‘Temptation Island 6’, Alessandro Zarino racconta cosa ha provato per Jessica Battistello dentro il villaggio e svela cosa lo ha spinto a conoscerla fuori dal programma!

Di Titta - 18 luglio 2019 11:07:30

Andrea Filomena, Jessica Battistello e Alessandro Zarino

Alessandro Zarino è stato sicuramente uno dei tentatori più in vista di quest’edizione di Temptation Island: il giovane partenopeo ha fatto molto discutere per la sua vicinanza a Jessica Battistello, arrivata nel programma per mettere alla prova il suo amore per Andrea Filomena, dopo la decisione di annullare le nozze già decise con il fidanzato.

Sin dalla prima sera l’attrazione di Jessica per Alessandro è stata evidente e ha portato i duea stare spesso pericolosamente vicini, tra coccole, carezze e abbracci, suscitando la delusione di Andrea e creando una grande confusione nella giovane. Nel falò di confronto finale, infatti, abbiamo visto la coppia decidere di mettere fine alla loro storia e abbandonare il programma prendendo due strade diverse; quella di Jessica ha portato ad Alessandro che, una volta raggiunta la giovane, si è detto pronto a intraprendere una conoscenza con lei fuori dal contesto televisivo.

Oggi a parlare a Uomini e Donne Magazine è proprio il tentatore che ha innanzitutto raccontato com’è arrivato a far parte del parterre dei single di TI:

“Pur avendo lavorato nel campo della moda per più di otto anni, non mi era mai capitato di fare qualcosa per la tv e l’idea di confrontarmi e mettermi alla prova sotto gli occhi di tante persone mi incuriosiva. Ero consapevole che intraprendere un’esperienza simile avrebbe voluto dire fare un percorso significativo, difficile da dimenticare. Devo ringraziare soprattutto la mia famiglia per questa opportunità, perché sono loro ad avermi consigliato di partecipare nel periodo in cui sarei tornato in Italia in vacanza, prima di ripartire dopo un mese per la mia amata Sydney. A oggi, a programma terminato, posso dire che questa è stata una delle più belle esperienze che ho mai fatto e sono felice di avervi potuto prendere parte”.

E cosa gli ha regalato quest’esperienza:

“Mi ha regalato sicuramente tante emozioni ma, oltre a questo, mi ha dato modo di guardarmi dentro più di quando non avessi fatto in precedenza. Non posso dire di aver avuto una vita semplice e agiata: di situazioni difficili ne ho affrontate tante e grazie a queste ho imparato a conoscermi e capire quali sono i miei limiti. Però in questo percorso ha fatto la differenza il tempo a mia disposizione. È stata la prima volta che ne ho avuto così tanto da poter dedicare a me stesso e alle persone che condividevano con me tutte questo”.

Alessandro ha raccontato che la sua attrazione nei confronti della Battistello è stata immediata:

“Dal primo momento i miei occhi sono caduti su di lei. Abbiamo iniziato a raccontarci ed è nato da subito un feeling. Col tempo ho avvertito una grande fragilità, un grande bisogno di sentirsi accolta, considerata e protetta: ecco perché fin dal primo momento non ho fatto altro che abbracciarla”.

E ha spiegato cosa, secondo lui, ha portato al loro legame:

“Credo che Jessica abbia trovato in me quel calore, quella comprensione e quella volontà di ascoltarla che probabilmente le erano venuti a mancare. L’impressione è che tra lei e Andrea non ci fosse più dialogo e questo penso sia il motivo del suo avvicinamento. Da subito ho capito che si trattava di una coppia profondamente in crisi, con mancanza di equilibrio e di prospettive future, in cerca di risposte”.

Il giovane ha poi ipotizzato come si sarebbe comportato lui al posto del Filomena durante la crisi che l’ha colpito con la sua ormai ex compagna:

“Avrei cercato di comprendere insieme a lei le cause che hanno generato dubbi e nel breve tempo trovare una stabilità, cercando di fare qualcosa di speciale insieme. Andrea è sicuramente un bravo ragazzo, innamorato della sua fidanzata. Tuttavia non si è ancora reso conto che in Jessica qualcosa è cambiato. Forse la paura di perderla l’ha spinto ad assecondarla, ma non credo sia stata la scelta giusta per una rinascita sentimentale”.

Zarino ha spiegato di essere molto coinvolto dalla giovane friuliana, anche se è presto per parlare di amore:

“Durante quelle settimane ho subito provato una grande attrazione fisica nei suoi confronti, ma soprattutto ho avvertito una grande sintonia e complicità. Parlare di sentimenti in questa esperienza sarebbe prematuro, perché credo che due persone per alimentare un interesse iniziale si debbano vivere nella quotisitanità e questo non è ancora successo. Non nego che Jessica in questa avventura sia stata fondamentale per me, come credo e spero di esserlo stato io per lei. In questo momento di una sola cosa sono certo, ed è che a prescindere dal nostro rapporto, in futuro sarò sempre presente qualora lei avesse bisogno di me”.

Sicuramente, però, c’è la voglia di conoscerla fuori:

“Ciò che mi ha spinto a conoscerla anche fuori è stato il suo non porsi limiti, il vederla aperta a diverse opinioni e punti di vista. È una persona che non si spaventa di fronte alla possibilità di un cambiamento”.

Il tentatore ha specificato, inoltre, di non sentirsi in colpa per la fine della storia tra Jessica e Andrea:

“Assolutamente no, sarebbe accaduto comunque prima o poi. Probabilmente il dialogo che c’è stato tra di noi l’ha aiutata a maturare una decisione che aveva già preso forma dentro di lei”.

E ha raccontato quali sono stati i momenti più belli vissuti nel villaggio:

“Ne ho vissuti molti che porterò per sempre nel mio bagaglio dei ricordi felici: le cene condivise con tutti i ragazzi, come una grande famiglia; le risate fatte con tanta semplicità, gli scherzi tra di noi, le nostre infinite chiacchierate nelle camere durante la notte, la disponibilità all’occorrenza. Tutti mi hanno lasciato un qualcosa e spero di averlo fatto anche io con loro”.

Soffermandosi in particolare su quelli con la 24enne:

“Riguardo Jessica, che dire… Ho dei ricordi che custodirò nel tempo. Le nostre chiacchierate nel posto che più ci metteva a nostro agio, il nostro angolo di paradiso, ovvero una poltrona bianca posizionata su un prato verde a picco sul mare, tra tramonti spettacolari e notti stellate. Lì abbiamo intrapreso i discorsi più strani, divertenti e soprattutto abbiamo affrontato argomenti che avevano un importante valore nella vita di entrambi. E come ultimo, per me il più importante, il momento della buonanotte che ero solito darle sempre all’ingresso sotto il porticato della loro villetta, con un lungo abbraccio”.

E voi cosa pensate di queste dichiarazioni di Alessandro Zarino?