‘Uomini e Donne’: l’opinione di Chia sulla puntata del Trono over del 20/03/19

Di Chia - 20 marzo 2019 19:03:46

Trono over

Io per Barbara De Santi ho un debole, da sempre. Una delle dame con più potenziale trash della storia del Trono over di Uomini e Donne, roba che non so come Maria De Filippi possa aver fatto a meno di lei per così lungo tempo, onestamente.

Una fuoriclasse vera, di quelle che non ne fanno più. Barbara ha sempre un’opinione ben precisa su tutto e su tutti, dalle frequentazioni altrui (specie quelle di Gemma Galgani, sua storica bff) agli outfit delle sfilate… e guai a non fargliela esprimere, eh!

Probabilmente negli ultimi mesi l’avevano sedata, visto che – a parte qualche schermaglia iniziale con Gemmona – non aveva ancora risfoderato il meglio di sé. Ma noi, che il suo best lo conosciamo bene, sapevamo che prima o poi sarebbe tornato prepotentemente a galla e, complici il ritorno delle sue amate sfilate e la frequentazione con RobertoPsycho Barby is back!

Rendetevi conto che sta frequentando forse uno dei pochi uomini mentalmente sani del parterre, e riesce a fargli comunque i cazziatoni a nastro su TUTTO. Io ADORO FOLLEMENTE.

In uno studio dove ci sono delle poracce che devono avere a che fare con dei quaquaraquà clamorosi come Rocco Fredella, Riccardo Guarnieri o David Scarantino, lei riesce a lamentarsi di uno come Roberto. Roberto, regà. Un po’ come trovarsi circondati da creme alla nocciola del discount e trovare difetti alla Nutella.

A farla sbroccare, oggi, non solo il 9 dato a Claudia Montichiara nella sfilata (perché a Belen Rodriguez – che piace anche a lei – gli sarebbe concesso fare degli apprezzamenti, ma guai a esprimere dei pareri positivi su qualcosa che lei non approva, è la fine!) e non solo la mancata tirata di orecchie immediata ad Armando Incarnato per l’infelice uscita su Luisa Monti (a cui aveva dato un 10+ nella sfilata perché Luisona – indossando una maschera – aveva “centrato al meglio qual è la cinquantasfumaturaditea“, e la poteva tenere addosso perché tanto “sei brutta“… un vero gentleman, questo Armando… premiamolo ancora tenendolo lì in prima fila, mi raccomando Queen Mary!).

Se la De Santi nella puntata odierna ha dato di matto è soprattutto perché – dopo avergli fatto alcuni apprezzamenti sull’eloquio del nuovo arrivato Edo, che riteneva “affascinante” – Roberto avrebbe mostrato un po’ di gelosia nei suoi confronti.

Cioè, le sue colleghe frequentano uomini che il numero alle altre lo lasciano DAVVERO, senza manco avvisarle pure (e parlo di numero quando va bene, che quando va male partono direttamente i week end a Taranto), lei sbarella se lui lo minaccia soltanto, e solo perché infastidito da dei suoi complimenti fatti ad un altro uomo. Roba che teoricamente dovrebbe pure farle piacere, specie lì dentro dove non ti si filano manco quando gliela smolli a ripetizione, figuriamoci essere gelosi. VOLO.

Ps. Quanto ho amato che Cristina Incorvaia abbia reso pan per focaccia allo Scarantino iniziando a frequentare quel Daniele (che mi sembra pure un tocco più interessante e piacente, vi dirò), quanto?

David, che – come gran parte dei maschi alpha di quello studio – puccia il biscotto in più tazze possibili e si rigira le frittate a suo piacere, ma guai se chi ha di fronte osa agire nello stesso modo, pretendeva che lei stesse lì buona ad aspettare i suoi comodi mentre lui distribuiva il proprio numero a destra e manca. Ma Cristina – nonostante fosse evidentemente presa da lui – non s’è fatta fregare da un uomo a cui di lei non importava palesemente una mazza, visto che ha subito preso la palla al balzo per chiudere definitivamente la loro conoscenza, e ha girato pagina prima che glielo facesse far fare lui. Di Padua, prendi esempio gioia!

Ora spero solo che riesca a mantenere il punto, che lì dentro è un attimo a ricascarci nel giro di una registrazione, ecco…

Video dalla puntata: Puntata interaParole di fuoco“Se venisse Belén Rodríguez…”Schermaglie tra dame50 sfumature di me, Luisa50 sfumature di me, Roberta50 sfumature di me, Cristina50 sfumature di me, Claudia50 sfumature di me, Maria Antonietta