Alessia Marcuzzi spiega perché ha difeso Serena Enardu durante il falò con Pago e rivela qual è il ricordo più bello della sua esperienza a ‘Temptation Island Vip 2’!

Di Ludovica - 24 ottobre 2019 13:10:09

Alessia Marcuzzi - Pago e Serena Enardu

Alessia Marcuzzi è stata al timone della seconda edizione di Temptation Island Vip, il celebre reality delle tentationi di Canale 5 che mette alla prova alcune coppie più o meno famose. La Marcuzzi ha seguito passo dopo passo i concorrenti di quest’anno, ed ora che il programma è finito ha potuto fare un resoconto generale della sua esperienza con questo genere di format. La romana ha infatti rilasciato un’intervista a Uomini e Donne magazine e ha raccontato del suo stato d’animo durante e dopo il soggiorno in Sardegna:

Questo programma mi ha aiutata a fare un lavoro psicologico che sognavo da sempre, esattamente da quando ho iniziato a fare questo mestiere. Mi piace guardare le persone negli occhi, poter ascoltare i loro problemi e le loro situazioni di vita: non solo condurre ma anche saper ascoltare. Temptation Island Vip mi ha permesso di trovare ed esplorare alcune sfumature del mio carattere che forse finora erano sconosciute.

Per Alessia, Temptation Island può essere definito un programma che prevede un tipo di conduzione per sottrazione. Lei, infatti, ha avuto il compito di rimanere neutrale nel corso delle puntate:

I silenzi in queste situazioni sono fondamentali: le persone si confidano, parlano della loro vita privata. E’ vero che si tratta di un programma televisivo, ma il viaggio nei sentimenti resta comunque sempre intimo e introspettivo. Lavorare per sottrazione permette a chi abbiamo di fronte di sentirsi libero di sfogarsi. Avvicinarmi a questo tipo di conduzione è stato fondamentale, perché credo rientri abbastanza nelle mie corde, ma probabilmente in altre situazioni non ho potuto mostrarlo perché c’era bisogno di una conduzione con più ritmo.

La Marcuzzi ha inoltre ammesso:

Mi sono messa anch’io in discussione, perché ritengo che ognuno di noi possa ritrovare un po’ di se stesso nelle altre storie d’amore. Per me è stato proprio così e questo mi ha aiutata anche a limare degli aspetti del mio carattere. A volte ti rendi conto di avere davanti delle persone che insieme potrebbero essere fantastiche ma che non si capiscono a cuasa di un cavillo. Così ti fermi a riflettere e pensi che quel rapporto si potrebbe salvare se solo si riuscisse a trovare una mediazione su quell’aspetto che impedisce di farli incontrare. Eppure la vita è semplicemente così: a volte si risolvono i problemi, mentre altre volte non si vuol trovare la mediazione.

Durante l’ultimo falò di confronto tra Serena Enardu e Pago, Alessia si è mostrata molto coinvolta ed è stata da alcuni criticata per aver difeso, o almeno cercato di comprendere, l’ex tronista di Uomini e Donne:

Serena è una mamma e una donna forte e indipendente. L’hanno attaccata per non aver detto subito la verità riguardo ai suoi sentimenti, ma chi di noi riesce a essere sempre sincero nella vita? Quanti di noi riescono a confessare la verità in momenti simili? Penso che a volte sia difficile guardarsi negli occhi e dire “non ti amo più” a qualcuno a cui sei legata, perché vuoi così bene all’altra persona da non volerla far star male. Mi è dispiaciuto guardare Pago soffrire, ma anche vedere Serena non riuscire a trovare la chiave di svolta per il loro rapporto. Avrei voluto fare qualcosa per loro, ma non c’era modo di aggiustare le cose e ricomporre i cocci della loro storia. Anche il percorso tra Anna Pettinelli e Stefano Macchi non è stato semplice da gestire. Lei è una donna forte e saggia, e in qualche modo forse mi ha spiazzato vederla così.

Alessia non ha nascosto di avere il desiderio di condurre il programma nuovamente:

Assolutamente sì, è un lavoro introspettivo molto forte, sia per chi conduce sia pr chi si trova lì. E’ qualcosa di positivo per chi fa il mio lavoro.

Il ricordo più bello risale all’arrivo delle coppie sull’isola:

Quando le coppie sono arrivate con la barca ero emozionatissima. Sono sempre stata abituata a non vedere i concorrenti e a parlare con loro a distanza, senza poterli guardare negli occhi. Vedere le loro lacrime quando si separavano mi faceva venire voglia di abbracciarli tutti. Me la ricorderò sempre l’emozione di dire: “Adesso inizia il vostro viaggio nei sentimenti“.

Per il futuro, la Marcuzzi ha le idee ben chiare:

Il mio sogno, lo dico da sempre, sarebbe quello di fare un programma tipo Harem, dove donne diverse per estrazione e ambiti vengono da me e si confidano, mentre un uomo nascosto in un confessionale tira un bilancio. Sento spesso dire che “favorisco” le donne: gli uomini sono molto importanti nella mia vita, ma devono sapere ascoltare!

Che ne pensate delle parole della conduttrice romana?