‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sul Trono classico del 21/11/2017

Di Isa - 21 novembre 2017 19:11:30

Trono classico

Incredibile! Incredibile! Nelle vene di Paolo Crivellin scorre del sangue! Fenomenale! Cioè ci voleva quella cerbiattona di Giorgia Caldarulo per smuovere Paoletto dal suo perenne status di manichino dell’Upim bellissimo e razionalissimo e mostrarci che, si!, è vivo, è vivo anche lui!

Allora, dare un parere articolato sul suo trono mi risulta un po’ difficile perché, vi dico la verità, è stato così spezzettato e così buttato lì a caso tra una scelta di Marciano e uno sclero di Raniolo, che ad oggi faccio un po’ fatica a ricordarmi i passaggi e, ancora di più, ad avere delle preferenze, però quel che è certo è che vedere finalmente un po’ di fuego, di istintività, di passione anche da parte del Crivellin mi ha fatto piacere.

Insomma, Paolo sin dall’inizio ha riscontrato la mia simpatia perché è un ragazzo a modo, che sa esprimersi, che è capace di fare due ragionamenti che vadano oltre i classici “per come sono fatto io“, “la redazione lo sa“e che, di conseguenza, tende a spiccare, quantomeno a livello proprio mentale, rispetto a buona parte dell’umanità che lo circonda in quello studio. Il suo problema, però, è sempre stato il troppo: troppo perfetto, troppo misurato, troppo razionale, troppo composto, così perfetto, preciso e composto da sembrare quasi un robot.

Per questa ragione l’esterna con Giorgia a me è piaciuta davvero tanto perché, ok, magari lei è un po’ gattona e un po’ piaciona, insomma la classica corteggiatrice che, nei copioni standard dei troni uominiedonniani, sta lì a ricoprire il ruolo di colei che fa le esterne fisiche e passionali per provocare le reazioni della futura scelta, però devo dire che in questo specifico caso, dato il carattere del Crivellin, io le vorrei dare qualche chance in più perché penso che a Paolo avere accanto una donna più “leggera” (dove leggera non sta assolutamente per “facile” ma sta per spensierata, , poco cervellotica e più per il ‘viviamo la vita giorno per giorno‘) come sembra essere Giorgia, potrebbe far bene… insomma potrebbe essere quella ventata di aria fresca e nuova che potrebbe mettere fuori posto qualche pezzo del puzzle perfetto che Paolo sembra essersi costruito intorno, potrebbe essere quell’elemento imprevisto e ingestibile all’interno di una vita ben organizzata in ogni minimo dettaglio.

Uso il condizionale e penso che a breve lo userò al passato, perché credo che alla fine così non sarà. Penso che la scelta di Paolo al momento penda al 90% verso Angela Caloisi. Non che la cosa in realtà mi dispiaccia più di tanto, eh, perché comunque Angela non genera in me alcun tipo di antipatia… il discorso è solo che per certi versi vedo entrambi abbastanza simili, di una similitudine che, invece di smorzare i loro difetti caratteriali, potrebbe portare a raddoppiarli. Insomma, mai vorrei trovarmi ad assistere a un loro eventuale futuro chiarimento di coppia…a forza di pipponi mentali e di ragionamenti di principio, dallo psicologo ci finirei io.

Mi spiace per Ester Glam, soprattutto mi spiace che Paolo l’abbia cancellata così, come se mai fosse esistita, ma è altrettanto vero che se di fondo l’interesse era poco, tanto vale saperlo e non perdere ulteriormente tempo. Tranquilla, Esteruccia, ne troverai a palate. 😀

Sul fronte Alex Migliorini voi sapete che io ho sempre avuto questa innata (e immotivata :D) empatia verso Claudio Merangolo e, vi dirò, l’esterna di oggi mi è pure piaciuta parecchio. Ciò che non mi è piaciuto è stato l’atteggiamento di Claudio in studio, per la prima volta l’ho trovato davvero sgradevole. Questo continuo dare ad Alessandro D’Amico dell’ignorante, del buzzurro, della persona di basse qualità intellettive, questo, a sua volta, autoincensarsi e porsi su un piano di superiorità con i vari “io non posso confrontarmi con un come lui“, è stato assolutamente fastidioso e insopportabile. No, no, Claudiè, non ci siamo proprio, mi dispiace. Il giorno in cui corteggiatori e corteggiatrici smetteranno di azzuffarsi e di cercare di sminuirsi a vicenda e si concentreranno solo e unicamente sull’atteggiamento del tronista accenderò un cero a Santa Queen Mary da Pavia, giuro.

In tutto ciò impeccabile il ragionamento di Alessandro nei confronti di Alex, lo ha praticamente messo con le spalle al muro ma per farlo non ha usato l’arma del ricatto bensì quella della logica: “il mio sarà comunque un si perché tu mi piaci, però visto che le cose tra me e te vanno bene e non hai più bisogno di capire niente io non verrò più in esterna, anzi se ti serve più tempo per capire Claudio gli cedo pure il tempo delle esterne mie“.

Sul rientro del Raniolo rimando a tutto ciò che ho scritto nell’opinione di ieri. Unica nota aggiuntiva: alzi la mano chi ha pensato che Sabrina Ghio sperasse con tutto il corazon che lui volesse chiarire con lei perché in fondo, in fondo, in fondo dell’interesse c’era.

Niente, c’è poco da fare, ci possono dire che non ci vogliono, che non gli piacciamo, che non sono attratti da noi, ma quando ci prendiamo una scuffia saremmo capaci di vedere dei segnali di speranza anche in un vaffanculo… il tutto quando alla fine la verità è limpida e chiara. “La verità è che non gli piaci abbastanza“.

Video della puntata: Puntata interaEsterna di Paolo e EsterEsterna di Paolo e Giorgia“Mi son rotto”Esterna di Alex e Claudio Esterna di Alex e AlessandroUn “pacato” confrontoEsterna di Paolo e AngelaDentro o fuori?