‘Isola 13’, Cecilia Capriotti pronta a festeggiare il Natale svela qual è il suo sogno d’amore con Gianluca Mobilia!

24 Dicembre, 2019 di Stefania

Cecilia Capriotti e Gianluca Mobilia

L’abbiamo vista all’opera prima durante la tredicesima edizione de L’Isola dei Famosi, ricordata per lo più per l’esplosione dello scandalo del canna gate, e poi ad interloquire su vari temi nei salotti televisivi di Barbara D’Urso, ma prima di tutto Cecilia Capriotti è una mamma innamoratissima di Marie Isabelle, nata tre anni fa dall’amore con l’imprenditore Gianluca Mobilia. Non ha mai nascosto che è proprio per sua figlia che ha accettato di partecipare al reality show ambientato in Honduras, ma è sempre per la sua mancanza che è stata ben felice di essere presto eliminata dal televoto.

In prossimità delle feste natalizie, la Capriotti ha rilasciato un’intervista al settimanale Chi, in edicola ogni mercoledì, in cui ha raccontato come trascorrerà questi giorni.

Vigilia e Natale li trascorreremo dalla mia famiglia ad Ascoli Piceno, dove c’è anche mia sorella. E poi lì ho dieci zie perché mia mamma ha dieci sorelle. La mia famiglia è molto numerosa (mia mamma sta già cucinando da due mesi…). Poi raggiungeremo a Firenze la famiglia di Gianluca, il papà e la sorella, che si è trasferita nella città.

Niente mete esotiche, dunque, per la soubrette marchigiana.

Queste feste le facciamo tutte in famiglia, le vacanze al caldo le faremo in febbraio, l’abbiamo deciso insieme: durante l’anno ci sono il lavoro, la bambina che va a scuola… Sì, va alla materna, ma frequenta un istituto internazionale e quest’anno comincerà a studiare anche il cinese e voglio vedere se avrà pure i compiti. Comunque abbiamo deciso così per non trascurare le famiglie, mia mamma e mia sorella vengono spesso a Milano, ma il padre e la sorella di Gianluca… Lui ha perso la mamma, non li vediamo spesso. Alla fine stare in famiglia è la cosa più bella.

Fino a questo momento è sempre stata restia nel parlare di una seconda maternità, ma adesso è pronta a prendere seriamente in considerazione questa ipotesi, anche perché desidera per la sua piccola la stessa fortuna che ha avuto lei nell’avere una sorella maggiore pronta a proteggerla dopo la morte del loro papà.

Allargare la famiglia? Sì, in effetti, ne stiamo parlando. E Maria Isabelle mi ha già detto che vuole una sorellina: nessuno di noi due desidera lasciarla figlia unica, a dirla tutta. Io ho perso il mio babbo quando avevo due anni, e per me mia sorella è stata fondamentale, lei è più grande… Vede, allora fu come subire due lutti. Perché vedevo mia madre sempre triste, sempre vestita di nero. E l’ho vista così per anni. Noi siamo state mandate dalle suore, se non avessi avuto mia sorella, non so come sarebbe andata. Ma se le suore mi facevano piangere lei arrivava subito: e poi era la mia interprete. Quando morì papà smisi di parlare, ci misi tre anni per riprendere, così, quando ho iniziato di nuovo a parlare, avevo come una strana lingua, tutta mia, diciamo. E mi capiva solo lei. Ecco, però non lasciare sola la bimba non può essere l’unico motivo per fare un altro figlio. Non siamo due ragazzini, a me un po’ spaventa ricominciare daccapo.

Anche sull’argomento matrimonio c’è tanta titubanza: mentre lei sogna l’abito bianco, il suo compagno non è dello stesso avviso.

Sogno l’abito bianco, è vero, e Gianluca, per carità, ha il senso della famiglia, è un papà fantastico, è un gran lavoratore, ma per lui il matrimonio significa poco, anzi, lui dice: “Se proprio devo, allora ci sposiamo”. Io sogno l’abito bianco, ma certo però sogno anche la cena, l’anello, la proposta in ginocchio, le parole importanti: io sogno “il sogno”. Ma il mio non è un appello per farmi sposare, se non viene da lui… Lui sa che ho questo desiderio… Che poi, ma anche io, da quando è nata la bambina un po’ l’attenzione l’ho spostata. Da quando sono mamma sono veramente felice, prima sentivo che mi mancava qualcosa.

E voi che ne pensate?