‘Uomini e Donne’: l’opinione di Chia sulla puntata di oggi del Trono over

Di Chia - 28 aprile 2015 19:04:59

Trono over

La violenza è una cosa brutta, lo so bene. Ma quanta me ne ispira questa vecchia caciotta cattolica non si spiega.

Alla timorata di Dio Maria S. non serve un compagno, serve un paggetto. Un po’ come Mauricio per Donna Francisca, più o meno (perdonate l’inusuale paragone, ma ultimamente Uomini e Donne è così carente di spunti interessanti che m’è presa la scimmia per Il Segreto… quanto meno questi spagnoli sanno recitare, santo cielo!). O semplicemente un Ken, se freme così tanto all’idea di plasmare un maschione a proprio piacimento. Da settimane infatti sta frequentando Giovanni, quel signore che per lei ha snobbato Maria la rossa, ma non fa altro che trovargli difetti, uno dopo l’altro… Stando a quanto raccontato, secondo lei il cavaliere sarebbe un nano con dei capelli improponibili (che la dama ha subito ordinato di far tingere) e delle mani inguardabili (ma quelle purtroppo non si possono cambiare), che non solo non sa ballare (gravità assoluta, visto che lei ha vinto ben 4 coppe nella sua vita!) ma è pure un semplice geometra squattrinato senza uno straccio di laurea né di appartamento con terrazza vista Etna. Un reietto che non si sa che campi a fare, praticamente.

Maria S. oggi ha persino rivelato l’esistenza di una presunta relazione clandestina tra l’uomo ed una sua ex (relazione alla quale, dopo il giuramento di Giovanni sul figlio defunto, non potrei credere per alcun motivo) pur di giustificare la sua volontà di interrompere la frequentazione. Quate bale per dire che La verità è che non gli piaci abbastanza proprio per un ca**o.

Per il cavaliere è poi arrivata una nuova dama, Maddalena (e si sa, passare da MariaMaddalena è il sogno di qualsiasi brav’uomo cattolico di mezza età), quindi staremo a vedere come si evolverà la situazione…

Ma il fulcro della puntata di oggi, a parte l’indolore passaggio in chiusura del gabbiano George con quella bellezza acqua e sapone di Sonia, è stata la tormentata vicenda tra Samuel Baiocchi e la bionda Emanuela. Eravamo partiti bene, con lezioni di yoga dal retrogusto porno che avevano fatto infoiare mica poco il nostro muflone, ma già la settimana successiva è accaduto l’irreparabile: l’ex moglie di lui aveva qualche problema (non grave né di salute, a quanto s’è capito) e Samuel ha scelto di starle vicino, ma al contempo si aspettava un sostegno e una vicinanza da parte di Emanuela che non ci sono stati… E io sinceramente non le posso dare torto, visto che se dopo una conoscenza di una sola settimana l’uomo che stai frequentando ti sembra assente e il motivo è l’ex moglie magari un passo indietro lo fai, vuoi perché la circostanza ti puzza un po’, vuoi per rispetto di una situazione che non conosci e che tutto sommato non ti riguarda… Non tutti funzioniamo allo stesso modo, e se il Baiocchi è uno a cui un maggiore interessamento alle proprie vicende fa piacere stava a lui farlo presente alla dama, perché molti al posto suo, se si fossero trovati di fronte ad una donna conosciuta da così poco che magari si intromette con insistenza negli affari tuoi pur sapendo del momento delicato che stai vivendo, avrebbero storto il naso forse più di quanto abbia fatto lui con Emanuela

In questi anni abbiamo visto Samuel interagire con molte dame, della maggior parte delle quali era evidente che non gli importasse un fico secco… Con Emanuela lo vedo diverso: già il fatto che non avesse troncato la conoscenza dopo i mancati quattro salti in padella palestra del primo appuntamento era degno di nota, e che oggi non sia riuscito a chiudere definitivamente il capitolo nonostante l’insistenza di Maria De Filippi e della dama stessa è altrettanto sintomatico di un interesse che -checché lui possa dire- non si è ancora spento come un cerino… deve solo mettere da parte l’orgoglio e notare che per una volta di fronte a lui non è seduta una pazza che non vede l’ora di attaccarlo e di dargli del mero oggetto sessuale, ma una donna che con la massima calma riesce persino a scusarsi per non aver capito i suoi stati d’animo, senza per questo ridursi ad uno zerbino. Baiocchi, ascolta zia: una così quando te ricapita?

E niente, a me è partita la ship, arevuà.

Video dalla puntata: Puntata interaIl pianto di Samuel – Visioni differenti – Alt e avanti – Un antipatico elenco – Voci e segnalazioni – Puntualizzazioni – Piacevolmente insieme