Uomini e Donne, Bohdan Beyba arrabbiatissimo con Samantha Curcio: “Gesto di ripicca nei miei confronti, una delle cose più brutte che mi siano successe”

L’ex corteggiatore si sfoga a quasi un mese dalla non scelta

Ludovica Maggio 28, 2021

Samantha e Bohdan

Bohdan Beyba è stato un corteggiatore di Samantha Curcio nel corso dell’ultima stagione di Uomini e Donne. La ragazza, dopo aver conosciuto lui e Alessio Ceniccola, ha deciso di abbandonare lo studio con quest’ultimo. Il giorno della scelta, la tronista ha comunicato a Bohdan la sua volontà di non iniziare una relazione con lui permettendo ad Alessio di rimanere in studio ed assistere al loro confronto.

Questo gesto di Samantha non è piaciuto a Beyba che a Uomini e Donne magazine ha detto:

Secondo me quello di Samantha è stato un gesto di ripicca nei miei confronti. Penso sia stata una delle cose più brutte che mi siano mai successe, sia nel programma sia personalmente. Ora come ora non provo nulla, neanche rancore; Samantha si è dimostrata diversa rispetto alla persona che pensavo di conoscere. Credo che non abbia capito nulla di me. No, non mi manca per nulla anche perché non ci siamo lasciati in modo bellissimo: Samantha si è dimostrata una persona diversa rispetto a quella che credevo.

L’ex corteggiatore ha poi aggiunto:

Non ha capito praticamente nulla di me. Dalle cose che mi ha detto, non c’è neanche una minima cosa in cui mi rispecchio e questo mi dispiace molto. Essere rifiutati non è mai bello, anche perché io sono cresciuto a suon di rifiuti. Diciamo che quel “no” mi ha molto provato: nel momento in cui ho realizzato di non essere stato scelto, la mia mente si è appannata.

Riferendosi alle parole usate dalla Curcio per comunicargli la sua scelta, Bohdan ha ammesso:

Sinceramente, le parole di Samantha non mi hanno assolutamente ferito perché so chi sono; non ho dato peso a ciò che ha detto dal momento stesso in cui ho capito che, in realtà, lei non mi conosceva affatto.

Durante il suo percorso, il ragazzo è stato spesso accusato di rimanere troppo in silenzio:

Innanzitutto, è giusto spiegare che sono rimasto in silenzio perché credo si debba essere uomini, soprattutto in situazioni del genere: non me la sentivo di interrompere il discorsetto di Samantha preparato la sera prima (sorride). In ogni caso, non ho nient’altro da aggiungere al mio silenzio. Auguro il meglio a Samantha, anche se credo che al centro di quello studio abbia gettato la maschera e si sia dimostrata una persona diversa da quella che credevo.

Che ne pensate di queste dichiarazioni?

COMMENTI