‘Trono over’, Riccardo Guarnieri si sfoga e parla del tentativo di ritorno con Ida Platano: le sue parole!

Franci 1 Giugno, 2019

Trono over

E’ andata in onda solo qualche giorno fa la puntata del Trono Over di Uomini e Donne in cui il cavaliere Riccardo Guarnieri ha chiesto il ritorno, alla sua corte, di Ida Platano, la donna con cui aveva intrapreso una storia d’amore ricca di alti e bassi e che poi era andata man mano a naufragare a causa delle eccessive discussioni. Dopo un po’ di titubanze, Ida aveva deciso di concedere una seconda possibilità al bel pugliese, che però ha visto arrivare i titoli di coda fin troppo in fretta. Ed è proprio di questo nuovo inizio mai decollato che il pugliese ha parlato alle pagine di Uomini e Donne Magazine:

Mi aspettavo qualcosa di diverso. Speravo in qualcosa di diverso.

In una passata intervista al magazine, Riccardo aveva descritto come ‘fantastiche’ tutte le donne frequentate nell’ultimo anno in trasmissione, scatenando l’ira funesta della Platano, che si è immediatamente allontanata da lui:

La mia è stata un’affermazione rispettosa nei confronti delle persone con cui sono uscito e, invece, proprio per quelle parole, sono stato trattato come dovrebbe essere trattato un uomo che – a differenza mia – non rispetta le donne. La reazione di Ida è stata esagerata: io non ho fatto e non avevo alcuna intenzione di fare paragoni tra lei e le altre. Ho semplicemente tirato le somme su quello che ho vissuto in trasmissione. Ida si è fossilizzata su quella specifica riga della mia intervista, cosa che secondo me è stata solo un pretesto.

La donna ha accusato, inoltre, il cavaliere di un atteggiamento molto distaccato nel corso di questa loro nuova frequentazione:

Io avevo intenzione di fare le cose con calma. Stavolta Ida non avrebbe dovuto pretendere, come aveva fatto lo scorso anno, tutto e subito, senza rispettare i miei tempi. Questa volta io avevo davvero bisogno di fare le cose con calma. Io e Ida ormai ci conosciamo e sappiamo come siamo fatti caratterialmente, prima di fare qualsiasi passo in avanti avevo bisogno di capire se le nostre menti si sarebbero incastrate, perché abbiamo avuto seri problemi, ci scontravamo solamente. Questa volta volevo tenere fuori, almeno all’inizio, le persone che hanno minato la nostra relazione e quelle che avrebbero potuto soffrire qualora tra me e Ida ci fosse stato di nuovo un distacco. Persone come un suo collaboratore, che durante la nostra storia ci ha creato seri problemi, e suo figlio, che non è un giocattolo e che, benché sia ovviamente una parte fondamentale della vita di Ida, volevo coinvolgere nel nostro rapporto solo nel momento in cui fossimo stati certi di esserci capiti e dopo aver trovato un solido punto d’incontro.

Riccardo ha, poi, proseguito:

Questo ‘tutto e subito’ che lei pretendeva, a me non andava bene: anche io ho i miei impegni e i miei problemi. In passato davvero ho messo al primo posto Ida. […] Quando stavo con Ida, per stare a Brescia con lei, mi mettevo in cassa integrazione durante quelle poche settimane che venivo chiamato a lavorare. Lavoravo all’ILVA di Taranto e mi chiamavano a lavorare 15 giorni al mese. Ora, proprio a causa delle mie assenze, sono stato messo in cassa integrazione per 5 anni. Ida veniva al primo posto nella mia vita, ma ora, al primo posto ci devo essere io, e non per egoismo… […] Purtroppo Ida è molto testarda. Io desidero ancora una famiglia e con lei ho pensato di costruirne una, anche ultimamente, ma tutto deve essere fatto in base ai miei tempi e, se manca la tranquillità tra noi, è impossibile costruire un futuro insieme. Con queste basi cosa avremmo potuto dare ai nostri figli? Io non mi sono mai sposato e non ho figli proprio perché sono valori in cui credo molto. Non vorrei ritrovarmi con un matrimonio fallito alle spalle e figli divisi tra i genitori. Ida, proprio perché ha avuto un passato sentimentale travagliato, dovrebbe apprezzare questa cosa. Ha incontrato la persona che avrebbe potuto darle ciò che cerca da tempo e, invece, ha sfogato su di me tutto quello che ha accumulato nell’ultimo periodo. Ida questa volta non mi ha dato una possibilità, mi ha messo alla prova e basta. Avrebbe dovuto apprezzare il mio gesto…

La storia tra la Platano e il Guarnieri sembra essere ora giunta definitivamente al capolinea, ma il cavaliere non smette di credere nell’amore, anche se non dovesse più avere il volto della sua amata:

Voglio riprovare, un giorno, lo stesso amore che ho provato per Ida!

Che ne pensate delle sue parole?

COMMENTI