‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sulla puntata del Trono over del 10/10/18

Di Isa - 10 ottobre 2018 19:10:41

Trono over - Valentina Autiero

No, ragazzi, ma vi giro, ma io sconvolta. Ma Valentina Autiero perché fa così? Ma, soprattutto, come caspita è possibile ridursi così per un tizio che effettivamente si frequenta da così poco tempo? Cioè, ora, va bene che è trash e che a guardarla da casa mi fa pure sghignazzare però rendiamoci conto del fatto che tutto questo non è normale, non è sano, non è comprensibile.

Ora, per carità, Pino è stato un gran cafonazzo (cosa che, a giudicare anche dalle frasi rivolte ad altre dame del parterre, gli viene particolarmente naturale) ma quella reazione da pazza furiosa cosa mi rappresenta? Ma v-i p-r-e-g-o.  Pino è stato cafone ma la reazione spropositata di Valentina è dovuta solo e unicamente al fatto che la critica che lui le ha volgarmente rivolto era comunque molto più che fondata e lei dentro di sé, in quei frammenti di razionalità che le sono rimasti, lo sa benissimo.

Da ormai diverse settimane la Autiero sta letteralmente elemosinando un po’ di interesse da parte di David Scarantino, si sta tappetizzando, non sta riuscendo ad accettare il rifiuto da parte del cavaliere, sta piangendo, si sta disperando. Una cosa che volendo potrei anche capire se si parlasse di una relazione un po’ più approfondita per la cui fine è lecito rimanerci male e avere difficoltà a rassegnarsi, ma che mi risulta davvero fuori da ogni logica se parliamo di una relazione fondata su qualche telefonata e una manciata di incontri.

Riprenditi, Valentì, te lo dico veramente col cuore, perché non ci si può ridurre con i nervi a fior di pelle e con le lacrime sempre sul punto di schizzare fuori, per una storia che non è nemmeno stata una storia. La cotta, ok, posso capirla, ma queste reazioni e questa incapacità di gestire le emozioni sono insane anche a 15 anni, figuriamoci a quaranta suonati. Lui non ti vuole. Non ti vuole. Non ha importanza che ti risponda al telefono, non ha importanza che sia carino con te, non ha importanza che secondo te sareste una bella coppia. Non lo sarete perché lui non ti vuole. Fattene una ragione e passa avanti, percaritàdiddio, perché vederti ridotta così è veramente deprimente. Torna il bulldog incazzoso che sei sempre stata, azzannati con la De Santi per le sfilate ma, ti prego, recupera il tuo amor proprio perché così non riesco proprio a vederti.

Psyco Vale a parte, l’unico altro argomento degno di nota è sempre lei, la signora Angela. In questa puntata la sessantanovenne alla ricerca del mantenimento è stata meno indisponente rispetto alla puntata precedente, ciò non toglie che i suoi modi ai miei occhi continuino a risultare urticanti. Sia chiaro, io non trovo nulla di male nel ricercare in una persona ANCHE la stabilità economica, specie quando si è anziani, si è lavorato una vita e si vuole vivere una vecchiaia serena potendosi, perché no, concedere anche qualche sfizio, ma tra questo e l’andare unicamente alla ricerca di un buon reddito, un buon appartamento e una buona auto, ce ne passa. Insomma per come parla Angela sembra che l’identità della persona che si trova davanti sia totalmente indifferente, può essere alto, basso, magro, panzone, allegro, serioso…la discriminante è unicamente la casa, l’auto e l’ammontare della pensione.

Che poi non è manco ben chiaro a cosa ambisca di preciso la dama perché la richiesta a quanto pare non è semplicemente quella di una casa di proprietà, la casa deve essere ben posizionata, lei deve vederla e valutare che le vada bene, allo stesso modo non è sufficiente che il suo futuro compagno abbia una pensione e sia indipendente ma, a quanto pare, questa pensione deve anche essere particolarmente cospicua altrimenti “dove vuoi andare?” (cit). Insomma, la settimana scorsa ha trattato Antonio come un morto di fame perché aveva “solo 700 euro di pensione“… ma ora, io dico, ma con una casa di proprietà che il cavaliere possiede al centro di Napoli e una pensione di 700 euro (da unire anche ai risparmi di Angela che, a suo dire, ha tutto e non le manca niente) si potrà vivere dignitosamente in due e passarsi anche qualche sfizio, no? E invece no, per Angela Antonio è praticamente un pezzente.

A quel punto il dubbio che alla dama non interessi solo avere accanto una persona stabile economicamente ma che voglia proprio un riccone che spenda 100 euro solo per portarla in taxi a mangiare la pizza, è più che lecito. Allora, ecco, non stesse a minimizzare e a dirci che vorrebbe solo concedersi qualche sfizietto ogni tanto, ci dicesse direttamente che vuole puntare ai big money e amen, sarebbe quantomeno più onesto.

Che poi, Angelì, te l’ho già detto: i vecchietti bavosi con i big money puntano a quelle vent’anni più giovani, di te e delle tue ginocchia dolenti non ne vogliono sapere. Accontentati di una casa di proprietà in centro e di una pensione dignitosa, che alla fine chi troppo vuole si attacca al tram.

Video della puntata: Puntata intera“Difficile ma…” “Galantuomini…” A muso duroDue veritàUna nuova corteggiatriceUna brutta cottaGli “scivoloni” di EliseoTra aperitivi e cene – “A 69 anni perché mi devo accontentare?”