‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sulla puntata del Trono classico del 5/04/18

Di Isa - 5 aprile 2018 19:04:48

Trono classico

E come ci dobbiamo arrivare qua a maggio. Ditemelo voi come dobbiamo fare perché io il mio interesse per questi troni l’ho esaurito circa un mese fa, le parole per commentarli circa due settimane fa e se penso che ancora davanti a noi ci sono due mesi pieni in cui dovremo sciropparci questa stessa IDENTICA mappazza io credo davvero di non farcela.

Cercherò di essere breve e concisa e sappiate che quello che sto dicendo ora probabilmente lo avete già letto nelle mie passate opinioni e lo rileggerete nelle prossime perché, da daaaan, non è successo un cazzo di niente di nuovo.

Trono di Sara Affi Fella: inutile arrovellarsi più di tanto su chi sia più vero o più falso tra Lorenzo Riccardi e Luigi Mastroianni, il vero dato interessante è che a lei fottesega di entrambi e probabilmente ancora oggi tra tutti e due sceglierebbe quello scostumato del suo ex Nicò.

Trono di Nilufar Addati: sarebbe dovuto terminare settimane fa quando Lorenzo, l’unico che le piace, si è dichiarato per Sara, ma la Addati vuole i petali costi quel che costi quindi andiamo avanti con queste esterne live from Polo Nord e questa passione live from studio del mio commercialista. Giordano Mazzocchi e Nicolò Ferrari le fanno moderatamente schifino, Giordano le fa più schifino di Nicolò ma, da fan fanatica uominiedonniana quale Nilufar non ha mai nascosto di essere, si sta applicando in tutti i modi possibili e immaginabili per farsi garbare il Mazzocchi almeno un quarto di quanto lui garbi al pubblico. Fino ad ora, considerati i bacetti a stampo livello freddezza iceberg in mezzo all’Oceano Atlantico, direi che la missione sta miseramente fallendo.

Trono di Nicolò Brigante. Ormai il buon Brigante si è completamente PaoloCrivellizzato quindi anche il suo trono si sta protraendo all’infinito passando dall’essere il più sensato di questa stagione a diventare una lenta agonia che non vediamo l’ora possa terminare in una villa, in un parco, in uno scantinato, ovunque purché si ponga fine allo strazio. Almeno il buon Paolo a un certo punto ebbero la decenza di bandirlo dagli studi e rinchiuderlo nel villozzo risparmiandoci almeno quelle altre 3/4 puntate fotocopia, spero vivamente che le porte della villa si aprano anche per Nico&Co e arrivederci e baci, anche perché qui di puntata in puntata il livello inizia a diventare sempre più clamorosamente allarmante. Non so se sono strana io, sto invecchiando, ho perso il ZenZo del romanDicismo o cosa, ma le esterne di oggi, tanto quella con Marta Pasqualato quanto quella con Virginia Stablum, mi hanno fatta scompisciare dalle risate tanto mi sembravano estrapolate da un film a caso di Moccia. Nicolò e Marta spiaccicati sullo scoglio a mò della sirenetta e tritone con attorno quello che sembrava il set della pubblicità della torta Pan di Stelle, Nicolò e Virginia che correvano per i prati ridendo inebetiti tipo Heidi e Peter con le facce a cui mancavano soltanto le vignette sopra con scritto TVTTTTTB, TVUCDB proprio live from Amore 14.

No, amisci, io sto davvero diventando troppo vecchia per Uomini e Donne. O forse quando si arriva a romanzare così tanto le esterne è perché forse la vera sostanza manca… insomma ricordo esterne nei camerini, o su un divano o al tavolo di un bar in cui senza bisogno di tanti orpelli si vedeva taaaaanta, tanta roba in più.

Unico momento degno di nota: Marta in preda all’isteria che piglia a pizze le macchine parcheggiate fuori dagli studi Elios. Mi ha fatto ridere e mi ha ricordato tanto me al primo giorno di dieta quando mio marito mi propone il giro pasta con i miei amici.

Per il resto rimandate sia lei che Virginia. Virginia perché poi mi spiegherà in senso di fare la figa oh yeah che non si presenta in esterna quando poi, appena lui suona al campanello, tempo un secondo ed è pronta a infilargli in bocca un chilo di cotoletta e a fare le fusa come se nulla fosse mai accaduto.

E Marta perché l’isteria, il ‘tu mi hai peeeeeerZa’ e compagnia bella, risulta un attimo fuori luogo se consideriamo che tra lei e lui quello che, al netto di tutto, avrebbe avuto 100 e uno motivi per sfancularla al grido di ‘E mò tieniti Beppe‘, sarebbe proprio stato lui.

Trono di Mariano Catanzaro. Il trono di Mariano non posso commentarlo, mi spiace. Il trono di Mariano ha lo stesso valore del trono di Tina o dei video di Domenico dell’Over che balla la salsa con la Titova. La cosa esilarante, per me, è guardare le sue corteggiatrici che si affannano e ci credono. Farei quasi degli studi su di loro, credo ne verrebbe fuori una valutazione sociologica interessante. Loro parlano, parlano, parlano e le mie orecchi percepiscono solo

… però ne sono affascinata. Le guardo con lo stupore di un bimbo. Vorrei davvero aver modo di conoscerle per capire se ci fanno (e in quel caso, vabbè…) o se ci sono. E se ci sono io voglio studiarle, analizzarle, come delle strane creature extraterrestri.

Video della puntata: Puntata interaEsterna di Nilufar e NicolòL’amica “tentatrice” Esterna di Nicolò e VirginiaEsterna di Nicolò e Marta – Esterna di Nicolò e Virginia IIUn bacio di troppo Esterna di Mariano ed EleonoraIl Mariano-pensieroEsterna di Mariano e Roberta Nel regno di Tina