Giovanni Caccamo e Deborah Iurato: “Cantando insieme, scoccherà l’amore tra di noi? Non si sa mai!”

Deborah Iurato e Giovanni Caccamo

Lui è stato il vincitore di Sanremo Giovani lo scorso anno, lei il primo gradino del podio l’ha raggiunto, invece, nel 2014 ad Amici Di Maria De Filippi. Stiamo parlando di Giovanni Caccamo e Debora Iurato, che negli scorsi giorni hanno affrontato insieme la magnifica esperienza del Festival Di Sanremo, duettando sulle note del brano Via Da Qui. Il palco dell’Ariston ha regalato loro un soddisfacente terzo posto, subito dopo Francesca Michielin e gli Stadio, vincitori della 66^ edizione del Festival della canzone italiana, ma anche la consapevolezza di formare insieme una squadra e di saper regalare emozioni al pubblico che li ha ancora una volta premiati.

Alle pagine del settimanale Chi diretto da Alfonso Signorini, i due giovani talenti si sono raccontati senza filtri ed è stato Giovanni a spiegare cosa apprezza tanto di Deborah:

La cosa che mi ha colpito sin dall’inizio di Deborah è stata, nonostante abbiamo personalità lontane, voci diverse, mondi distanti come bianco e nero, la luce dei suoi occhi. Ho riconosciuto quella brillantezza e autenticità nell’approccio con la musica che ho io. Vedo artisti con gli occhi spenti mentre io sono attratto dalla luce.

La domanda, poi è sorta spontanea: non è che cantando, è scoccato l’amore? Ma i due hanno tergiversato, regalando un sorriso:

Non si sa mai, chissà, non sappiamo (ridono, ndr)!

E’ stato, poi, il turno della Iurato, che ha speso qualche parola nei confronti del compagno d’avventura:

Io gli dico sempre che lui ha la faccia da attore, ha dei bellissimi lineamenti.

E Caccamo le ha fatto subito eco:

A me di lei piace lo sguardo, poi mi colpisce la sua modestia surreale, ho passato l’80 per cento del tempo a farle i complimenti per la sua bellezza, che lei sembra non notare. Ogni volta che la vedevo vestita per la serata le dicevo: “Vedi come stai bene? Sei bellissima”. Lei non ha questa percezione.

Quando a entrambi viene poi chiesto di quantificare da uno a 10 quanto ci sia nell’altro della persona ideale, entrambi rispondono decisi:

Dieci e mezzo!

Che dite, presto ci racconteranno della nascita del loro amore?