fabbri si è gettato anima e corpo nel lavoro e sta per realizzare il suo più grande sogno, quello di diventare imprenditore. Insieme al suo migliore amico, l’ex corteggiatore di Nilufar Francesco Isidori Pacelli, tra un mese inaugurerà il suo primo locale, un fast food nel centro di Roma.

Sono assolutamente felice. Da quando sono piccolino ho questo sogno, avrò provato a farlo altre 7-8 volte e non ci sono riuscito, stavolta sono riuscito ad arrivare al dunque, entro un mesetto riusciremo ad aprire questa benedetta attività. Si tratta di un nuovo contest, che ci siamo inventati io e il mio amico: di base è un fast food, però è messo in un modo particolare, è un modo nuovo di visionare un fast food. Si chiamerà ‘Instafood’: prende il nome da istantaneo e Instagram, perché comunque vorremmo improntarlo molto sul social e food lo dice la parola stessa. Questo fast food che andiamo ad accompagnare ad un’atmosfera più selvaggia, abbiamo messo anche una sorta di cascata enorme e tutto è ricoperto di piante, come se mangiassi nella giungla.

Nicolò Fabbri
(Per vedere l’intervista di Nicolò Fabbri clicca sull’immagine)

Che ne pensate delle sue parole?