Linda Batista: “Per amore di una persona speciale ho accettato di recitare la parte di un trans ne ‘Il bello delle donne 4’!”

Di Edicola - 11 novembre 2015 17:11:32

Nuovo

L’attrice Linda Batista torna in Italia dopo aver partecipato a grandi produzioni cinematografiche e televisive in giro per il mondo: è notizia degli scorsi giorni che farà parte del cast de Il Bello delle donne 4, in onda dal prossimo anno su Canale 5. Ad attenderla c’è una sfida delicata, sia dal punto di vista professionale sia personale. Nota al pubblico italiano per ruoli di primo piano in fiction come Incantesimo ed Elisa di Rivombrosa, Linda vestirà, per la prima volta, i panni di un transessuale e svela la ragione molto intima che si cela dietro questa scelta: “Le riprese della serie sono già cominciate, ma il mio personaggio farà il suo ingresso in scena solo tra qualche settimana. Non vedo l’ora di iniziare! Il mio ritorno sul set stavolta avrà un valore grandissimo per me. E’ senza dubbio un personaggio difficile, ma allo stesso tempo esuberante. Non posso ancora svelarne i dettagli, ma vi anticipo che mi divertirò molto a conciliare il lato ironico con quello più sentimentale. Queste tematiche mi stanno a cuore da sempre, ma ammetto che in passato non me la sono sentita di cimentarmi in personaggi del genere“. Che cosa l’ha spinta, allora, ad accettare stavolta? “Dietro questa decisione c’è una persona meravigliosa che si chiamava Nizzy. Mia figlia Lais è stata cresciuta non da una tata ma da un ‘tato’, un ragazzo gay che per quindici anni si è occupato della sua educazione e che purtroppo tre anni fa è venuto a mancare. Questo personaggio mi darà la possibilità di onorare la sua memoria e di celebrare la gioia di averlo avuto vicino per tanti anni. Quando è nata mia figlia Lais avevo 19 anni. Non è stato facile conciliare il mestiere di attrice con il ruolo di mamma ma sono sempre stata una mamma protettiva. Quando Lais era piccolina la portavo sul set e gli addetti ai lavori giocavano con lei e se ne prendevano molta cura“. Oggi che Lais ha 24 anni, quando si chiede a Linda se ha seguito le sue orme nel mondo dello spettacolo, racconta: “No. lei ha scelto di fare tutto tranne che stare davanti alle telecamere! Fin da piccola non ha mai amato i riflettori. Lei veniva con me sui set perché era inevitabile, non perché ne fosse incuriosita. Si è laureata da poco in Economia dei Beni culturali. Sono una mamma orgogliosa, innamoratissima di sua figlia“. La Batista racconta poi quali sono stati, in questi anni, i suoi impegni fuori dall’Italia: “Ho lavorato in film e fiction negli Stati Uniti e in Sud America e ho avuto la fortuna di conoscere artisti come il cantante Pitbull: grazie a lui ho preso parte al video di Osmani Garcia, Gol. In questi anni c’è stata più possibilità di lavoro all’estero, ma oggi sono tornata piena di felicità e ambizioni. E devo ringraziare il mio pubblico che mi ha aspettata. Spesso porto ancora Lais con me: di recente siamo state a New York. Voglio regalarle la possibilità di girare il mondo. Preferisco togliere spazio all’amore: è lei la persona più importante della mia vita. Al momento non ho un compagno, però non ho abbandonato l’idea di sposarmi. L’amore è così, quando meno te lo aspetti suona alla porta. La cosa simpatica è che i ragazzi molto più giovani di me mi fanno una corte spietata! Ma io non ho mai ceduto al fascino del toy boy! Per quanto a 40 anni io mi senta ancora una ragazzina, piena di voglia di fare, gli uomini più giovani non fanno per me. Mi lusinga incuriosirli, ma il compagno che cerco deve essere di alto livello intellettuale, capace di comprendere lo stile di vita dovuto alla mia carriera… Trovare una persona così comprensiva è come vincere al superenalotto!“. Tornando alla tv, quando le si chiede se è vero che sarà nel cast del Grande fratello vip, rivela: “Ho ricevuto la proposta di partecipare, ma deciderò se accettare solo quando il cast sarà definito. La partecipazione a La fattoria mi ha fatto capire che il carattere dei personaggi con cui si condivide un reality è fondamentale. Io sono spontanea e genuina, a differenza di certi colleghi che non sanno separare il ruolo pubblico dalla sfera privata. Tra le persone più sincere che ho conosciuto a La fattoria ricorderò sempre Donatella Rettore: lei è una donna davvero speciale“.

Fonte: Nuovo