‘Trono over’, Barbara De Santi rivela chi, tra i fidanzati conosciuti a ‘Uomini e Donne’, avrebbe potuto essere quello davvero giusto per lei!

Luana 5 Dicembre, 2019

Trono over - Barbara De Santi

Dopo una pausa di quattro anni è tornata ad essere una delle protagoniste più discusse del parterre del Trono Over di Uomini e Donne; stiamo parlando di Barbara De Santi, la professoressa che dopo aver vissuto un’importante storia d’amore fuori dal programma, è tornata la scorsa stagione negli studi di Canale 5. La dama ha iniziato questo nuovo percorso con tanti buoni propositi e nelle ultime puntate abbiamo assistito anche a un cambio di look che lei stessa ha definito come la “voglia di un nuovo aspetto più giovanile, più sbarazzino..”.

La De Santi si è raccontata alle pagine del settimanale Uomini e Donne Magazine, e ha rivelato come la sua ricerca dell’amore non stia andando come lei sperava:

Io credo di essere passata di moda (ride, ndr), perché lascio i numeri e i cavalieri non li prendono, per ora, quindi, tutto tace e non so quale ne sia il motivo, forse faccio paura ma magari con questo nuovo taglio di capelli qualcosa si smuove (ride, ndr). Devo dire che nel parterre femminile quest’anno c’è davvero tanta concorrenza: ci sono donne bellissime!

La dama non ha mai nascosto di aver avuto un rapporto molto burrascoso con il padre, anche se – a detta sua – non è stato questo a influire nel suo rapporto con gli uomini, quanto più che altro alcuni aspetti caratteriali che l’hanno sempre contraddistinta:

Mi farebbe comodo attribuire tutte le colpe a mio padre, ma non è cosi. Vero è, però, che io tendo a partire sempre in difesa (anche fisica), perché sono stata abituata a fare cosi fin da piccola. Credo che sia anche una questione di carattere, ma non solo, pensi che, ancora oggi, se ho un appuntamento con un uomo e sono in ritardo, ho paura di essere sgridata, perché se a casa arrivavo dopo il coprifuoco o facevo qualcosa che non andava erano guai! Questa cosa mi è rimasta dentro: ho un forte senso del dovere, sento il bisogna di essere precisa, di non sbagliare. La mia pignoleria probabilmente è dovuta al mio vissuto oltre che a un fattore innato. Probabilmente è un misto di cose questa mia indole cosi rompiscatole.

E non ha alcun dubbio su come dovrebbe essere il suo uomo ideale:

Il mio uomo ideale deve avere soprattutto una mente brillante, deve saper parlare, dialogare ed essere preparato. Mi annoiano le telefonate che si riducono a un “come stai?”, “cosa fai?”, insomma le telefonate vuote. Voglio un uomo che ne sappia più di me, c’è poco da fare. Fisicamente non mi piacciono i fisici scolpiti, gli addominali e i muscoli, ma mi piace anche un po’ di panciotta (sorride, ndr). In ogni caso il punto non è il fisico ma la testa. Cerco anche un uomo ordinato, perché l’ordine è sinonimo di accoglienza.

La De Santi durante il percorso intrapreso negli anni a Uomini e Donne ha conosciuto e frequentato diversi uomini, tra cui Guido Soldati, Franco Garna e Antonio Jorio, con cui però non ha avuto il lieto fine, anche a causa della sua spiccata pignoleria, come lei stessa ha rivelato durante l’intervista:

La mia estrema pignoleria e la mia incapacità a scendere a compromessi. La mia perpetua ricerca dell’uomo perfetto che però non c’è. Un uomo che, rivangando tra le mie frequentazioni di Uomini e Donne, dovrebbe avere l’intelligenza di Franco, la fisicità di Guido, la simpatia di Antonio

E ha inoltre confessato quale fra tutti sarebbe stato quello giusto, nonostante poi non sia andata a finire come sperava:

 Franco, assolutamente. Lui era intelligente, un esteta, ordinato e, appunto, ne sapeva più di me!

La 50enne quindi, è in cerca dell’amore vero e ha spiegato che qualora riuscisse a provare un forte sentimento per qualcuno, starebbe molto attenta alle sue esigenze, certa anche del fatto che non si annoierebbe mai in sua compagnia:

L’uomo che sta vicino a me è il centro delle mie attenzioni, io so essere molto attenta alle esigenze dell’uomo che ho accanto. Non lo farei mai sentire trascurato, perché sarebbe parte integrante della mia vita in tutto e per tutto. Non verrà mai escluso da nessun aspetto. lo adoro le cene romantiche, i pranzi nelle trattorie rustiche, i musei e i cinema. lo sono una persona estremamente propositiva, ordinata. Sono certa che un uomo con me non si annoierebbe. E poi, lo so che sembra che io stia sempre a sbraitare, ma in realtà sono una grande coccolona: amo gli abbracci, i baci, le tenerezze…

La dama – come abbiamo visto nel corso delle varie puntate – ha un carattere molto forte, a volte definito “aggressivo” e a tal proposito ha confidato al settimanale che gli uomini non hanno ben compreso alcuni aspetti del suo carattere:

Che non sono solo una donna che ama la convivialità o la mondanità, anche perché delle serate in cui mi faccio carina per un evento non rimane niente di più che un bel ricordo. Mi vedono solo come una donna intraprendente, troppo indipendente, strafottente, forse addirittura aggressiva. lo sono invece una donna che ama vivere il rapporto con un uomo in maniera intima, che se sta bene con una persona è dolce, pacata. Adoro ridere. lo credo che la maggior parte degli uomini che mi vede pensi di dover lottare con me, di non riuscire a trascorrere una serata tranquilla, ma non è assolutamente così, anzi.

E che in realtà ha anche dei punti deboli:

Come si vede anche in trasmissione, sono molto permalosa, ma al contempo sono una persona che sa perdonare, che non serba rancore e che tende a dimenticare.

Oltre ad avere ovviamente dei punti di forza, come ha rivelato lei stessa durante l’intervista:

La caparbietà, la mia capacità di non mollare mai quando mi prefiggo un obiettivo. Non sono una persona vulnerabile, ma una donna forte che arriva dove deve arrivare.

Si è definita una donna tenera, inoltre, la dama del parterre di Canale 5 che ha spiegato come tenda a commuoversi spesso, sia nella vita di tutti giorni che nel suo lavoro, anche se ha confessato che l’ultimo pianto vero e proprio è avvenuto durante l’ennesima litigata con il padre che l’ha riportata indietro al periodo adolescenziale:

Sono una donna tenera e piango anche al cinema. Qualche tempo fa sono andata a vedere il Re Leone e mi sono commossa dall’inizio alla fine (ride, ndr). Mi commuovono i film, mi commuovono i bambini a scuola. lo, come sa, sono un’insegnante di sostegno e proprio di recente mi ha commossa un mio alunno che ha superato quello che sembrava essere un suo limite. Sono sempre stupita da quanto siano sorprendenti i ragazzi… […] L’ultima volta è stata ad agosto per l’ennesima litigata con mio padre, Uno scontro che mi ha nuovamente fatta tornare indietro a quando ero adolescente. È stato un pianto di rabbia, mi sentivo offesa. Ho pianto come una bambina, a singhiozzi. I pianti più grossi, purtroppo, li faccio a causa della mia famiglia.

Barbara nella vita è una professoressa di sostegno e ha raccontato durante l’intervista come questa non sia stata inizialmente una scelta ma solo una casualità:

All’inizio no, è stata una casualità, e anzi pensavo di non avere la preparazione per farlo, ma poi mi sono messa in gioco, ho iniziato a seguire i ragazzi e intanto mi sono specializzata, ho studiato. Mi sono innamorata di questo mestiere, per cui effettivamente sono portata, strada facendo. Amo moltissimo i miei ragazzi, i miei alunni. A proposito di commozione, a me commuove tantissimo veder crescere i miei alunni, vederli spiccare il volo, diventare indipendenti piano piano. Probabilmente, se fossi mamma, sarei gelosissima all’idea che un giorno i miei figli potrebbero diventare autonomi e non avere più bisogno di me.

Uno dei più grandi sogni della De Santi è quello di trovare una persona che le stia vicino e con cui possa emozionarsi:

Vorrei un compagno vicino, ma, mi creda, io non penso a un matrimonio o a una convivenza. Non nell’immediato almeno: sogno di stare con una persona con cui essere sempre collegata. In ogni caso non escludo in futuro una convivenza, ma ora come ora il mio desiderio è quello di trovare una persona con cui emozionarmi, una persona da abbracciare, che mi apra la porta e mi accolga con un bacio e mi stringa a sé, che mi venga a prendere per andare a cena, con cui vedere un film la sera sul divano.

La dama ha sempre sostenuto di essere una persona molto fisica e che gli abbracci sono più importanti di tante altre cose e lo ha ribadito anche alla fine dell’intervista:

Si, perché nella mia vita non ne ho mai avuti di abbracci, soprattutto da piccola, ma anche adesso latitano. Gli abbracci e i baci sono gesti che mi mancano perché per me sono importantissimi. Per me è importantissima la tenerezza, per questo sogno un uomo “cicciottino”, voglio che mi avvolga con le sue braccia quando mi stringe a sé (sorride, ndr). Lo so che non sembra, ma io sono una persona molto fisica, soprattutto con un uomo mi piace e con il quale sono pronta a lasciarmi andare.

E voi cosa ne pensate delle sue parole?

COMMENTI